Polipo del colon

Principale Ulcera

Un polipo del colon è un tumore benigno che cresce dallo strato ghiandolare delle pareti di questo organo. Le neoplasie benigne possono comparire in qualsiasi persona, indipendentemente dal sesso o dall'età. Nonostante il fatto che le ragioni per il verificarsi di tali formazioni siano sconosciute, nella stragrande maggioranza dei casi si sviluppano sullo sfondo della malnutrizione o della presenza di disturbi cronici gastrointestinali.

Quasi sempre, la malattia procede senza l'espressione di manifestazioni cliniche, tuttavia i sintomi saranno pronunciati a causa della crescita multipla o della formazione di un grande polipo.

La diagnostica prevede l'implementazione di una vasta gamma di misure, che vanno dalle interviste e all'esame fisico del paziente e si concludono con esami strumentali del paziente. Il trattamento dei polipi nell'intestino crasso viene effettuato solo con metodi chirurgici, ma dopo l'intervento chirurgico, il recupero viene mostrato utilizzando metodi conservativi, inclusa una dieta dopo la rimozione dei polipi.

Nella classificazione internazionale delle malattie, una tale patologia ha un suo significato - il codice ICD-10 - K63.5.

Eziologia

Il meccanismo di sviluppo e le ragioni esatte dell'insorgenza di tale malattia sono precisamente sconosciute agli specialisti nel campo della gastroenterologia. Tuttavia, è consuetudine per i medici distinguere un gruppo piuttosto ampio di fattori predisponenti per tale malattia:

  • cattiva alimentazione - mangiare un gran numero di cibi grassi e piccanti aumenta notevolmente la probabilità di sviluppare una malattia. Allo stesso tempo, il consumo di fibre, vitamine e oligoelementi benefici impedisce lo sviluppo di polipi;
  • la presenza di patologie gastrointestinali croniche nella storia della malattia - i medici sostengono che anche i tumori benigni non compaiono sui tessuti sani. L'emergere di polipi è facilitato da processi infiammatori cronici con localizzazione negli organi del tratto digestivo. Questa categoria comprende la colite, in particolare la colite ulcerosa, la discinesia del colon, le lesioni ulcerative di questo organo e la malattia di Crohn;
  • la suscettibilità del corpo alla costipazione cronica;
  • assunzione indiscriminata di farmaci, in particolare antibiotici e farmaci che eliminano i disturbi intestinali;
  • dipendenza a lungo termine dal fumo di sigarette o dal consumo di un gran numero di bevande alcoliche;
  • bassa attività fisica - le condizioni di lavoro sedentarie aumentano la probabilità della formazione di patologie gastrointestinali, contro le quali può svilupparsi il disturbo principale;
  • fascia d'età superiore ai cinquanta;
  • fattore genetico: diagnosticare una malattia simile in un parente stretto aumenta le possibilità di sviluppare polipi nel colon.

Classificazione

Secondo la prevalenza del processo patologico, la poliposi dell'intestino crasso è:

  • single - caratterizzato dalla formazione di un tumore, che può raggiungere dimensioni significative;
  • multiplo - si distingue per la presenza di diversi focolai della malattia in diverse parti di questo organo;
  • diffusa - mentre l'intera superficie del colon è soggetta a poliposi. I polipi familiari sono spesso diffusi.

A seconda della struttura, è nota la seguente classificazione di polipi del colon:

  • polipo adenomatoso del colon - agisce come una condizione precancerosa, poiché nel 90% dei casi degenera in oncologia;
  • polipo armatromico - si forma dal tessuto normale di questo organo in caso di sviluppo sproporzionato di qualsiasi segmento di tessuto;
  • polipo del colon iperplastico - è considerata la forma più comune della malattia. Nella stragrande maggioranza dei casi, tali tumori non crescono a grandi volumi;
  • polipo infiammatorio - è il risultato di un processo infiammatorio acuto o cronico nel tratto gastrointestinale.

A sua volta, il polipo adenomatoso è anche diviso in diverse forme ed è diviso in:

  • tubolare o ghiandolare - hanno una superficie liscia e densa;
  • villous: in superficie c'è un gran numero di escrescenze simili a rami;
  • tubolare villi.

Nella forma a cui assomigliano i polipi del colon, i tumori sono:

Inoltre, tale neoplasia può avere una base larga o uno stelo sottile..

Sintomi

Abbastanza spesso, una tale malattia è completamente asintomatica, motivo per cui viene rilevata per caso durante un esame di routine da un gastroenterologo o durante un esame strumentale riguardo a un disturbo completamente diverso.

Più grande è il polipo in termini di dimensioni o quantità, più pronunciati saranno i segni clinici. Pertanto, i polipi nel colon presentano i seguenti sintomi:

  • sensazioni di dolore che sono localizzate nelle parti laterali della parete addominale anteriore e si intensificano durante i movimenti intestinali. Spesso i dolori esplodono, fanno male o sono crampi;
  • feci turbate, che ha la forma di costipazione e diarrea alternate;
  • vertigini e pallore della pelle - indica lo sviluppo di anemia, che, a sua volta, si forma sullo sfondo di un'emorragia interna prolungata;
  • nausea e vomito;
  • bruciore di stomaco e eruttazione;
  • la comparsa di impurità di sangue o muco nelle feci - questo porta spesso a prurito nell'area anale;
  • aumento della temperatura corporea a 37,5 gradi.

Poiché tali sintomi sono tipici di un gran numero di altre patologie del tratto gastrointestinale, quando compaiono i primi segni, è necessario cercare l'aiuto di specialisti il ​​prima possibile..

Diagnostica

Per fare una diagnosi corretta, è necessario eseguire una vasta gamma di misure diagnostiche, che includono:

  • familiarizzazione del medico con la storia medica del paziente e la storia della vita - questo può rivelare la causa più probabile della comparsa di polipi nel colon in una determinata persona;
  • un esame fisico approfondito;
  • un'indagine dettagliata del paziente per la prima volta dell'insorgenza e della gravità dei sintomi;
  • analisi del sangue generale e biochimica - per la determinazione finale della malattia che potrebbe diventare la fonte della malattia, nonché per identificare l'anemia;
  • esame microscopico di feci - mostrerà la presenza di sangue latente;
  • EGD e altre procedure diagnostiche utilizzando un endoscopio;
  • Radiografia del colon usando un mezzo di contrasto;
  • sigmoidoscopia e colonscopia;
  • TC e risonanza magnetica;
  • consultazione aggiuntiva con un terapista o un pediatra.

Trattamento

L'eliminazione della malattia è possibile solo con tecniche chirurgiche e i metodi di terapia conservativa vengono utilizzati nel periodo postoperatorio. Oggi, le neoplasie benigne vengono rimosse con i seguenti metodi:

  • rimozione endoscopica di polipi del colon - una procedura simile è indicata per tumori piccoli singoli o multipli;
  • escissione totale dell'organo interessato - le principali indicazioni per questo sono molteplici (decine) grandi polipi, nonché poliposi diffusa o sospetto di malignità.

Il trattamento per un polipo del colon dopo l'intervento chirurgico include:

  • assunzione di farmaci - per neutralizzare i sintomi;
  • usando unguenti o supposte topici per l'irritazione della pelle intorno all'ano;
  • terapia dietetica - un elenco di alimenti consentiti e vietati, un menu di esempio e raccomandazioni per la cottura sono forniti dal medico curante individualmente per ciascun paziente;
  • applicazione di prescrizioni per terapia alternativa. Il trattamento con rimedi popolari prevede l'uso di - celidonia e viburno, baffi dorati e agrimonia, semi di zucca e olio di canfora, miele e propoli, corteccia di quercia e olio di olivello spinoso.

Vale la pena notare che dopo la rimozione del polipo, i pazienti devono sottoporsi a colonscopia ogni tre anni. Ciò è necessario per la diagnosi precoce di una ricaduta di una malattia o di una complicazione come il cancro..

Prevenzione e prognosi

Non sono state sviluppate misure preventive speciali per i polipi del colon. Tuttavia, i medici raccomandano:

  • eliminare completamente le dipendenze dannose;
  • condurre uno stile di vita moderatamente attivo;
  • aderire a una dieta corretta ed equilibrata;
  • trattare tempestivamente eventuali malattie del tratto gastrointestinale;
  • prendere i farmaci rigorosamente secondo le istruzioni del medico;
  • sottoporsi regolarmente a un esame preventivo completo in un istituto medico.

Il polipo del colon è una malattia che viene trattata con successo e ha una prognosi favorevole. Fatta salva l'osservanza di semplici regole, è possibile evitare il ripetersi della malattia e la trasformazione del tumore in cancro.

Polipo adenomatoso del colon

Krasnodar, st. 40 anni di vittoria, 108

Lun-Sab: dalle 08:00 alle 20:00

Dom: dalle 09:00 alle 17:00

Krasnodar, st. Yana Poluyana, 51

Lun-Sab: dalle 08:00 alle 20:00

Polipi del colon e del retto

Polipi del colon-

queste sono formazioni tumorali di natura benigna. Sono una crescita eccessiva dell'epitelio ghiandolare e di solito hanno la forma di un fungo o un grappolo d'uva sulla mucosa intestinale, su un gambo sottile o spesso.

Possono essere sia singoli che multipli, oltre che di gruppo. In termini di dimensioni, i polipi possono essere diversi millimetri fino a 5-6 cm. La lunghezza di una gamba sottile di un polipo a volte può raggiungere i 2 cm.

Molto spesso, la malattia è asintomatica e i polipi vengono scoperti per caso quando un paziente cerca un medico per un'altra malattia.

Dei sintomi non specifici, notano:

  • Scarico di sangue durante i movimenti intestinali (svuotamento del retto)
  • dolore nel retto durante i movimenti intestinali;
  • mal di stomaco. Molto spesso sono localizzati (situati) nelle parti laterali dell'addome e nell'ano. Per natura del dolore, può essere crampi e dolori, scoppi, placarsi dopo il movimento intestinale e può peggiorare prima della defecazione. In questo caso, il dolore è significativamente indebolito dopo l'uso di un cuscinetto riscaldante caldo e di farmaci enzimatici (che influenzano il metabolismo); disturbo delle feci - costipazione o diarrea (feci molli); anemia (una diminuzione dell'emoglobina nel sangue (una sostanza che trasporta ossigeno nel sangue)).

La comparsa di sangue nelle feci è il sintomo più caratteristico. Il sangue viene rilasciato in una piccola quantità, non c'è sanguinamento volumetrico con poliposi. Con una crescita significativa di polipi dall'ano, il muco inizia a essere rilasciato, nella regione anorettale, a causa del costante ammollo, si notano sintomi di irritazione e prurito.

Se prima si credeva nei circoli medici che i polipi possono esistere per lungo tempo senza degenerare in una forma maligna, allora recenti ricerche condotte da scienziati confermano che nella maggior parte dei casi i polipi del colon degenerano in cancro entro 8-10 anni.

  • Adenomatosa. Tali polipi spesso degenerano in maligni. Con questa forma di polipi, parlano di una condizione precancerosa, poiché le cellule tumorali non assomigliano alle cellule dell'epitelio ghiandolare da cui si formano. Il polipo adenomatoso del colon è istologicamente differenziato in tre tipi: tubolare. Questo tipo di polipo è una massa rosa liscia e densa. Villo - caratterizzato da molteplici escrescenze simili a rami sulla sua superficie ed è di colore rosso a causa dell'abbondanza di vasi sanguigni che possono facilmente ferire e sanguinare. La prevalenza di tumori villi è circa il 15% di tutte le neoplasie del colon. Sono grandi e soggetti a ulcerazioni e danni. È questo tipo di tumore che molto spesso degenera in cancro. Tubolare-villo - è costituito da elementi di polipi villi e tubolari.
  • Hamarthromic. Tali polipi sono formati da tessuti normali, con uno sviluppo sproporzionato di uno degli elementi del tessuto
  • Iperplastico. Questo tipo di polipi si trova spesso nel retto, è piccolo e viene spesso diagnosticato nelle persone anziane. Il polipo iperplastico del colon è caratterizzato dall'allungamento dei tubuli epiteliali con una tendenza alla loro crescita cistica.
  • Infiammatorie. Polipi di questo tipo crescono nella mucosa intestinale in risposta a una malattia infiammatoria acuta..
  • Emocromo completo (rilevazione di anemia (diminuzione del contenuto di emoglobina (una sostanza che trasporta ossigeno)) a causa della perdita di sangue dall'intestino crasso a causa di un danno ai polipi);
  • Analisi delle feci per il sangue occulto (rilevamento del sangue nelle feci mediante un microscopio - può indicare un danno alle pareti intestinali e la presenza di una fonte di sanguinamento in esse).
  • Gastroscopia (una procedura diagnostica durante la quale il medico esamina e valuta le condizioni della superficie interna dell'esofago, dello stomaco e del duodeno utilizzando uno speciale strumento ottico (endoscopio)).
  • Esame rettale digitale (il medico inserisce il dito indice nel retto ed esamina il retto inferiore per le neoplasie).
  • Irrigoscopia (esame a raggi X dell'intestino crasso con un mezzo di contrasto iniettato nel retto con un clistere).
  • Sigmoidoscopia (esame del retto e delle parti inferiori del colon sigmoideo mediante un sigmoidoscopio (un tubo flessibile con uno strumento ottico e illuminazione, che viene inserito nel retto e consente al medico di vedere la presenza anche di piccoli polipi).
  • Colonscopia (un metodo simile alla sigmoidoscopia, ma durante la colonscopia l'immagine viene visualizzata su un monitor, che consente al medico di manipolare il dispositivo più facilmente.Se durante la procedura, il medico rileva polipi, può immediatamente rimuoverli o prelevare campioni di tessuto per ulteriori analisi istologiche (esame dei tessuti al microscopio)) ).

Nessun metodo di terapia farmacologica conservativa è in grado di far fronte ai polipi, quindi l'unico metodo radicale di trattamento delle formazioni patologiche è chirurgico. La rimozione dei polipi del colon viene eseguita con diversi metodi, la scelta delle tattiche di trattamento dipenderà dal tipo di neoplasia, dal numero di polipi, dalla loro dimensione e condizione.

Polipi singoli e multipli possono essere rimossi durante una procedura di colonscopia. Per questo, viene utilizzata un'apparecchiatura endoscopica speciale. Un endoscopio flessibile con un elettrodo ad anello speciale è inserito nel retto. Il cappio viene messo sulla gamba del polipo e il tumore viene tagliato.

Se il polipo è grande, viene rimosso in parti. I campioni di tumore vengono inviati per l'esame istologico, che consente di identificare i tumori maligni. La rimozione endoscopica dei polipi del colon è la procedura più delicata, è ben tollerata dai pazienti e non richiede un periodo di recupero. Il giorno dopo l'operazione, le prestazioni vengono ripristinate completamente.

I piccoli polipi possono essere rimossi usando moderni metodi alternativi: coagulazione laser, elettrocoagulazione, chirurgia delle onde radio. L'intervento viene effettuato utilizzando un raggio laser diretto o onde radio ad alta potenza. In questo caso, i tessuti circostanti non vengono feriti e l'incisione avviene a livello cellulare.

Contemporaneamente alla rimozione del polipo, i vasi sanguigni si coagulano, impedendo lo sviluppo di sanguinamento. Quando si utilizza il metodo dell'elettrocoagulazione, le formazioni simili a tumori vengono cauterizzate con una scarica elettrica. Tali interventi sono i meno traumatici e indolori, vengono eseguiti in regime ambulatoriale e non richiedono una lunga riabilitazione. La poliposi multipla diffusa viene trattata chirurgicamente eseguendo un'operazione di rimozione totale (resezione) dell'area interessata dell'intestino. Dopo la rimozione di formazioni tumorali grandi o multiple, nonché di polipi villi di qualsiasi dimensione, è necessario essere sotto la supervisione di un medico per 2 anni e sottoporsi a un esame endoscopico di controllo in un anno. In futuro, si consiglia di eseguire la procedura di colonscopia una volta ogni 3 anni. Se i polipi sono stati rimossi, che sono degenerati in maligni, il paziente deve sottoporsi a un esame di controllo una volta al mese durante il primo anno e successivamente una volta ogni 3 mesi.

Polipo adenomatoso

Il polipo adenomatoso è una formazione patologica iperplastica di forma sferica, a forma di fungo o ramificata, che si erge sopra la superficie del guscio interno di un organo e consiste di cellule ghiandolari a crescita insolita, a volte con inclusioni di elementi atipici.

Un polipo è un piccolo tumore benigno che sale sopra la mucosa di un organo. Le dimensioni dei polipi variano da pochi millimetri a diversi centimetri. Una caratteristica è la presenza di una gamba o di un'ampia base nel polipo, attraverso la quale è attaccato ai tessuti sottostanti.

I polipi adenomatosi sono considerati una patologia precancerosa. La probabilità di trasformazione maligna (malignità) di un polipo dipende direttamente dalle sue dimensioni. La probabilità minima di malignità si osserva con una dimensione del polipo inferiore a 1,5 cm (inferiore al 2%), con una dimensione di 1,5-2,5 cm - dal 2 al 10% e supera il 10% con una dimensione del polipo superiore a 2,5–3 cm. alto rischio di malignità nei polipi sessili.

I metodi conservativi di terapia per i polipi adenomatosi sono inefficaci. Ai pazienti con diagnosi di malattia viene raccomandato un trattamento chirurgico radicale.

Molto spesso, i polipi adenomatosi sono localizzati sulla mucosa dell'intestino crasso, dello stomaco e dell'utero..

Sinonimi: adenoma, polipo ghiandolare.

Cause e fattori di rischio

Questa patologia è spesso acquisita in natura; la probabilità che si formi un polipo ghiandolare aumenta con l'età.

Le ragioni per lo sviluppo di polipi adenomatosi:

  • predisposizione genetica;
  • patologia neuroormonale, endocrinopatia;
  • trauma cronico alla mucosa di un organo.

Allo stato attuale, è stata confermata una predisposizione ereditaria alla formazione di polipi: circa la metà di tutti i casi di malattia si riflette nella storia familiare. È stata dimostrata la presenza di aberrazione cromosomica: sono stati trovati cambiamenti nella struttura di alcuni cromosomi associati al gene responsabile della formazione di polipi.

Polipi gastrointestinali

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di polipi adenomatosi del tratto gastrointestinale:

  • un alto contenuto di prodotti raffinati che contribuiscono al ristagno del contenuto intestinale (alimenti ipercalorici, grassi e proteici con una piccola quantità di fibre causano una diminuzione dell'efficacia della peristalsi, provocano processi di putrefazione e fermentazione nell'intestino, sviluppo di intossicazione);
  • uno squilibrio della microflora gastrointestinale, che porta a una diminuzione dell'immunità locale, a un cambiamento nella differenziazione e nella rigenerazione delle cellule della mucosa dello stomaco e dell'intestino;
  • malattie concomitanti del sistema biliare e ridotta produzione di acidi biliari, che hanno un effetto mutageno sulla mucosa intestinale.

Polipi endometriali

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di polipi adenomatosi dello strato interno (endometrio) dell'utero:

  • malattie infettive e infiammatorie durante la pubertà e disturbi mestruali e (successivi) riproduttivi associati;
  • cambiamenti ormonali climaterici e premenopausali;
  • mastopatia;
  • interventi chirurgici (curettage diagnostico o terapeutico della cavità uterina, sondaggio della cavità uterina);
  • uso a lungo termine di un dispositivo intrauterino per la contraccezione (trauma endometriale).

Fattori di rischio non specifici comuni:

  • stati di immunodeficienza;
  • ipovitaminosi (vitamine C ed E);
  • carico ereditario (fibromi uterini, malattie oncologiche dei genitali e delle ghiandole mammarie, organi del tratto digestivo);
  • infiammazione cronica attiva e displasia della mucosa intestinale o degli organi del sistema riproduttivo (colite cronica, colite ulcerosa, morbo di Crohn, endometriosi, fibromi uterini, erosione cervicale, malattie a trasmissione sessuale);
  • alcune malattie croniche (diabete mellito, obesità, patologia tiroidea, ecc.);
  • stress neuropsichico cronico.

I polipi adenomatosi sono considerati una patologia precancerosa. La probabilità di trasformazione maligna (malignità) di un polipo dipende direttamente dalle sue dimensioni.

Forme della malattia

A seconda della struttura istologica, secondo la classificazione dell'Organizzazione mondiale della sanità, i polipi adenomatosi sono:

  • ghiandolare (o tubolare), che consistono in una rete di ghiandole ramificate complesse. Questo è il tipo più comune di polipi del colon;
  • villo, che sono caratterizzati da un significativo accorciamento della gamba o dalla sua assenza. Le escrescenze polipose sono simili alle infiorescenze di cavolfiore. Si trovano sia nel tratto gastrointestinale che sul rivestimento uterino;
  • misto, che hanno le caratteristiche delle due varietà precedenti. Si trovano in vari organi.

La maggior parte dei polipi villi ha una base larga; il loro indice di malignità è il più alto al 40%. Dopo la rimozione di polipi villi, la ricaduta si verifica in circa 1/3 dei casi.

Meno spesso, un polipo tubolare subisce una trasformazione maligna..

Sulla base della molteplicità, si distinguono tali polipi adenomatosi:

  • singolo;
  • multiplo (gruppo e sparso);
  • poliposi diffusa (familiare).

Il numero di formazioni di poliposi è estremamente importante in termini prognostici. I polipi solitari diventano maligni nell'1-4% dei casi e hanno una prognosi favorevole. Polipi multipli sono maligni in circa il 20% dei casi. La poliposi diffusa è generalmente caratterizzata da una lesione massiccia (ci sono centinaia e migliaia di polipi, e talvolta non ci sono aree di mucosa non affetta) e ha una significativa tendenza alla malignità - dall'80 al 100%.

Stadi della malattia

Nonostante la mancanza di una chiara delineazione delle fasi della malattia, la maggior parte dei polipi adenomatosi passa attraverso fasi successive di sviluppo da piccola a grande, da una bassa gravità dell'attività proliferativa a una maggiore, fino alla transizione verso un processo invasivo del cancro.

Sintomi

Polipi gastrointestinali

La maggior parte dei casi di formazione di polipi dello stomaco e dell'intestino crasso sono asintomatici o con lievi manifestazioni aspecifiche e sono reperti endoscopici accidentali. Si ritiene che almeno 5 anni passino dal momento in cui un polipo appare sulla mucosa alle prime manifestazioni cliniche..

I polipi solitari diventano maligni nell'1-4% dei casi e hanno una prognosi favorevole.

Di norma, quando un polipo raggiunge una dimensione significativa (2-3 cm), compaiono i seguenti sintomi:

  • sanguinamento dello stomaco (feci catramose o vomito "fondi di caffè");
  • scarico di muco e sangue rosso fresco dall'ano durante i movimenti intestinali;
  • frequente (forse doloroso) bisogno di defecare;
  • dolore nell'epigastrio, nella regione ombelicale, nell'addome inferiore e nell'ano;
  • prurito anale;
  • disturbi delle feci (costipazione, diarrea).

Al raggiungimento di dimensioni giganti, i polipi possono provocare ostruzione intestinale..

Polipi endometriali

Il polipo endometriale adenomatoso, come nel caso precedente, si sviluppa spesso in modo asintomatico. I segni di patologia si manifestano con un aumento della crescita della poliposi a dimensioni significative. Possibile germinazione di un polipo attraverso il canale cervicale nel lume della vagina.

I principali segni di un polipo endometriale:

  • dolori di trazione periodici nell'addome inferiore, spesso irradiati al perineo, regione lombare;
  • violazioni della funzione mestruale di diversa natura (sanguinamento doloroso prolungato, irregolarità del ciclo, sbavature o secrezioni intermestruali sanguinanti, ecc.);
  • metrorragia;
  • disagio o dolore durante il rapporto sessuale;
  • infertilità primaria o secondaria.

Caratteristiche del decorso della malattia nei bambini

Inoltre, si distingue la forma giovanile di polipi. In questo caso, i pazienti sono bambini. Le prime manifestazioni della malattia si verificano in tenera età, il quadro clinico si sviluppa all'età di 16-18 anni.

A rigor di termini, i polipi giovanili non possono essere inequivocabilmente classificati come adenomatosi, perché mancano di iperplasia ghiandolare e cambiamenti nell'epitelio ghiandolare. Si tratta di formazioni piuttosto grandi, a volte sospese nel lume di un organo su un gambo lungo, lisce, intensamente colorate (rosso vivo, color ciliegia), situate più spesso nel sigmoide o nel retto, raramente maligne.

Diagnostica

Polipi dello stomaco e dell'intestino

Le misure diagnostiche includono:

  • un esame del sangue generale (leucocitosi, aumento della VES, possibili segni di anemia - una diminuzione del numero di eritrociti, emoglobina, una variazione dell'indicatore di colore);
  • analisi del sangue biochimica (per i marker di infiammazione);
  • analisi delle feci per sangue occulto;
  • esame digitale del retto;
  • fibrogastroduodenoscopy;
  • Esame a raggi X dello stomaco con un mezzo di contrasto;
  • colonscopia;
  • sigmoidoscopia;
  • irrigoscopia a mezzo di contrasto.

Polipi endometriali

La diagnosi di polipi endometriali consiste nelle seguenti attività:

  • un esame del sangue generale (leucocitosi, aumento della VES, possibili segni di anemia - una diminuzione del numero di globuli rossi, emoglobina, un cambiamento nell'indicatore di colore);
  • analisi del sangue biochimica (per i marker di infiammazione);
  • tampone vaginale;
  • Ultrasuoni della cavità uterina;
  • curettage diagnostico seguito da esame istologico del materiale;
  • isteroscopia con biopsia mirata.

Trattamento

I metodi conservativi di terapia per i polipi adenomatosi sono inefficaci. Ai pazienti con diagnosi di malattia viene raccomandato un trattamento chirurgico radicale.

Polipi multipli sono maligni in circa il 20% dei casi.

Polipi gastrointestinali

I metodi più comuni di trattamento chirurgico per i polipi gastrointestinali sono:

  • polipectomia endoscopica con elettrocoagulazione della gamba o del letto polipo;
  • escissione transanale della neoplasia;
  • colotomia o resezione intestinale con polipo (nei casi più gravi).

Polipi endometriali

Il trattamento dei polipi localizzati nell'utero viene effettuato nei seguenti modi:

  • farmacoterapia con farmaci ormonali;
  • rimozione endoscopica di polipi;
  • resezione delle ovaie, se necessario (patologia ormono-dipendente);
  • rimozione dell'utero con appendici (raccomandato per un processo massiccio e nelle donne in postmenopausa).

Possibili complicazioni e conseguenze

Le complicazioni dei polipi possono essere:

  • sanguinamento;
  • perforazione della parete di un organo cavo durante l'intervento chirurgico;
  • malignità del polipo;
  • infertilità (polipo dell'utero);
  • ricaduta della malattia.

previsione

Data l'elevata probabilità di recidiva, si raccomanda ai pazienti sottoposti a rimozione di polipi adenomatosi di essere sottoposti a follow-up per 2 anni. Le ricadute di polipi si verificano nel 30-50% dei casi nell'intervallo da 1,5 a 6 mesi dopo il trattamento, mentre i polipi ricorrenti spesso subiscono una trasformazione maligna.

La poliposi diffusa è caratterizzata da lesioni massicce e ha una significativa tendenza alla malignità - dall'80 al 100%.

Dopo la rimozione di polipi benigni, il primo esame viene eseguito dopo 1,5-2 mesi, quindi ogni 3-6 mesi (a seconda del tipo di polipo) per 1 anno dopo la rimozione. Ulteriori ispezioni vengono eseguite una volta all'anno.

Dopo la rimozione di polipi maligni nel 1 ° anno dopo l'operazione, è richiesto un esame mensile, nel 2 ° anno di osservazione - ogni 3 mesi. Solo dopo 2 anni sono possibili controlli regolari ogni 6 mesi.

Prevenzione

La prevenzione è la seguente:

  1. Esami preventivi sistematici.
  2. Consultare immediatamente un medico se compaiono sintomi di avvertimento.

La chirurgia è sempre necessaria in presenza di un polipo endometriale adenomatoso?

Il polipo adenomatoso è una formazione patologica iperplastica di forma sferica, a forma di fungo o ramificata, che si erge sopra la superficie del guscio interno di un organo e consiste di cellule ghiandolari a crescita insolita, a volte con inclusioni di elementi atipici.


I polipi adenomatosi sono polipi che crescono sulla superficie del colon

Un polipo è un piccolo tumore benigno che sale sopra la mucosa di un organo. Le dimensioni dei polipi variano da pochi millimetri a diversi centimetri. Una caratteristica è la presenza di una gamba o di un'ampia base nel polipo, attraverso la quale è attaccato ai tessuti sottostanti.

I polipi adenomatosi sono considerati una patologia precancerosa. La probabilità di trasformazione maligna (malignità) di un polipo dipende direttamente dalle sue dimensioni. La probabilità minima di malignità si osserva con una dimensione del polipo inferiore a 1,5 cm (inferiore al 2%), con una dimensione di 1,5-2,5 cm - dal 2 al 10% e supera il 10% con una dimensione del polipo superiore a 2,5–3 cm. alto rischio di malignità nei polipi sessili.

I metodi conservativi di terapia per i polipi adenomatosi sono inefficaci. Ai pazienti con diagnosi di malattia viene raccomandato un trattamento chirurgico radicale.

Molto spesso, i polipi adenomatosi sono localizzati sulla mucosa dell'intestino crasso, dello stomaco e dell'utero..

Sinonimi: adenoma, polipo ghiandolare.

Caratteristiche dell'adenoma nei bambini

Una variante infantile della patologia è la formazione di una varietà giovanile di polipi adenomatosi. Questo tipo di crescita è di colore rosso brillante e ha un lungo gambo filiforme. Questi polipi sono lisci. Molto spesso si trova nella zona del retto o sigmoide dell'intestino. Queste escrescenze si trasformano raramente in una forma cancerosa..

I primi segni della presenza di patologia vengono rilevati in tenera età e i sintomi pronunciati vengono rivelati all'età di 16-18 anni.

Una caratteristica di questa forma della malattia è la composizione delle cellule della neoplasia, che è atipica per i polipi adenomatosi. Non ci sono cambiamenti strutturali nell'epitelio ghiandolare nelle escrescenze giovanili.

Quando vedere un dottore

Affinché le moderne terapie funzionino con una maggiore probabilità di un risultato positivo, è necessario andare in ospedale il più presto possibile. Per aiutare i pazienti, i medici hanno sviluppato una sorta di mappa di sintomi allarmanti..

Le difficoltà qui saranno risolte solo dal corso asintomatico del primo stadio di sviluppo. Ma non appena un tumore benigno viene traumatizzato o i tessuti infiammati lo circondano nelle vicinanze, una persona dovrà affrontare:

  • prurito anale;
  • frequente bisogno di usare il bagno;
  • dolore dopo o durante i movimenti intestinali;
  • muco nelle feci e talvolta è presente anche sangue;
  • brividi, alta temperatura corporea, che segnala un meccanismo infiammatorio innescato.

In rari casi, un polipo può fuoriuscire da solo durante un movimento intestinale. Ma se cadesse a causa di pressione o lesioni meccaniche, nel punto della sua connessione si forma una superficie aperta della ferita.

Non solo diventerà un eccellente terreno fertile per agenti patogeni infettivi, ma sanguinerà anche. Inoltre, la vittima avvertirà dolore, poiché il processo interrotto sarà compromesso dallo sfintere.

I medici identificano anche un elenco di sintomi caratteristici di formazioni più grandi, le cui dimensioni raggiungono i 3 cm e spesso appartengono al campo dei villi adenomi. Quindi il paziente verrà perseguito:

  • sangue nelle feci;
  • impurità mucose patologiche;
  • forte dolore all'addome;
  • stipsi;
  • sensazione di un oggetto estraneo nell'ano, se il polipo è già caduto e ora blocca il rilascio naturale di prodotti di scarto trasformati.

Spesso le vittime si trovano ad affrontare una forte perdita di peso e l'esaurimento del corpo, causato da un disturbo dell'elettrolito d'acqua. Questo è caratteristico delle neoplasie gigantesche. Nessuna corretta alimentazione aiuterà qui. Devi solo prendere urgentemente un appuntamento con un proctologo per ridurre al minimo i rischi di possibili effetti collaterali.

Sullo sfondo di tutto quanto sopra, i pazienti devono resistere alla fatica costante. Se viene eseguito un esame del sangue generale in questo momento, mostrerà un livello ridotto di emoglobina. Con una versione avanzata, la vittima sviluppa una ragade anale, che porta alla paraproctite.

Classificazione

Distingue tra neoplasie singole e multiple. La poliposi proliferante è un gruppo di tumori che sono raggruppati in una o più aree dell'intestino.

Per morfologia, sono anche:

  • villoo ghiandolare;
  • villi;
  • iperplastico;
  • granulazione cistica;
  • ghiandolare o adenomatoso.

Quest'ultimo si posiziona al primo posto in termini di prevalenza: vengono rilevati nella metà dei pazienti. Esternamente, sembrano escrescenze di epitelio rosa o rosso. Sono a forma di fungo. Tumori ramificati o striscianti si trovano raramente. In media, le loro dimensioni sono fino a 30 millimetri. Non sanguinano quasi mai. Hanno la capacità di trasformazione maligna.

Durante l'esame, diversi tipi di neoplasie si trovano spesso in un paziente..

Cause ed effetti di poliposi anormale

Oggi gli scienziati non sono giunti a una conclusione generale su come si forma il nodulo all'interno dell'intestino..

Cause della malattia

Sono stati stabiliti solo i prerequisiti che possono influenzare lo sviluppo di escrescenze anormali:

  1. Fallimenti della funzione rigenerativa della parete spessa, quando l'epitelio non ha il tempo di riprendersi completamente dopo la morte di vecchie cellule.
  2. La predisposizione genetica, quando la probabilità della malattia aumenta notevolmente, a condizione che i rappresentanti delle generazioni precedenti soffrissero di questa malattia.
  3. Una diminuzione delle fibre nella dieta, un aumento del cibo proteico (che per il tessuto epiteliale spesso rimane difficile da elaborare). Ma se combinato con verdure, frutta, pane integrale, la peristalsi migliora, quindi i prodotti finali di alimenti proteici trasformati senza fibre rimangono più a lungo nella zona rettale e influenzano negativamente il suo epitelio.
  4. Alimenti grassi che producono grandi quantità di bile per la lavorazione. Se rimane a lungo nelle feci, influisce negativamente sulla formazione di nuove cellule. L'assunzione di alimenti cancerogeni è una via diretta per un gastroenterologo.
  5. Stagnazione nella piccola pelvi, che è associata a un modo di lavorare sedentario, bassa mobilità di una persona.

effetti

Se le neoplasie benigne non vengono trattate, portano alle seguenti conseguenze:

  • Ostruzione del colon.
  • Deterioramento in condizioni generali, anemia.
  • La possibilità della transizione della malattia a un nuovo stadio (in formazioni maligne).

Tali adenomi, sfortunatamente, sono trattati principalmente con un intervento chirurgico. La terapia conservativa (affidabilità al 100%) non esiste oggi. Il metodo che utilizza il succo di celidonia, proposto dagli operatori sanitari negli anni settanta del secolo scorso, non ha mostrato i risultati desiderati..

I metodi tradizionali e la terapia a base di erbe non si sono dimostrati dal lato migliore. Al contrario, i pazienti hanno rimandato la visita alla clinica, dando la possibilità a crescite anormali di crescere o svilupparsi in una neoplasia maligna..

Trattamento

  1. Rimozione dei coni tagliando con un elettrodo ad anello (escissione di un polipo) attraverso la penetrazione rettale o la cavità.
  2. Chirurgia addominale, quando viene rimosso un tumore o un segmento interessato, ma vengono inseriti sostituti artificiali.

Tra le conseguenze dell'intervento chirurgico nell'area della zona diretta del retto, si distinguono sanguinamento e indolenzimento. Inizialmente, questo è associato a processi di guarigione (fino a 5 giorni), quindi è possibile il rifiuto. Una grande perdita di sangue può portare a un deterioramento del benessere, comportare un pericolo. Ecco perché il paziente dopo l'operazione deve essere sotto controllo (i prossimi 2-3 anni).

Dopo la rimozione dell'epitelio maligno, il paziente viene esaminato mensilmente per un anno. L'anno prossimo - una volta al trimestre e poi - ogni sei mesi.

Sfortunatamente, un singolo intervento chirurgico per rimuovere i noduli nella parete spessa di un importante organo digestivo non è una garanzia di recupero. Crescite anormali possono apparire di nuovo, la probabilità è dell'8-25%

Ma è meglio sbarazzarsi di loro con le loro piccole dimensioni piuttosto che affrontare gravi complicazioni o oncologia..

Autore dell'articolo: ottieni una consulenza gratuita

Cause della comparsa di polipi adenomatosi nell'utero

Le ragioni per la crescita di eventuali tumori (compresi i veri polipi endometriali) non sono completamente comprese..

Cosa aumenta la probabilità di sviluppare un polipo adenomatoso nell'utero:

  • Radiazione
  • Predisposizione genetica
  • Infezione virale
  • Malattie infettive e infiammatorie croniche dell'endometrio (endometrite cronica, endometrite atrofica)
  • Lesioni alla mucosa uterina (danno meccanico, ustioni chimiche o termiche, ecc.)
  • Disturbi dell'immunità
  • Squilibrio ormonale
  • Diabete
  • Malattia della tiroide
  • Obesità
  • Ipertensione, aterosclerosi

Torna al sommario

Cause dell'evento

I polipi adenomatosi non sono congeniti, sebbene geneticamente sia possibile ereditare una tendenza a tale disturbo. Lo studio delle persone con tale diagnosi ha permesso di stabilire una connessione tra eredità e insorgenza della patologia. Coloro che hanno dovuto rimuovere la neoplasia avevano già casi di malattia in famiglia. Più la donna è anziana, maggiore è il rischio.

Le ragioni principali per lo sviluppo della malattia includono i seguenti fattori:

  • infezioni passate durante la pubertà;
  • irregolarità mestruali;
  • menopausa;
  • squilibrio ormonale;
  • mastopatia con menopausa;
  • raschiatura della cavità uterina;
  • indossare un dispositivo intrauterino per troppo tempo per la contraccezione.

I fattori di rischio per lo sviluppo di polipi singoli o multipli di natura adenomatosa sono i seguenti:

  • trauma alla mucosa dell'organo riproduttivo a causa di una procedura diagnostica o chirurgica, aborto o aborto spontaneo;
  • disturbo neurormonale;
  • patologia del sistema endocrino;
  • mancanza di vitamine nel corpo;
  • bassa difesa immunitaria;
  • malattie oncologiche precedentemente trasferite del sistema riproduttivo;
  • diabete;
  • sovrappeso;
  • stress emotivo costante.

Le neoplasie tendono a degenerare in tumori maligni. È interessante notare che gli scienziati sono riusciti a identificare un gene responsabile della tendenza di una persona a formare polipi. Ecco perché la patologia può essere trovata in più membri della famiglia contemporaneamente..

Diagnostica del polipo adenomatoso endometriale

Ultrasuoni L'esame ecografico degli organi pelvici può solo suggerire la presenza di un polipo nella cavità uterina. L'ecografia non determina la forma morfologica del polipo (adenomatoso, ghiandolare, ecc.)


Ultrasuoni. Segni di un polipo endometriale Isteroscopia

Questa operazione diagnostica a basso trauma consente di esaminare visivamente la superficie dell'utero.

Il dispositivo ottico, l'isteroscopio, viene inserito nella cavità uterina attraverso la vagina senza una singola incisione. La procedura viene eseguita in anestesia generale in una stanza appositamente attrezzata, più spesso in ambiente ospedaliero.


Isteroscopia. Polipo uterino presumibilmente adenomatoso

Con l'aiuto dell'isteroscopia, puoi vedere il polipo, determinare la sua dimensione, posizione, ma non puoi riconoscere la sua esatta forma morfologica.

La diagnosi finale del polipo adenomatoso può essere fatta solo dall'istologia: esame dei campioni di tessuto al microscopio.


Preparazioni istologiche La diagnosi di "polipo adenomatoso" è confermata dall'esame istologico dei tessuti rimossi dall'utero. Torna all'indice

Come viene ereditata la poliposi intestinale familiare?

Ogni cellula contiene 2 copie di ciascun gene: uno ereditato dalla madre, l'altro dal padre. La FAP con mutazioni nel gene APC appartiene a una modalità di ereditarietà autosomica dominante, ovvero la mutazione si verifica solo in una copia del gene. Ciò significa che uno dei genitori con la mutazione genetica può trasmettere una copia del gene normale e del mutato.

Pertanto, la probabilità del bambino di ereditare la mutazione dai genitori è del 50%. Anche un genitore, una sorella o un fratello di una persona con un gene mutato ha una probabilità del 50% di avere la stessa mutazione.

Tuttavia, se i genitori hanno un risultato di mutazione negativo, il rischio di fratelli è significativamente ridotto, ma rimane al di sopra della media..

Opzioni per avere un bambino sano con FAP da un genitore

Per le persone interessate ad avere un bambino, ci sono opzioni per avere una prole sana anche se il genitore previsto ha una mutazione genomica che aumenta il rischio di cancro ereditario..

Esiste una procedura medica: diagnosi pre-impianto o PGD, che viene eseguita in combinazione con la fecondazione in vitro o la fecondazione in vitro. Questa è un'opportunità per le persone - portatrici di una determinata mutazione genetica per ridurre la probabilità che i loro figli ereditino la patologia.

La linea di fondo è che la rimozione e la fecondazione delle uova femminili viene eseguita in laboratorio. Quando gli embrioni raggiungono una certa dimensione, una cellula viene rimossa per verificare la presenza di una malattia ereditaria. Quindi i genitori hanno l'opportunità di trasferire embrioni sani.

Il metodo PGD esiste ed è stato usato con successo per alcune sindromi ereditarie di predisposizione al cancro per più di 2 decenni..

Tuttavia, è fisicamente, emotivamente e finanziariamente impegnativo. Tutti questi fattori devono essere considerati prima di prendere una decisione..

Alcune coppie preferiscono usare le uova dei donatori o lo sperma:

  • le uova vengono prese se la mutazione si trova in una donna;
  • sperma, se una mutazione genetica in un uomo.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare gli specialisti delle cliniche di riproduzione assistita.

Metodi diagnostici

La FAP viene solitamente rilevata dai test genetici. Un campione di sangue viene prelevato dal paziente e verificato per la mutazione del gene APC.

Se uno dei tuoi genitori, sorella o fratello, soffre di FAP, puoi anche fare un test per verificare il gene mutato. Di solito viene eseguito dopo 12 anni.

È anche possibile che un parente abbia una poliposi intestinale multipla, ma non vi è alcuna mutazione APC nei risultati dei test genetici. Quindi non è necessario sostenere questo test..

Esistono varie mutazioni che influenzano il gene APC e causano FAP. Tutti loro sono pericolosi a causa dell'elevato rischio di sviluppare il cancro all'intestino..

L'effetto della FAP su altre parti del corpo dipende anche da quale mutazione genetica viene identificata..

Il genetista spiegherà i punti più importanti:

  • cosa mostra il test genetico;
  • come la sua presenza può influire sulla tua salute;
  • come può influenzare altri membri della tua famiglia.

Screening e SAP

Il test di screening viene eseguito per:

  1. Rilevazione del cancro nelle prime fasi, quando l'effetto del trattamento sarà maggiore;
  2. Individuare e avviare un trattamento tempestivo dei cambiamenti che portano allo sviluppo del cancro.

Il medico spiegherà quali test e con quale frequenza è necessario eseguire.

Screening intestinale

Se il test genetico rivela la FAP, a partire dall'età di 12 anni ti verrà mostrato uno screening intestinale regolare, che include una colonscopia - esame dell'interno dell'intestino o sigmoidoscopia per l'esame interno del sigmoide e del retto.

Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico se i polipi aumentano.

Colonscopia

La colonscopia viene eseguita utilizzando un conoscope, un sottile tubo flessibile dotato di illuminazione e una minuscola telecamera all'estremità per visualizzare l'immagine su uno schermo monitor. Il colonscopio è realizzato con fibre flessibili, quindi supera facilmente le curve intestinali.

Lo studio è condotto su base ambulatoriale. È necessario prepararsi adeguatamente con l'aiuto di una dieta delicata e di farmaci lassativi per pulire la cavità intestinale. Informazioni sulla dieta in preparazione per la colonscopia dell'intestino: cosa non dovresti mangiare in questo articolo.

  • È possibile la preparazione per la colonscopia con Duphalac;
  • Puoi usare Pikoprep prima della colonscopia;
  • Preparazione per colonscopia di Lavacol qui;
  • Come bere correttamente Fortrans prima della colonscopia, abbiamo anche descritto in un articolo separato.

Puoi anche trovare informazioni sull'uso di altri lassativi e clisteri nelle pubblicazioni sul nostro sito web..

Poco prima dell'inizio della procedura, ti verrà dato un sedativo per aiutarti a rilassarti. L'anestesia generale può essere raccomandata per bambini e adolescenti.

Abbiamo anche scritto su come viene eseguita la colonscopia dell'intestino in un articolo speciale su questo argomento..

sigmoidoscopia

Lo scopo della diagnostica è studiare la cavità del sigmoide e del retto. Anche l'esame richiede preparazione, poiché la parte inferiore dell'intestino deve essere vuota. A tal fine, il medico ti consiglierà di effettuare un clistere il giorno del test..

L'esame viene anche effettuato con una sonda sigmoidoscopio, simile a un colonscopio, ma più sottile, più corta e più flessibile. C'è anche una luce e una macchina fotografica alla fine..

L'algoritmo è il seguente:

  1. Il paziente si sdraia con il lato sinistro, piegando le ginocchia allo stomaco.
  2. Un'infermiera o un medico inserisce un tubo nell'ano e pompa una piccola quantità d'aria nella cavità intestinale per raddrizzare le pieghe e facilitare la visualizzazione (molti pazienti si sentono "gonfiati" per diverse ore dopo la procedura, ma l'aria fuggirà gradualmente).
  3. Puoi anche ricevere farmaci per aiutarti a rilassarti. A volte i pazienti possono inalare il gas Entonox attraverso il boccaglio in modo da non provare fastidio.
  4. Il medico procede all'esame degli organi.

Entonox svanisce rapidamente in modo da poter tornare a casa 2 ore dopo la procedura.

Se hai preso un sedativo, organizza con qualcuno per essere prelevato dalla clinica. Inoltre, qualcuno dovrebbe essere con te entro 12 ore dopo il test..

Informazioni sulla differenza tra rettosigmocolonoscopia diagnostica e colonscopia leggi di più qui.

FGDS - screening dello stomaco e del duodeno

Le persone con FAP sono anche inclini a sviluppare il cancro allo stomaco o all'intestino tenue. Inoltre, il rischio è molto più basso rispetto allo sviluppo del cancro intestinale..

Per la diagnosi, l'EGD o l'endoscopia superiore vengono eseguiti al fine di esaminare e rilevare precocemente il cancro dello stomaco e del duodeno (estremità superiore dell'intestino tenue). Il medico può sottoporsi a una biopsia durante la procedura. L'età più adatta è di circa 25 anni.

Prima di condurre lo studio, è necessario smettere di mangiare e bere per diverse ore (il medico fornirà le raccomandazioni necessarie). Potrebbe esserti somministrato un sedativo per aiutarti a rilassarti poco prima del test. Uno spray speciale viene utilizzato come anestetico locale, dopo di che la parte posteriore della gola diventa insensibile.

Lo studio viene condotto utilizzando un endoscopio, un sottile tubo flessibile con una telecamera e una luce all'estremità.

L'algoritmo è il seguente:

  1. Il paziente si trova sul divano sul lato sinistro.
  2. Un'infermiera o un medico inserisce un endoscopio lungo la gola e nello stomaco e nell'intestino tenue. Forse pomperanno una piccola quantità di aria nello stomaco e nel duodeno per migliorare la visualizzazione.
  3. Ricerca di organi in corso.

Un suocero può causare disagio, ma non dolore. La maggior parte dei pazienti torna a casa dopo un paio d'ore..

Se hai preso un sedativo, qualcuno dovrebbe incontrarti e stare con te per 12 ore.

Se è stato utilizzato uno spray anestetico locale, attendere che l'intorpidimento svanisca prima di bere o mangiare..

EGDS, la colonscopia in anestesia generale può essere eseguita contemporaneamente.

RM o TC

Gli studi consentono la visualizzazione della cavità addominale e del bacino, in particolare per l'esame e la valutazione dei tumori desmoidali.

Ricerca per altri tipi di cancro

Il rischio di sviluppare altri tipi di cancro associati alla FAP è molto più basso rispetto al cancro intestinale. Al momento, non sono stati ancora sviluppati test di screening efficaci per questi tipi di cancro..

A volte i test per altri tumori possono essere eseguiti nell'ambito di studi di ricerca. La decisione di parteciparvi è presa solo da te. Il tuo medico spiegherà i possibili rischi e benefici della partecipazione a uno screening esplorativo.

Sintomi della malattia

Le formazioni adenomatose non portano sempre a sintomi, motivo per cui le donne non ricevono un trattamento nelle prime fasi. Finché sono piccoli, non ci sono inconvenienti. Nella fase della menopausa, le manifestazioni cliniche si fanno sentire ancora meno spesso.

La poliposi non ha sintomi specifici. Una donna può attribuire tutti i segni a caratteristiche individuali, affaticamento o interruzione ormonale. Puoi sospettare la crescita di polipi all'interno dell'utero se presti attenzione ai seguenti segni:

  • sanguinamento intermestruale di eziologia inspiegabile;
  • la comparsa di sangue dopo un rapporto sessuale o un esame ginecologico;
  • dolore addominale di diversa natura;
  • abbondante sanguinamento mensile;
  • sintomi di anemia;
  • infertilità.

Se una donna rimane incinta, rimane il rischio di aborto spontaneo. Ciò è particolarmente vero quando il polipo è grande. In questo caso, esercita una pressione sul feto, che può causare rigetto..

Se si è formata una formazione adenomatosa nel sistema digestivo, la donna sentirà dolore, soffrirà di costipazione. La poliposi dell'intestino crasso richiede un trattamento immediato, poiché la degenerazione può verificarsi anche più rapidamente sotto l'influenza di un ambiente aggressivo all'interno di questo organo.

Compatibilità gravidanza

La maggior parte delle donne si sforza di provare la gioia della maternità. Quando viene fatta una tale diagnosi, sorge l'ansia se è possibile rimanere incinta, in che modo la malattia della madre influenzerà il feto e il processo di gestazione.

Le paure degli operatori sanitari riguardo al tipo di polipi adenomatosi, insieme alla gravidanza, sono associate ai seguenti fattori:

  • la capacità dello sperma di muoversi all'interno del tratto genitale di una donna per incontrarsi con l'uovo;
  • processo di fecondazione senza ostacoli;
  • periodo di sicurezza della gestazione.

Non sono state condotte ricerche sufficienti su come la gravidanza progredisce nelle donne con polipi adenomatosi. Questa neoplasia può occupare una vasta area nell'utero, rendendo il feto in crescita privo di spazio per il normale posizionamento. Nel processo di aumento delle dimensioni, il bambino può occupare una posizione errata. Tutto ciò può provocare un aborto spontaneo..

Se è stata eseguita un'operazione per rimuovere una formazione di poliposi, la capacità di allungamento dell'utero può essere temporaneamente compromessa, il che causa anche complicazioni durante la gravidanza. A volte ci vuole tempo per recuperare. È importante tenere conto della natura dello sviluppo della malattia, del periodo tra l'intervento e la pianificazione della gravidanza.

Non ci sono dati esatti su quale malattia sia primaria: infertilità o poliposi. È più probabile che le grandi dimensioni delle formazioni impediscano l'incontro di sperma e uova. Anche se si è verificato il concepimento, il polipo è in grado di provocare contrazioni uterine e causare un aborto spontaneo..

Se è stata trattata una patologia nel sistema digestivo, ciò potrebbe non influire direttamente sulla gravidanza. Tuttavia, sullo sfondo di interventi chirurgici sul retto o su altre parti dell'intestino, viene spesso eseguita una terapia antibatterica, che può imporre restrizioni alla gestazione.

I problemi relativi al trattamento e alla futura pianificazione della gravidanza devono essere discussi con il medico. Questo è l'unico modo per evitare complicazioni e conseguenze negative..

È necessario operare su un polipo adenometasico nell'utero?

La necessità di un trattamento chirurgico del polipo: in primo luogo, la terapia conservativa dei polipi uterini è inefficace. Il trattamento di qualsiasi neoplasia intrauterina inizia con la sua rimozione chirurgica sotto il controllo dell'isteroscopia. In secondo luogo, solo l'istologia può determinare la forma del polipo, il che significa che è possibile effettuare una diagnosi accurata. Questo studio è possibile dopo la rimozione di tessuto sospetto dall'utero, ad es. dopo l'operazione.

Un vero polipo adenomatoso uterino è un tumore in crescita. Qualsiasi tumore è soggetto a trattamento chirurgico, non può "dissolversi" sotto l'influenza di farmaci o altri mezzi.

Torna al sommario

Dieta dopo l'intervento chirurgico

Dopo la polipectomia endoscopica, non è necessaria una dieta speciale, ma in caso di interventi chirurgici o complicazioni gravi, è ancora raccomandata una dieta speciale.

I prerequisiti per l'adesione alla dieta includono quanto segue:

  • Rimozione di più polipi contemporaneamente;
  • Polipectomia di frammentazione e cauterizzazione di un'ampia superficie della ferita;
  • Coagulazione incompleta;
  • La necessità di una procedura di trattamento secondaria;
  • Processo di adesione;
  • Complicanze infiammatorie.

Il processo di un'operazione chirurgica non può sempre essere previsto con precisione. La nutrizione dopo la polipectomia endoscopica ha lo scopo di ridurre il carico digestivo, ridurre il trauma alle mucose intestinali.

Dopo 3-5 giorni dopo la manipolazione, è necessario aderire al menu di dieta senza scorie, che esclude dalla dieta:

  • fibra grossolana e cellulosa (verdure fresche, frutta);
  • alimenti corrosivi, compresi i prodotti che formano gas;
  • succhi freschi;
  • farina o confetteria fresca;
  • semole grossolane, legumi.

Il menu dovrebbe includere piatti semi-liquidi, zuppe, cibi facilmente digeribili

È molto importante includere nella dieta prodotti lattiero-caseari e a base di latte acido, per eliminare l'influenza di fattori avversi

Lo scopo della dieta è prevenire la costipazione e gli effetti aggressivi sulle mucose intestinali..

Tutti i cibi dovrebbero essere caldi, freschi, è meglio se la preparazione degli ingredienti è al vapore o bollita. Se vuoi mangiare dolci, è meglio dare la preferenza a marmellata naturale, gelati, marshmallow, marshmallow, miele.

Il 3 ° giorno, puoi iniziare l'introduzione di frutta e verdura fresca sotto forma di insalate con vari condimenti (yogurt, olio vegetale).

Quando si corregge l'alimentazione, è indispensabile monitorare le condizioni delle feci. Normalmente, le feci dopo la rimozione possono apparire il giorno 2-3, tuttavia, un'assenza prolungata è una ragione per contattare il medico.

Sintomi

Ciò che dà uno slancio alla comparsa di escrescenze sullo strato interno dell'epitelio non è noto con certezza. Le foche sporgono nella cavità intestinale. Senza chirurgia, le formazioni continuano a crescere. L'area della posizione degli ispessimenti con le pieghe è localizzata nell'intestino crasso a sinistra. Il diametro è da uno a cinque millimetri. Oltre ai polipi iperplastici, esiste il pericolo della formazione di escrescenze maligne adenomatose.

Fattori di occorrenza

La malattia spesso non si manifesta. La poliposi si trova inaspettatamente in una persona che sta subendo una commissione medica pianificata o un esame standard della cavità addominale. Sintomi che non sono caratteristici della malattia, ma hanno un'importanza secondaria:

  • Scarico sanguinante durante i movimenti intestinali. Più scuro è il sangue, maggiore è la fonte di danno intestinale. Il colore scarlatto indica la presenza di sigilli nell'intestino inferiore.
  • Dolore del retto. Sensazioni di bruciore e prurito sbiadite dopo l'assunzione di agenti enzimatici. Un cuscinetto riscaldante caldo può alleviare temporaneamente il dolore.
  • Le feci sono spesso disturbate. Si verifica costipazione o diarrea.
  • Dolore addominale laterale o nell'ano. Gli attacchi doloranti si attenuano per un po 'dopo l'atto di defecazione.
  • Anemia da carenza di ferro.

I segni elencati possono essere sintomi di colite, ulcere, emorroidi. Una serie di test e un esame dettagliato di una persona aiuteranno a stabilire la causa del sanguinamento e del dolore..

Che cos'è SAP?

La FAP classica è caratterizzata dalla presenza di centinaia o migliaia di adenomi colorettali di varie dimensioni. In paesi con sistemi sanitari ben sviluppati, questa malattia è rara..

Nella maggior parte delle persone, la crescita dei polipi inizia durante l'infanzia, principalmente nel colon rettosigmoide sotto forma di piccole crescite. Più vicino all'adolescenza, i polipi si diffondono in tutto il colon e quindi iniziano ad aumentare di dimensioni e numero.

Inoltre, anche il rischio di sviluppare il cancro in altri organi aumenta significativamente, tra cui:

  • intestino tenue;
  • stomaco;
  • pancreas;
  • tratto biliare.

I bambini hanno un aumentato rischio di sviluppare epatoblastoma (un tipo di cancro al fegato). Inoltre, il rischio di sviluppare il cancro alla tiroide papillare aumenta in modo significativo.

SAP può causare lo sviluppo di:

  • Osteoma della mascella;
  • Denti extra o, al contrario, assenza di denti mancanti;
  • Polipi duodenali. Queste escrescenze si formano nella parte superiore dell'intestino tenue e possono diventare maligne. Ma se il medico monitora attentamente le condizioni del paziente, i polipi duodenali possono essere identificati e rimossi prima dell'inizio del processo di malignità..
  • Polipi periampullari. Queste formazioni sono localizzate nel luogo in cui i dotti del pancreas e della bile penetrano nel duodeno (ampulla). Sono inclini alla malignità, ma possono essere rilevati e rimossi prima che il cancro si sviluppi..
  • Polipi nello stomaco. Localizzato sulla mucosa dell'organo (segni di un polipo nello stomaco proprio qui).
  • Ipertrofia congenita dell'epitelio pigmentato retinico. Questa condizione non influisce negativamente sulla qualità della visione, può essere rilevata solo da un oculista utilizzando un oftalmoscopio.
  • Tumore desmoide. Queste formazioni possono apparire in qualsiasi parte del corpo, ma la loro posizione preferita è la regione addominale. Nonostante la relativa qualità benigna, il tumore può causare seri problemi, poiché cresce in vasi sanguigni e nervi e comprime anche altri organi vicini..
  • Lesioni cutanee benigne come fibromi e cisti epidermoidi.
  • Altri tipi di cancro. In rari casi, la FAP può causare cancro al fegato, sistema nervoso centrale, ghiandole surrenali.
  • Anemia: un basso numero di globuli rossi nel sangue.

Sottotipi SAP

Esistono sottotipi di poliposi adenomatosa familiare, che variano in base alle caratteristiche cliniche:

  • SAP classico. È caratterizzato dalla presenza di oltre cento polipi colorettali. Il trattamento più efficace è la rimozione chirurgica del colon per ridurre il rischio di sviluppare il cancro..
  • SAP sciolto. Il numero di polipi è compreso tra 20 e 100 unità, pertanto è spesso associato a poliposi adenomatosa. Le persone con OSAP che non ricevono un trattamento adeguato hanno anche un aumentato rischio di sviluppare il cancro del colon-retto. Tuttavia, è stato notato che a volte lo sviluppo della poliposi in essi inizia in età avanzata, rispetto alle persone con FAP classica. Questo fenomeno dipende dalla famiglia e richiede un attento monitoraggio. Non è ancora chiaro se le famiglie con OSA abbiano una propensione a sviluppare altri tipi di cancro, come nelle famiglie con FAP classica. Inoltre, i rischi di sviluppare alcune altre patologie non cancerose non sono completamente determinati..
  • La sindrome di Gardner è una variante della FAP. Come per i pazienti con FAP, le persone con questa malattia sviluppano più polipi adenomatosi del colon, ma crescono anche altri tipi di tumori al di fuori del tratto gastrointestinale:
  • Le cisti epidermiche sono escrescenze cutanee che si sviluppano nel derma. Sono cavità piene di secrezioni delle ghiandole sebacee e masse cornee.
  • Fibroidi: tumori benigni formati da tessuto connettivo fibroso.
  • Osteomi - tumori ossei benigni.
  • La sindrome di Türko è indicata come una variazione della sindrome di FAP o Lynch e non come un disturbo genetico separato. Le persone con sindrome di Turkot di solito hanno più polipi adenomatosi del colon e hanno un aumentato rischio di cancro del colon-retto e tumori cerebrali.

Il tipo di tumore dipende dal fatto che la sindrome di Turkot sia simile alla sindrome di Lynch o più alla FAP.

Esistono due tipi di tumori cerebrali comuni nella sindrome di Turkot:

  • Glioblastoma. Questa è una forma estremamente aggressiva di astrocitoma che di solito si sviluppa in famiglie con segni della sindrome di Lynch.
  • Medulloblastoma. Questo tipo di tumore inizia a svilupparsi nel cervelletto, nella parte posteriore del cervello. Il medulloblastoma è più comune nei bambini ed è comune nelle famiglie con FAP.

Trattamento del polipo endometriale adenomatoso dopo la rimozione

Il polipo adenomatoso è un endometrio precanceroso. Pertanto, viene trattato allo stesso modo dell'iperplasia endometriale atipica, tenendo conto dell'età e dei piani riproduttivi del paziente..

Nell'età riproduttiva, dopo la rimozione del polipo adenomatoso, si raccomanda:

  • Terapia ormonale anti-recidiva

I ricercatori moderni consigliano di effettuare il trattamento postoperatorio del polipo adenomatoso dell'utero con progestinici.

Terapia ormonale del polipo adenomatoso con atipia in età riproduttiva

(è necessaria la consultazione del ginecologo frequentante)

Nome del farmacoPossibile modalità di ricezioneDurata del trattamento
Medrossiprogesterone acetato (Provera)10-12 mg in modo continuo o ciclico6-9 mesi
Deposito di medrossiprogesterone (Depo-Provera)150 mg per via intramuscolare ogni 3 mesi9 mesi
Megestrol acetato (Megestrol)40-200 mg al giorno6-9 mesi
Hydroxyprogesterone caproate (HPA, OPK)500 mg, per via intramuscolare, 2 volte a settimana6-9 mesi
Gestonorona Caproat (Depostat)2 ml per via intramuscolare una volta alla settimana6-9 mesi
Progestinici orali100-200 mg in modo continuo o ciclico6-9 mesi
Progestinici intrauterini (LNG-IUD Mirena) se non ci sono controindicazioni1-5 anni

Il monitoraggio dell'efficacia del trattamento ormonale viene effettuato dopo 3 e 6 mesi dall'inizio del corso mediante ultrasuoni e / o isteroscopia con curettage diagnostico separato e successivo esame istologico dei tessuti rimossi.

Trattamento del polipo adenomatoso ricorrente in età riproduttiva:

  • Rimozione dell'utero (isterectomia) con revisione delle ovaie

A qualsiasi età, con una combinazione di polipo adenomatoso con mioma uterino, adenomiosi, patologia ovarica, disordini metabolici endocrini, si raccomanda:

  • Rimozione dell'utero con attenta revisione o rimozione delle ovaie

Nelle donne in premenopausa si raccomanda:

  • Rimozione dell'utero con attenta revisione o rimozione delle appendici

Nelle donne in postmenopausa si raccomanda:

  • Rimozione radicale dell'utero con appendici


Laparoscopia. Rimozione radicale dell'utero

Trattamento

La terapia farmacologica per i polipi endometriali è inefficace. L'intervento chirurgico è indicato per le donne con patologia. Se l'escissione della crescita non viene eseguita, aumenta il rischio di esacerbazione della malattia o malignità. La probabilità di transizione del polipo adenomatoso verso il cancro aumenta con la malattia dell'ovaio policistico, diabete, obesità, ipertensione, formazioni che producono estrogeni.

La rimozione dell'utero viene eseguita per le donne durante la menopausa. Le ragazze in età riproduttiva mostrano un intervento meno radicale:

  • Isteroscopia. La combinazione delle capacità delle procedure diagnostiche e terapeutiche può ridurre il trauma all'endometrio. La manipolazione è efficace per piccoli polipi adenomatosi.
  • Polipectomia. Consiste nel pulire la formazione tagliandogli le gambe con un ugello speciale con una pinza e raschiando lo strato endometriale (elimina il rischio di esacerbazione). Viene effettuato con escrescenze multiple e dimensionali.
  • Rimozione laser. Il polipo viene distrutto con un raggio laser. Si verifica l'evaporazione dell'umidità dal tessuto endometriale interessato, che riduce al minimo la probabilità di recidiva.

Dopo la procedura di escissione del polipo adenomatoso, il tessuto viene inviato per istologia, dove vengono determinati la struttura e il grado di rischio di malignità..

L'operazione è considerata solo il primo passo nella terapia del tumore. Il secondo è il trattamento corretto dopo la rimozione dell'accumulo. Il risultato dopo aver usato metodi radicali dipende dalla conformità della donna a tutte le prescrizioni del medico. Ai pazienti sottoposti a escissione tumorale viene prescritto un appuntamento:

  • Antispasmodici (No-shpy, Drotaverina). Elimina il dolore ed elimina la congestione.
  • Steroidi (gestageni, estrogeni). Per mantenere i livelli ormonali.
  • Vitamine. Per aumentare le difese del corpo.
  • Antibiotici. Per prevenire l'infezione secondaria.

Alle donne a cui è stato rimosso il polipo endometriale adenomatoso insieme all'utero e alle appendici viene prescritto un trattamento ormonale a lungo termine. Il monitoraggio della terapia viene effettuato ogni 3 mesi mediante isteroscopia o ultrasuoni.

Previsione e prevenzione

Se la terapia patologica è stata effettuata in tempo e il trattamento postoperatorio era adeguato, la prognosi per la malattia è favorevole. Poiché i polipi adenomatosi sono caratterizzati da un decorso ricorrente, ai pazienti sottoposti a chirurgia per l'asportazione delle formazioni si raccomanda l'osservazione del dispensario per 1,5–2 anni. Le esacerbazioni della patologia sono diagnosticate nel 40% dei casi nell'intervallo 2-5 mesi dopo la terapia. Le crescite emergenti si trasformano spesso in cancro. Le formazioni diffuse hanno il più alto rischio di malignità (70-100%).

Per prevenire il ripetersi della malattia, si consiglia di:

  • sottoporsi a esami medici;
  • condurre una vita sana e moderatamente attiva;
  • escludere l'aborto;
  • trattare patologie concomitanti;
  • controllo del peso corporeo.

Se hai sintomi di un tumore, dovresti informarne immediatamente il medico..

Polipi del colon

Polipi del colon


Si ritiene che il cancro del colon nella maggior parte dei casi si sviluppi da polipi adenomatosi. I polipi sono chiamati formazioni mucose che sporgono nel lume dell'intestino, visibili ad occhio nudo. Morfologicamente, possono rappresentare un amartoma (polipo giovanile), iperplasia della mucosa (polipo iperplastico) o un adenoma (polipo adenomatoso). Solo i polipi adenomatosi sono veri tumori e sono considerati precancerosi. Fortunatamente, solo una piccola parte di loro subisce una trasformazione maligna..

Secondo i risultati degli esami di massa e dei dati di autopsia, nel 30% delle persone di mezza età e anziane si trovano polipi adenomatosi nel colon. Da un confronto di questi dati con l'incidenza del carcinoma del colon, si può vedere che la degenerazione maligna del polipo si verifica nell'1% dei casi..

Di norma, i polipi non si manifestano clinicamente. Il sangue occulto nelle feci si trova solo nel 5% dei pazienti.

Gli studi genetici molecolari su materiale ottenuto da polipi adenomatosi, focolai di displasia e cancro in situ, hanno rivelato una varietà di cambiamenti del DNA che riflettono il processo a più stadi dello sviluppo del cancro invasivo da cellule della mucosa sane. Questi cambiamenti includono: mutazioni puntiformi del proto-oncogene KRAS2; Demetilazione del DNA che porta all'attivazione genica; delezioni (perdita di eterozigosi) del gene soppressore tumorale APC (gene adenomatoso poliposi colonica, segmento 5q21-q22), il gene soppressore tumorale DCC (gene perso nel cancro del colon, segmento 18q21.3) e gene soppressore tumorale TP53 (segmento 17р13.1).

I cambiamenti nella natura della proliferazione delle cellule epiteliali, che porta alla formazione di polipi e quindi allo sviluppo del cancro, include l'attivazione di oncogeni con perdita simultanea o successiva di geni soppressori del tumore.

Questo modello include cinque diversi cambiamenti nella struttura del DNA; allo stesso tempo, a quanto pare, il processo di carcinogenesi non si limita a questo. Non è chiaro se i disturbi genetici si verificano in un ordine specifico o meno. Se questo modello è corretto, solo quei polipi in cui si sono verificati tutti i disturbi descritti sono sottoposti a trasformazione maligna..

La probabilità di una trasformazione maligna di un polipo è giudicata dal suo aspetto, dimensione e struttura istologica..

I polipi adenomatosi sono peduncolati o di ampia base. Il cancro del colon ha maggiori probabilità di svilupparsi da polipi sessili.

La probabilità di una trasformazione maligna è direttamente proporzionale alla dimensione del polipo. È trascurabile (meno del 2%) con un polipo inferiore a 1,5 cm, è del 2-10% con una dimensione di 1,5-2,5 cm e supera il 10% con una dimensione di oltre 2-5 cm.

Secondo la struttura istologica, i polipi adenomatosi sono divisi in polipi ghiandolari (tubolari), polipi villi (papillari) e polipi misti (tubolari-papillari). La maggior parte dei polipi villi ha una base larga, subisce una trasformazione maligna 3 volte più spesso dei polipi ghiandolari.

Se viene rilevato un polipo adenomatoso, viene indicata una colonscopia o un esame a raggi X del colon, poiché in circa un terzo dei casi, i polipi sono multipli. In futuro, la colonscopia dovrebbe essere ripetuta periodicamente, anche se i segni di degenerazione maligna del polipo erano assenti all'esame iniziale. La possibilità di sviluppare un nuovo polipo in tali pazienti è del 30-50% e il rischio di cancro al colon è molto più alto della media. Si ritiene che il tempo dall'esordio del polipo ai primi sintomi sia superiore a 5 anni.

I risultati di uno degli studi hanno dimostrato che è sufficiente eseguire una colonscopia una volta ogni 3 anni..

Ottieni una consulenza gratuita

uno specialista nel trattamento di questa malattia, è possibile compilare un questionario

Articoli Su Epatite