Come rilevare tempestivamente il cancro del retto: trascrizione dei test

Principale Gastrite

Tra tutte le malattie oncologiche, il cancro del retto è al primo posto. Un esame del sangue per il cancro del retto è uno dei modi principali per determinare la malattia. Una diagnosi tempestiva può prevenire lo sviluppo della malattia. Si consiglia di donare il sangue per analisi nello stesso laboratorio, poiché cliniche diverse utilizzano apparecchiature diverse e gli indicatori del metodo diagnostico possono differire.

A chi vengono prescritti gli esami del sangue per il cancro del retto??

Tenendo conto delle caratteristiche individuali del corpo umano, i sintomi del cancro del retto si manifestano in modo diverso in ogni persona. Prima viene diagnosticata la malattia, più facile è curarla. Se compaiono anomalie patologiche nella funzione intestinale, è necessario consultare un medico e fare un esame del sangue per il cancro. Viene fatto con i seguenti sintomi:

  • violazione della defecazione;
  • gonfiore;
  • aumento della temperatura corporea;
  • scarico con elementi di sangue o pus;
  • anemia;
  • vomito;
  • blocco intestinale;
  • crampi al dolore addominale.
Torna al sommario

Quali test vengono eseguiti?

Esistono tre tipi di studi in grado di identificare la malattia nelle prime fasi di sviluppo:

  • analisi generale (clinica);
  • ricerca biochimica;
  • verificare la presenza di marker tumorali.

Gli indici di queste analisi indicano deviazioni e cambiamenti patologici nel corpo. Quando i risultati non corrispondono alla norma accettata, anche se solo leggermente, i medici fanno riferimento per ulteriori esami.

Biochimica: valutazione dei dati

Con tale analisi, il sangue viene esaminato dall'attuale composizione del sangue e vengono determinate le deviazioni nel lavoro degli organi e dei sistemi interni. La tabella mostra le sostanze contenute nel sangue umano e conferma la presenza di neoplasie maligne nel retto:

indicatoriLivelloCosa fa
EmoglobinaBassoPatologie oncologiche
UreaAltoBlocco intestinale
Proteine ​​totaliBassoProcessi oncologici, malattie gastrointestinali
aptoglobinaAltoNeoplasie intestinali
Torna al sommario

Analisi del sangue generale

Il sangue viene prelevato dall'anulare e per controllare più indicatori - da una vena. Ricercare la presenza di anemia post-emorragica. L'anemia è stata trovata nel 75% dei pazienti con malattie oncologiche. Non è necessario trarre le proprie conclusioni e prescrivere un trattamento, solo un medico prescrive la terapia necessaria. La tabella mostra un esame del sangue generale e la sua decodifica:

IndiceNormaDeviazione nel cancro
Emoglobina, g / l120-15070-80
Leucociti, 10 × 9 cellule / l4,5-11L'aumento del coefficiente dipende dal grado della malattia
ESR, mm / h0-2060-70

I seguenti risultati indicano lo sviluppo di tumori maligni nell'intestino:

  • Anemia. Una forte riduzione dei livelli di emoglobina.
  • ESR. Il suo coefficiente aumentato conferma la presenza di cellule tumorali, se non cade quando trattato con agenti antinfiammatori e antibatterici.
  • Leucocitosi. Il loro aumento del numero può indicare un tumore maligno..
Torna al sommario

Esame del sangue per marcatori tumorali

Questo metodo di ricerca è il più informativo. I marcatori tumorali sono composti proteici che sono un prodotto di scarto di cellule maligne. Con il loro aiuto, è possibile stabilire un tumore canceroso, la sua natura, lo stadio, la reazione del corpo e anche monitorare l'efficacia del trattamento. I marcatori tumorali possono anche apparire con un'infiammazione acuta nell'intestino, che può portare a una diagnosi errata.

I principali indicatori a cui i medici prestano attenzione sono (CEA) e l'antigene CA-19-9.

In un tumore maligno, il numero di marcatori tumorali dell'antigene embrionale canceroso è aumentato. Un leggero aumento di esso nel sangue si verifica nelle persone che fumano. Analisi negativa: CEA è in grado di indicare l'oncologia in tutti gli organi umani. La determinazione del marker tumorale CA-19-9 nel corpo aiuta i medici a trovare la posizione del tumore. L'operazione è un trattamento efficace per il cancro, ma il medico può prescrivere radioterapia o chemioterapia..

Come controllare l'intestino per oncologia?

Secondo le statistiche, il cancro al colon si verifica nel 15% di tutti i casi di cancro. Per una maggiore sopravvivenza del paziente, è necessario iniziare il trattamento in una fase precoce, pertanto la pratica mondiale prevede una diagnosi precoce delle malattie.

Auto diagnosi

Sintomi tipici

Per sospettare una neoplasia maligna nell'intestino, devi conoscere i principali sintomi e segni:

  • rapida perdita di peso non motivata;
  • debolezza generale, aumento della fatica, mal di testa - a causa della sindrome da intossicazione;
  • un aumento inspiegabile della temperatura per lungo tempo, può essere il risultato di una componente infiammatoria nell'area del focus sul cancro;
  • violazione delle feci con tendenza alla costipazione;
  • falso impulso a defecare (tenesmo);
  • dolore addominale cronico prolungato di diversa localizzazione e caratteristiche;
  • scarico patologico con le feci: pus, sangue, muco;
  • flatulenza regolare;
  • incontinenza fecale (una conseguenza del danno alle strutture muscolari del retto e dell'ano);
  • diminuzione o aumento dell'appetito, possibilmente avversione al cibo;
  • incontinenza urinaria, segni di cistite (danno agli organi vicini);
  • segni di ostruzione intestinale (con ostruzione completa del lume del tubo intestinale con un processo canceroso).

I rischi per lo sviluppo del cancro intestinale sono:

  • età dopo 40 anni;
  • genere maschile;
  • cattive abitudini, in particolare il fumo;
  • una storia familiare di cancro intestinale.

Se sospetti una malattia, è meglio consultare un medico per l'esame, la diagnosi e il trattamento specializzato.

Test rapido per sangue occulto nelle feci

La diagnosi primaria può essere eseguita indipendentemente eseguendo un test rapido per il sangue occulto nelle feci. I sistemi di test consentono di determinare la presenza di emoglobina e transferrina nelle feci, che entra nel prodotto di scarto quando il chimo viene danneggiato nell'area della mucosa intestinale alterata dal cancro. In questo caso, il danno è insignificante e le strisce di sangue non sono visibili all'occhio..

Si raccomanda che tali test vengano eseguiti ogni anno dopo 45 anni per tutti. Consentiranno non solo di sospettare un processo canceroso, ma anche di assumere la presenza di polipi, per spiegare l'anemia e la debolezza generale..

Diagnostica di base

Viene effettuato dopo che il paziente si rivolge a un istituto medico. In questo caso, i test rapidi non sono sufficienti per verificare la diagnosi e confermare il processo tumorale per l'avvio di un trattamento corretto specializzato. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Esame del paziente e raccolta dei reclami

Il medico scopre in dettaglio i reclami del paziente, ponendo domande importanti, specificando ogni aspetto. È specificata la presenza di malattie nei parenti, non solo il cancro intestinale, ma anche l'oncologia in generale, le patologie sistemiche e vari difetti. Il medico specifica e verifica la scheda ambulatoriale del paziente: di cosa si era ammalato prima della visita, se c'erano interventi chirurgici. Sulla base dei reclami, uno specialista può già elaborare una determinata immagine e delineare un ulteriore percorso diagnostico.

Dopo aver raccolto i reclami, viene effettuato un esame approfondito. Vengono determinate la simmetria dell'addome, la presenza di formazioni patologiche e l'asimmetria della parete addominale anteriore. Quindi procedere all'esame di palpazione.

Palpazione dell'addome

La palpazione viene eseguita in due fasi: superficiale e profonda. Il paziente è posizionato sulla schiena, le gambe sono leggermente piegate sulle ginocchia per rilassare i muscoli della parete addominale anteriore. Al paziente viene insegnato a respirare correttamente: profondamente con la bocca. Lo studio viene condotto in una stanza calda, mentre anche le mani del medico devono essere riscaldate.

Quindi, con una leggera pressione, sondano l'intero addome in un cerchio. Il medico valuta la tensione della parete addominale anteriore, la presenza di gonfiore, brontolio lungo l'intestino, dolore.

La fase successiva è la palpazione profonda. Il suo scopo principale è determinare i confini degli organi parenchimali: fegato, milza, reni e pancreas. Per valutare le caratteristiche di palpazione dei segmenti intestinali in diverse aree.

Esame rettale

Se sospetti una malattia intestinale, il medico esegue un esame digitale del retto. Lo studio non è molto informativo, poiché consente alla palpazione di determinare formazioni patologiche a una distanza dalla lunghezza del dito del medico. Negli uomini viene anche valutato lo stato della ghiandola prostatica: forma, consistenza, dimensioni, dolore durante l'esame.

Una fiala vuota del retto è un sintomo dell'ospedale di Obukhov, può indicare un'ostruzione intestinale. Dopo l'esame, il medico valuta il colore e la consistenza delle feci, la presenza o l'assenza di sangue sul guanto.

Metodi diagnostici di laboratorio

Dopo un attento interrogatorio e un esame fisico del paziente, il medico ricorre a metodi di laboratorio.

Esame del sangue

Un metodo di ricerca obbligatorio è un esame del sangue. Vengono valutati i parametri clinici e biochimici.

Metodo di ricercaIndicatori che indicano oncologia
Esame del sangue clinico
  • L'anemia ipocromica è il risultato di sanguinamento cronico dall'intestino (sanguinamento occulto);
  • Leucocitosi con spostamento a sinistra - infiammazione nell'area del focus del cancro, il suo decadimento in grado grave;
  • Aumento dell'ESR - come segno del processo infiammatorio.
Chimica del sangue
  • Una diminuzione dei livelli di ferro è un segno di sanguinamento intestinale cronico;
  • Diminuzione delle proteine ​​totali - caratterizza il processo maligno;
  • Violazione di altri indicatori, a seguito della diffusione della malattia.

L'emocromo non è specifico, poiché può cambiare con qualsiasi stato patologico del corpo come prova dei disturbi dell'omeostasi. Ma in un esame completo, studi dinamici e informativi consentono di valutare il risultato della terapia.

Biopsia tissutale

L'essenza dello studio diagnostico è la microscopia dei tessuti ottenuta dal focus patologico e dalla determinazione della loro composizione cellulare.

Il materiale viene prelevato durante l'esame strumentale durante l'endoscopia o dal materiale chirurgico. La valutazione della composizione cellulare consente di riconoscere un processo canceroso nel focus patologico, oppure il focus è un polipo, infiltrazione autoimmune, granuloma infettivo infiammatorio e così via. Inoltre, i materiali per biopsia consentono di determinare il focus primario se il processo nell'intestino è una metastasi.

Identificazione di marcatori tumorali nel sangue periferico

I marcatori oncologici sono composti proteici specifici che compaiono nel corpo umano durante la crescita oncologica. Per il cancro intestinale non ci sono indicatori specifici caratteristici, molto spesso vengono determinati solo 2 tipi di proteine: CA-19-9 e CEA (antigene embrionale del cancro).

CA-19-9 può indicare non solo un processo canceroso nell'intestino, ma anche nel pancreas e nello stomaco. Inoltre, l'indicatore può aumentare con fibrosi cistica o infiammazione intestinale. Il CEA aumenta con qualsiasi processo oncologico.

Metodi di ricerca strumentale

L'uso di attrezzature mediche speciali consente di visualizzare il processo del cancro, rilevare lesioni metastatiche di altri organi e sistemi, determinare la gravità e la probabile prognosi.

Irrigoscopy

Il metodo di esame a raggi X viene eseguito per ogni paziente con sospetta malattia intestinale.

Il metodo è il più semplice. Il paziente deve essere preparato prima dell'esame pulendo in anticipo l'intestino. Quindi il paziente viene iniettato attraverso l'ano con una soluzione di sospensione di bario di circa 1,8-2 litri, che consente di visualizzare le pareti intestinali su una macchina a raggi X. In questo caso, il paziente deve giacere sul lato sinistro con le gambe piegate portate al corpo; la corretta respirazione misurata consentirà il trasferimento dello studio senza gravi disagi. Le foto vengono scattate in piedi dopo che la soluzione è stata distribuita uniformemente nell'intestino crasso.

Consente di visualizzare la messa a fuoco oncologica utilizzando onde sonore ad alta frequenza. La sonda ad ultrasuoni della macchina è inserita nel retto.

Il metodo determina il volume dell'istruzione, la sua crescita in organi e tessuti adiacenti, metastasi locali a linfonodi periferici vicino al fuoco.

Tomografia

La risonanza magnetica o la tomografia computerizzata consentono di determinare la presenza di formazioni patologiche negli strati. Oltre all'irroscoposcopia, gli agenti di contrasto possono essere utilizzati per una migliore visualizzazione..

Viene eseguito con il paziente sdraiato. Non richiede alcun addestramento speciale. Permette di visualizzare la presenza di danno metastatico ad altri organi addominali.

Rectoromanoscopy

Metodo di esame endoscopico del retto. Non richiede tante misure preparatorie come la colonscopia.

Un apparato endoscopico viene inserito attraverso l'ano nel retto, che consente la valutazione online delle condizioni della parete mucosa di un segmento dell'intestino, la rimozione di polipi, la cauterizzazione della microerrosione e il prelievo di materiale per la biopsia e la verifica del tumore.

Colonscopia

La colonscopia è il "gold standard" nella diagnosi di cancro al colon e altre malattie (colite ulcerosa, poliposi, morbo di Crohn e così via). Permette non solo di visualizzare la mucosa intestinale, ma anche di salvare i dati su un supporto elettronico.

Inoltre, lo studio consente di prelevare materiale per biopsia, eseguire manipolazioni endoscopiche microchirurgiche. Lo svantaggio di questo metodo è l'incapacità di determinare la profondità della germinazione. Il metodo è abbastanza doloroso, richiede una lunga preparazione sotto forma di dieta e pulizia dell'intestino (con farmaci o clisteri).

Capsula video

Un nuovo metodo, usato raramente a causa dell'elevato costo dell'attrezzatura. Grazie alla videocamera nella capsula, consente di valutare la mucosa di tutte le parti del tratto gastrointestinale.

Non è molto informativo, poiché non consente di prelevare materiale per uno studio sulla biopsia. Il medico riceve il risultato non in tempo reale, ma solo dopo il rilascio naturale della capsula. Dopo il passaggio dell'apparato attraverso il tratto gastrointestinale, esiste la possibilità che la capsula rimanga bloccata nelle aree cieche (cieco, diverticoli).

Tabella comparativa dei metodi strumentali

MetodoBeneficisvantaggi
Irrigography
  • Possibilità di effettuare in qualsiasi clinica in cui è presente una macchina a raggi X;
  • Preparazione entro un giorno;
  • Indolore relativo del metodo.
  • Poco informativo, visualizza il tessuto più o meno (crescita del tumore esofitico o ulcerazione);
  • Non fornisce informazioni sullo spessore del tumore, sulla possibilità della sua crescita nei tessuti vicini, sulla metastasi;
  • È inutile se una persona non mantiene la soluzione nell'intestino (specialmente con debolezza dello sfintere anale o danno alle fibre muscolari del retto con cancro);
ultrasuono
  • Consente di determinare il processo oncologico nell'area rettale;
  • Metodo rapido, nessuna preparazione preliminare richiesta.
  • Poco informativo nel processo oncologico nel resto dell'intestino.
Rectoromanoscopy
  • Non richiede alcun addestramento speciale;
  • Informativo per la diagnosi del carcinoma del retto;
  • Permette di prendere materiale per una biopsia di un tumore del retto.
  • Ha senso solo quando si esamina il retto;
  • Sono necessarie apparecchiature endoscopiche speciali.
Colonscopia

("gold standard")

  • Un metodo altamente informativo che consente di visualizzare la mucosa dell'intero intestino crasso;
  • Permette di prendere materiale per la biopsia;
  • Conduce procedure chirurgiche microchirurgiche per rimuovere i polipi del colon, la cauterizzazione delle erosioni della mucosa.
  • Metodo di ricerca doloroso;
  • Richiede un'attenta preparazione e dieta per diversi giorni prima della diagnosi;
  • Non determina la profondità della crescita tumorale e la presenza di metastasi;
  • Ha molti effetti collaterali e controindicazioni;
  • Sono necessarie apparecchiature endoscopiche speciali.
CT o MTP
  • Ti permette di visualizzare il volume dell'educazione patologica, la sua relazione con i tessuti adiacenti;
  • Metodo indolore;
  • Rilevazione di lesioni metastatiche dei linfonodi della cavità addominale, nonché di altri organi della cavità addominale.
  • Non è possibile prelevare materiale dal focus per l'analisi per la diagnosi differenziale;
  • Ci possono essere artefatti durante lo studio (errori) al minimo movimento del paziente.
Capsula video
  • Consente di visualizzare la mucosa di tutte le parti del tubo gastrointestinale;
  • Metodo indolore.
  • Richiede la stessa preparazione della colonscopia;
  • La capsula può "rimanere bloccata" nei diverticoli (tasche) dell'intestino;
  • L'alto costo del metodo;
  • A causa dei grandi volumi della capsula, è difficile ingerirla;
  • Risultati solo dopo il rilascio della capsula.

Sommario

Il metodo principale con cui si può sospettare la presenza di un processo oncologico nell'intestino è un test espresso per la presenza di sangue occulto nelle feci, che il paziente può acquistare dalla farmacia senza prescrizione medica..

La colonscopia è il "gold standard" nella verifica del processo tumorale. Per determinare la profondità della crescita del tumore e la presenza di metastasi nella cavità addominale, viene integrato con studi tomografici (TC o RM dell'intestino).

Diagnostica strumentale e di laboratorio del cancro del retto

Articoli di esperti medici

Un gran numero di metodi sono disponibili per la medicina moderna per una chiara diagnosi di malattie intestinali maligne. Questi metodi includono esami sia strumentali che non strumentali, radiografia, test fisiologici e batteriologici, ecc..

La diagnosi del cancro del retto è generalmente considerata un esame completo. Nella prima fase, il sangue viene prelevato dal paziente per analisi cliniche e biochimiche, quindi vengono esaminate le feci.

Per molti anni, anche un esame digitale del retto è stato obbligatorio - spesso è da questa procedura che inizia lo schema diagnostico standard. Cosa può fare un medico per questo o quel tipo di esame? Diamo un'occhiata più da vicino a questo problema..

Chi contattare?

La fase iniziale nella diagnosi del cancro del retto

Se si sospetta un tumore canceroso, durante l'esame vengono talvolta rilevati segni come un addome ingrossato, uscite fistolose esterne e linfonodi ingrossati. Toccando l'addome si rileva l'accumulo di liquido (ascite) o gas dall'intestino perforato.

La sensazione dell'addome, nonostante la sua semplicità esteriore, è considerata una procedura molto preziosa per determinare il processo del tumore. Grazie alla palpazione, è possibile valutare il grado di tensione muscolare, la presenza di spasmi e fluidi, ecc. A colpo sicuro, il medico esamina tutti i linfonodi che possono essere interessati dal processo patologico.

L'esame dell'area perineale consente di vedere i cambiamenti nella pelle e nello sfintere anale, che possono anche essere informazioni preziose per fare una diagnosi.

Viene considerato un esame digitale del retto, sebbene sia una procedura semplice, ma molto istruttiva. Viene effettuato sia durante una visita preventiva dal medico, sia in presenza di lamentele correlate al lavoro dell'intestino inferiore. Se tale esame viene eseguito con cura e competenza, è del tutto possibile valutare lo stato della maggior parte del retto e persino stabilire una diagnosi preliminare. Come viene eseguita la procedura: il medico inserisce un dito nell'area rettale e sente le sue pareti dall'interno. L'esplorazione potrebbe non essere molto piacevole, ma indolore.

Test per sospetto cancro del retto

Quali test di laboratorio sono di solito prescritti per il sospetto cancro?

  • Feci per la presenza di sangue occulto: questo metodo determina se c'è sanguinamento nascosto o sanguinamento del tumore. Affinché il risultato sia il più preciso possibile, le feci devono essere prese più volte e per la prevenzione - una volta all'anno.
  • Emocromo completo: aiuta a determinare se una persona ha un'anemia associata a perdita di sangue latente. Un basso livello di emoglobina può essere uno dei primi indicatori di cancro.
  • Biochimica del sangue - è una valutazione dell'antigene carcinoembryonic (CEA), il cui livello determina lo stadio del processo maligno. La biochimica è di solito prescritta prima e dopo l'intervento chirurgico. Di norma, entro 2 mesi dopo un'operazione radicale, il contenuto di SEA ritorna normale. Se sono presenti metastasi o si sviluppa una ricaduta di oncopatologia, i suoi valori aumentano nuovamente.
  • Lo studio delle feci per il DNA è un'analisi specifica che viene effettuata per rilevare geni mutati, cioè strutture cellulari alterate che danno origine alla formazione di una patologia maligna.

Marcatori tumorali per il cancro del retto

Come sapete, la difficoltà di diagnosticare un tumore canceroso è in gran parte dovuta al suo decorso asintomatico, quando il paziente chiede aiuto solo quando la malattia si spinge troppo in là. Per questo motivo, gli scienziati sono da tempo alla ricerca di un metodo diagnostico che possa aiutare a identificare la patologia il prima possibile. E questo metodo è stato trovato: questa è la definizione di marker tumorali.

Quali sono? I marcatori tumorali sono sostanze proteiche uniche rilasciate durante l'attività vitale delle cellule tumorali. Sono determinati nel sangue o nel fluido urinario di un paziente con cancro. Allo stesso tempo, con l'aiuto di mezzi moderni, è possibile determinare un aumento del livello di tali sostanze anche nelle fasi iniziali del cancro..

Cosa indica il livello del marker:

  • in quale organo può essere la neoplasia;
  • se il trattamento prescritto fosse efficace;
  • sono possibili ripetuti sviluppi della patologia;
  • c'è un rischio di cancro in futuro.

Sono noti numerosi marker tumorali che indicano la presenza e la localizzazione di un processo canceroso nel retto. Questi sono marcatori come AFP, CA 72-4, LASA-P, CA 242, CA 19-9, CYFRA 21-1.

Tuttavia, ci sono alcuni svantaggi dell'analisi dei marker:

  • i marcatori tumorali non sono strettamente specifici - ad esempio, lo stesso indicatore può significare la presenza di un processo in qualsiasi parte del sistema digestivo;
  • un alto contenuto di marcatori non può in ogni caso essere interpretato come la presenza di un tumore;
  • alcune persone sane possono anche rilevare queste sostanze.

Da tutto quanto sopra, si possono trarre le seguenti conclusioni: la determinazione dei marker è una procedura importante, ma non è possibile stabilire una diagnosi basata sul loro solo aumento. La diagnostica dovrebbe essere percepita in modo complesso, usando tutte le tecniche possibili.

Diagnosi strumentale del cancro del retto

Lo scopo della diagnostica strumentale del retto è di visualizzare l'area danneggiata dalla patologia, determinare la natura della lesione e il suo stadio, prendere un elemento tissutale per uno studio più dettagliato (biopsia), nonché una valutazione preliminare della metastasi.

  • L'anoscopia è un metodo per esaminare il retto usando un anoscopio, uno strumento che viene inserito attraverso lo sfintere anale e consente di esaminare la superficie interna della mucosa. La profondità della possibile ispezione è di circa 15 cm.
  • La sigmoidoscopia viene eseguita utilizzando un apparato sigmoidoscopio, che viene inserito nella cavità rettale e ad una distanza fino a 50 cm.Questa tecnica consente al medico di esaminare le mucose intestinali, con la possibilità di prelevare elementi di tessuto per ulteriori analisi. La procedura non può essere definita piacevole e completamente indolore, ma come diagnosi è spesso semplicemente insostituibile..
  • La fibrocolonoscopia consente di esaminare la superficie interna dell'intestino, determinare con precisione la localizzazione della neoplasia, prelevare pezzi di materiale per la biopsia e persino rimuovere piccoli polipi. Utilizzando questo metodo, è possibile valutare lo stato dell'intestino crasso per tutta la sua lunghezza..
  • L'irrigoscopia prevede un'iniezione di clistere nella cavità intestinale di uno speciale agente di contrasto, che farà esplodere la cavità interna dell'intestino quando viene visualizzato su immagini a raggi X. Questa procedura viene utilizzata principalmente nei pazienti anziani, nonché se il medico sospetta contemporaneamente più processi tumorali nell'intestino..
  • L'urografia endovenosa può essere prescritta come metodo di ricerca aggiuntivo, ad esempio quando un tumore cresce nella vescica.
  • Il monitoraggio a ultrasuoni degli organi addominali viene utilizzato per rilevare le metastasi. Se la procedura viene eseguita con l'accumulo di fluido (ascite), l'ecografia consente di stimarne il volume.
  • Il metodo di tomografia computerizzata viene utilizzato per determinare l'invasione di un tumore negli organi vicini, per trovare metastasi, per controllare i linfonodi più vicini.
  • La laparoscopia diagnostica è una procedura chirurgica minimamente invasiva quando la parete addominale viene perforata in più punti e viene inserita una fotocamera speciale attraverso le punture, che consente non solo di vedere la presenza di metastasi nella cavità addominale, ma anche di rimuovere piccoli oggetti.

Separatamente, vorrei soffermarmi sul metodo di imaging a risonanza magnetica, che, sebbene non sia considerato un esame prioritario, a volte può fornire informazioni molto importanti al medico. Determinazione del grado di crescita del tumore, selezione di uno schema terapeutico, valutazione della necessità e del volume di un'operazione chirurgica: questi sono solo i casi in cui questa procedura è semplicemente necessaria. Inoltre, la risonanza magnetica consente di monitorare e valutare i progressi del trattamento del cancro e determinare ulteriori tattiche in relazione al paziente..

Il cancro del retto alla risonanza magnetica sarà meglio visualizzato e valutato da un medico se aderisci a queste raccomandazioni:

  • prima della procedura, il retto dovrebbe essere pulito - questo può essere fatto con un lassativo o un clistere di pulizia regolare;
  • 1-1,5 ore prima della procedura, è necessario svuotare la vescica, dopo di che non è consentito bere fino alla fine dello studio;
  • circa un'ora prima della risonanza magnetica, si consiglia di assumere 3 compresse di drotaverina (No-shpy).

Se tutto viene eseguito correttamente, il medico può facilmente eseguire le seguenti azioni:

  • vedere il tumore stesso, compresi i suoi bordi;
  • determinare il rapporto tra la neoplasia e gli organi pelvici e lo sfintere;
  • determinare le condizioni dei muscoli pelvici;
  • valutare lo stato del sistema linfatico nella piccola pelvi;
  • monitorare l'efficacia della chirurgia, chemioterapia o radiazioni, monitorare la malattia in dinamica.

Esame istologico e citologico

Al fine di distinguere una malattia benigna da una malattia maligna, viene utilizzato uno studio come una biopsia, seguito da un'analisi istologica. Grazie a una biopsia, è possibile affermare con grande precisione la presenza o l'assenza di un tumore canceroso nei tessuti esaminati. Il metodo diagnostico prevede la rimozione di un piccolo elemento del tessuto tumorale: l'intero processo viene eseguito durante la sigmoidoscopia e non causa alcun ulteriore disagio al paziente. Il pezzo di tessuto ottenuto è sottoposto a valutazione istologica e citologica..

Oltre alla sigmoidoscopia, il medico può prelevare il materiale di cui ha bisogno durante la laparoscopia, la chirurgia o la fibrocolonoscopia. •

L'esame istologico è un esame microscopico di un campione del tessuto rimosso e può essere eseguito urgentemente o come previsto:

  • l'istologia urgente viene eseguita entro circa mezz'ora, nel caso in cui sia richiesto un risultato rapido. Il campione viene pre-congelato, quindi trattato con coloranti specifici ed esaminato al microscopio;
  • l'istologia elettiva di solito dura almeno 5 giorni. Il campione risultante è coperto con uno speciale liquido e paraffina, verniciati. Questo metodo di esame è considerato più complicato rispetto all'istologia urgente. Tuttavia, i suoi risultati sono più precisi e più affidabili..

Di norma, affinché il risultato dell'esame istologico non venga messo in discussione in futuro, viene eseguito da almeno due specialisti. •

L'esame citologico è una valutazione delle strutture cellulari del tessuto, che consente di notare cambiamenti maligni in esse. In che modo questa analisi è diversa da quella istologica? Il fatto che il metodo citologico preveda la considerazione non di una sezione di tessuto, ma di singole cellule tumorali.

Per l'implementazione della citologia, è possibile utilizzare il seguente materiale biologico:

  • campioni di tessuto prelevati durante una biopsia dalla sezione richiesta dell'intestino;
  • secrezione purulenta o mucosa dalla cavità intestinale;
  • campioni di stampe dai tessuti delle mucose dalla parte necessaria dell'intestino.

Solo i metodi di cui sopra consentono di stabilire con precisione quale tumore deve essere trattato: benigno o maligno.

Marcatori da laboratorio per il cancro al colon

Uno studio sulla concentrazione dei principali marcatori del tumore del colon, che viene utilizzato per diagnosticare, valutare la prognosi e controllare il trattamento di questa malattia.

Esami del sangue per il tumore del colon, marker tumorali per il tumore del colon

CA 19-9, CA 242, antigene del cancro gastrointestinale, GICA, antigene carcinoembrionale, CEA, CD66e, CEACAM5.

Quale biomateriale può essere utilizzato per la ricerca?

Come prepararsi adeguatamente per lo studio?

  • Non mangiare per 8 ore prima dello studio, puoi bere acqua pulita non gassata.
  • Elimina lo stress fisico ed emotivo entro 30 minuti prima dello studio.
  • Non fumare entro 24 ore prima dell'esame.

Informazioni generali sullo studio

Il carcinoma del colon (RCC) è la malattia maligna più comune del tratto gastrointestinale. La diagnosi di RTK è complessa, con i metodi di ricerca di laboratorio che svolgono uno dei ruoli centrali. Lo studio dei marker tumorali fornisce preziose informazioni diagnostiche e prognostiche. I marcatori tumorali più ben studiati CA 19-9 e l'antigene embrionale del cancro.

L'antigene del cancro embrionale (CEA) è una grande glicoproteina che assomiglia alle immunoglobuline nella struttura. È sintetizzato dalle cellule del colon e probabilmente media le interazioni cellula-cellula. È stato dimostrato che il CEA svolge un certo ruolo nella stimolazione della crescita tumorale, dell'invasione e della metastasi..

Un aumento del livello di CEA è tipico per RTC. Allo stesso tempo, un alto livello di CEA è più spesso osservato nelle ultime fasi della malattia e / o in presenza di un tumore di grandi dimensioni. Nelle prime fasi della malattia, i livelli di CEA sono generalmente normali. Va anche notato che in circa il 15% dei casi di RTK di grandi dimensioni, anche il livello CEA rimane normale. Non esiste alcuna relazione tra il livello CEA e il tipo istologico di tumore. Un aumento del CEA può anche essere osservato in alcune malattie non oncologiche del tratto gastrointestinale (epatite, colite ulcerosa e morbo di Crohn, pancreatite), malattie oncologiche di altri organi (cancro al seno, ovaia, rene) e malattie non oncologiche di altri organi (malattia polmonare ostruttiva cronica, endometriosi).

Il livello CEA viene anche utilizzato per valutare la prognosi della malattia. È stato dimostrato che un alto livello di CEA nel periodo preoperatorio è un segno prognostico sfavorevole. Un aumento dei livelli di CEA nel periodo postoperatorio può indicare una ricaduta della malattia..

Il marcatore tumorale CA 19-9 (antigene carboidrato) si riferisce anche alle glicoproteine ​​nella struttura. Come CEA, CA 19-9 si trova in concentrazioni aumentate nel sangue di pazienti con RTK e alcune altre malattie (pancreatite, malattie del fegato). Come nel caso del CEA, il livello di CA 19-9 non riflette il tipo istologico del tumore. La sensibilità di CA 19-9 a RTK è inferiore alla sensibilità di CEA. Uno studio congiunto dei marcatori tumorali CA 19-9 e CEA consente di raggiungere una maggiore sensibilità. Alcuni autori propongono di utilizzare il marcatore tumorale CA 19-9 in combinazione con CEA per valutare la prognosi di RTK.

L'antigene canceroso CA 242 è una glicoproteina ad alto peso molecolare che, come il marker tumorale CA 19-9, è prodotta dalle cellule epiteliali del tratto gastrointestinale, ma ha una sensibilità e una specificità più pronunciate ai tumori maligni. Il livello di CA-242 è aumentato in quasi tutti i pazienti con tumori del tratto gastrointestinale, specialmente nei tumori del pancreas, del colon e del retto. CA-242 è prodotto dalle cellule tumorali ed entra nel flusso sanguigno, rendendolo un marker tumorale efficace per la diagnosi precoce e il monitoraggio della malattia.

La caratteristica principale del marcatore tumorale CA 242 è la sua bassa espressione nelle malattie benigne del tratto gastrointestinale, che consente di utilizzarlo per la diagnosi differenziale di tumori benigni e maligni..

Attualmente, lo studio della concentrazione di questi marker tumorali non viene utilizzato come test indipendente per la diagnosi di RTK, ma è integrato da altri test (ad esempio, analisi del sangue occulto nelle feci) e studi strumentali (ad esempio, colonscopia). Il risultato dello studio per i marcatori tumorali viene valutato tenendo conto di tutte le informazioni rilevanti sul paziente..

A cosa serve la ricerca?

  • Per la diagnosi del carcinoma del colon (RTC);
  • valutare le previsioni del RTC;
  • per la diagnosi precoce della ricorrenza di RTK.

Quando è previsto lo studio?

  • Se sospetti un carcinoma del colon in presenza di debolezza non motivata, perdita di peso, perdita di appetito, nausea, disturbi delle feci, sangue nelle feci, dolore addominale;
  • periodicamente quando si osserva il paziente nel periodo postoperatorio.

Cosa significano i risultati?

Per ogni indicatore incluso nel complesso:

  • Cancro al colon;
  • carcinoma mammario;
  • cancro ai polmoni;
  • cancro al pancreas;
  • cancro allo stomaco;
  • carcinoma epatocellulare;
  • carcinoma tiroideo midollare;
  • malattia infiammatoria intestinale;
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva;
  • cirrosi epatica;
  • colestasi;
  • epatite cronica;
  • ittero ostruttivo;
  • colangite;
  • ascesso epatico.
  • Buona risposta al trattamento.
  • Cancro al pancreas;
  • cancro al colon;
  • cancro ai testicoli;
  • pancreatite acuta;
  • colangite;
  • cirrosi epatica;
  • echinococcosi;
  • idronefrosi;
  • ipotiroidismo.
  • Buona risposta al trattamento.

  • Cancro al pancreas;
  • cancro al colon;
  • cancro rettale.
  1. Norma;
  2. una reazione positiva al trattamento;
  3. malattie benigne del tratto gastrointestinale come pancreatite, malattie del fegato (epatite e cirrosi), malattia del calcoli biliari.


Cosa può influenzare il risultato?

  • La presenza di malattie concomitanti;
  • ricaduta della malattia e comparsa di metastasi;
  • iniziare la chemioterapia.
  • Il test non ha lo scopo di selezionare il cancro del colon;
  • i valori normali dei marker tumorali non consentono di escludere completamente il cancro del colon;
  • i risultati dello studio sono valutati tenendo conto di ulteriori dati anamnestici, strumentali e di laboratorio.

[08-090] Tumor Marker 2 (TM 2) - piruvato chinasi

[42-019] Predisposizione al carcinoma del colon-retto

[12-015] Esame istologico di biopsie di organi e tessuti (esclusi fegato, reni, ghiandola prostatica, linfonodi)

[12-027] Studio immunoistochimico di materiale clinico (utilizzando 1 anticorpo)

Chi ordina lo studio?

Oncologo, medico generico, terapista.

Letteratura

  • Swiderska M, Choroma ń ska B, Dąąskka E, Konarzewska - Duchnowska E, Choroma ń ska K, Szczurko G, My ś liwiec P, Dadan J, Ladny JR, Zwierz K. La diagnostica del cancro del colon-retto. Contemp Oncol (Pozn). 2014; 18 (1): 1-6. Revisione.
  • Chernecky C. C. Test di laboratorio e procedure diagnostiche / S.S. Chernecky, B.J. Berger; 5a ed. - Saunder Elsevier, 2008.

Marcatori tumorali, analisi del sangue generale e biochimica per il cancro intestinale

Un esame del sangue per il cancro intestinale è uno studio obbligatorio che consente di identificare una patologia grave nelle fasi iniziali e iniziare il trattamento in tempo. Passando regolarmente i test, il paziente può monitorare la sua salute e adottare misure tempestive in caso di deterioramento della salute.

Il modo più semplice è controllare lo sviluppo del processo oncologico con l'aiuto di un esame del sangue generale e biochimico. Per uno studio di successo, è necessario spiegare le regole di preparazione al paziente..

Se un paziente presenta diversi sintomi principali di cancro intestinale e almeno un minore, un esame del sangue clinico consentirà una valutazione accurata del grado di sviluppo del processo patologico nel corpo.

Esame per un tumore maligno nell'intestino

I seguenti sintomi dovrebbero allertare il paziente e servire da indicazione per un esame del sangue:

  • sanguinamento gastrico;
  • stipsi;
  • incontinenza urinaria;
  • flatulenza;
  • dolore addominale.

Sono necessari test del cancro del colon per confermare la diagnosi. Gli esami del sangue vengono eseguiti al mattino e in casi urgenti, in qualsiasi momento. Il prelievo di sangue deve essere effettuato contemporaneamente, poiché durante il giorno possono comparire cambiamenti.

Nel processo di studio del materiale, vengono stabilite le ragioni dell'aumento o della diminuzione dell'emoglobina, dei leucociti, delle piastrine e viene determinato l'ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti). Viene effettuato uno studio approfondito dei parametri del sangue periferico, confrontandoli con i valori normali in una persona sana. Inoltre, alcune informazioni sono fornite da uno studio del volume medio di globuli rossi e della quantità totale di emoglobina, del valore dell'indicatore di colore, della presenza di eosinofili, neutrofili e reticolociti..

Per la maggior parte dei malati di cancro, sottoporsi ai test è un onere gravoso, quindi, dopo lo studio, si consiglia di riposare a letto.

Prelievo di sangue: analisi generale

Al mattino, viene prelevato sangue capillare o venoso per lo studio. L'analisi generale per il carcinoma intestinale consente di stabilire lo stadio del processo oncologico. Il paziente deve seguire le regole prima di iniziare la procedura. Non è necessario donare sangue dopo uno sforzo fisico e mentale, nonché procedure diagnostiche. Va tenuto presente che il numero totale di leucociti aumenta significativamente nei seguenti casi:

  • dopo mangiato;
  • con un brusco cambiamento di temperatura;
  • a causa di stress emotivo.

È inaccettabile fumare prima di fare un'analisi generale, poiché il sangue diventa denso e viscoso. Bere grandi quantità di liquidi provoca una diminuzione della concentrazione di emoglobina.

Prestare attenzione alla posizione della mano durante la raccolta del sangue. Il paziente deve posizionarlo sul tavolo a livello del torace. Non è consigliabile assumere alcol, cibi grassi e droghe che influenzano la composizione del sangue prima della procedura.

L'emocromo completo per il carcinoma intestinale è uno dei metodi diagnostici necessari che aiuta a svolgere una specifica terapia del cancro con preparati sintetici ed erboristici.

Esame dei risultati dell'analisi generale

Normalmente, la quantità di emoglobina come componente principale degli eritrociti è 120-150 g / l nelle donne e 130-170 g / l negli uomini. Se un tumore si sviluppa, diminuisce a 128 g / l.

Il numero di leucociti che proteggono il corpo da tossine, cellule morenti, virus e batteri in un malato di cancro supera più volte i livelli normali. Un emocromo completo consente di determinare il numero di piastrine che indica lo sviluppo del cancro.

Il cancro del retto provoca un aumento del numero di leucociti nei pazienti nella seconda fase del processo fino a 8-9 mila / mm³, e in alcuni casi si osserva iperleucocitosi - 40-50 mila / mm³. Il numero totale di cellule giovani aumenta gradualmente. Il tasso di sedimentazione eritrocitaria (VES) raggiunge numeri elevati e, anche dopo il corso del trattamento, i tassi elevati rimangono a lungo.

La VES normale in una persona sana è di 1-15 mm / h. Se il retto è coinvolto nel processo tumorale, gli indicatori del tasso di sedimentazione degli eritrociti raggiungono numeri critici - 60-70 mm / h. Ulteriori studi sono necessari se si riscontrano tassi elevati non solo di VES, ma anche di emoglobina.

Proteine ​​specifiche: diagnosi precoce

Viene eseguito un esame del sangue per determinare la presenza di marcatori tumorali nel sangue. Le proteine ​​speciali prodotte dalle cellule tumorali possono superare significativamente i livelli normali.

I seguenti marcatori vengono utilizzati per rilevare il cancro nell'intestino:

Le principali proteine ​​specifiche presenti nel sangue del paziente consentono di prevedere lo sviluppo di una ricaduta della malattia anche prima dell'inizio dei primi sintomi. Se vengono identificati marcatori tumorali, il paziente deve sottoporsi a un esame completo per determinare la posizione del tumore.

Ci sono 200 composti in proteine ​​specifiche, ma sono necessari solo marcatori specifici per diagnosticare il cancro intestinale. L'algoritmo di ricerca sul tumore include l'uso di CEA e CA 19, ma CA 19 svolge un ruolo guida nel determinare il cancro dei dotti biliari e del retto..

I seguenti fattori influenzano il livello dei marker tumorali nel sangue del paziente:

  • condizioni di conservazione per siero di latte;
  • massa tumorale;
  • il meccanismo di afflusso di sangue ai tessuti tumorali;
  • metabolismo cellulare.

Esame del sangue per chiarire la diagnosi

L'analisi biochimica è necessaria per monitorare il processo di terapia del cancro intestinale. Di norma, viene esaminato il siero ottenuto dal sangue venoso. Prima di prendere il materiale, è necessario seguire le regole per la preparazione per l'analisi..

La creatinchinasi nel sangue è normalmente 167 U / L nelle donne e 190 U / L negli uomini. Con il cancro intestinale, aumenta a 714 U / L. Il normale indicatore di urea negli adulti è di 2,5-7,3 mmol / l, ma il suo livello è significativamente aumentato con un tumore maligno nell'intestino.

Bassi livelli di acido folico sono stati osservati nelle prime fasi del cancro. La carenza di magnesio si verifica con la rapida progressione del processo maligno.

Le proteine ​​totali nel sangue negli adulti sono 64-87 e il suo aumento del contenuto è osservato con un tumore del sigmoide o del retto. I livelli sierici di lipasi aumentano nel secondo stadio del cancro. La mancanza di calcio viene rilevata nell'ultima fase della malattia ed è particolarmente pronunciata quando il paziente è esausto: cachessia. Una diminuzione dei livelli di glucosio è caratteristica dei tumori intestinali, poiché aumenta il suo consumo come fonte di energia per le cellule tumorali.

Si osserva un calo significativo dei livelli di colesterolo con la progressione di un tumore maligno ed è un marker di cancro, specialmente se combinato con un basso peso corporeo del paziente. Un aumento dell'indicatore è associato a una violazione del fegato, accompagnata da una maggiore escrezione di colesterolo dal corpo..

Una biopsia del tumore indica che le cellule tumorali hanno bisogno di colesterolo dal sangue per crescere e riprodursi. Una diminuzione del suo contenuto non è una causa, ma una conseguenza del cancro intestinale.

I parametri biochimici del sangue nella fase finale del processo tumorale sono significativamente modificati e il contenuto di acido folico raggiunge livelli critici. La sua carenza è determinata da un esame del sangue effettuato a stomaco vuoto dopo un digiuno notturno di 12 ore. 3 ng / L - l'indicatore minimo che indica un grado grave del processo oncologico.

La bilirubina del pigmento aumenta nel sangue del paziente dopo un blocco dei dotti biliari. Con un processo oncologico, la quantità di globulina aumenta, il livello di fibrinogeno e albumina diminuisce.

Spesso, il paziente viene sottoposto a endoscopia: rimozione di un tumore canceroso nelle fasi iniziali della malattia. Uno studio preliminare del sangue consente di stabilire la presenza di metastasi, poiché l'operazione può avere successo solo nella loro completa assenza.

CEA nel test del sangue

L'antigene è contenuto nelle ghiandole intestinali in quantità insignificante e non ha un effetto particolare sull'attività vitale del corpo. Se un tumore si sviluppa nell'intestino, la concentrazione di CEA aumenta in modo significativo. Nei pazienti con cancro, il livello di antigene è aumentato al 90%. La lettura normale è di 3 ng / ml.

Nei pazienti fumatori, il valore del marker è 5,5 ng / ml e, per i pazienti con tumore intestinale benigno, questo indicatore è 40,0 ng / ml..

Il test CEA è altamente sensibile e dipende dalle dimensioni del tumore. La comparsa di una ricaduta della malattia è evidenziata dal livello del marker superiore a 25 ng / ml. Nei pazienti oncologici, dopo 6 settimane di trattamento viene rilevata una diminuzione della quantità di antigene.

Se il valore del marker rimane costante, si deve supporre la presenza di metastasi. Il CEA viene determinato con un intervallo di diversi mesi e viene prestata grande attenzione a un improvviso aumento della concentrazione di antigene nel sangue. In questo caso, si dovrebbe presumere che vi sia un ampio processo tumorale nell'intestino..

Il trattamento chemioterapico non ha alcun effetto sul siero CEA.

Istituzione di CA 19-9

L'esame del paziente inizia con l'esecuzione di test per determinare la presenza di un antigene specifico CA 19-9. Normalmente, viene prodotto nelle cellule della mucosa gastrica, ma nei pazienti con tumore maligno l'antigene è parecchie volte superiore ai valori normali. Si osserva una concentrazione significativa di CA 19-9 nel sangue con le seguenti patologie dello stomaco e dell'intestino:

  • tumore rettale;
  • tumore del tratto biliare o colon sigmoideo.

Utilizzando l'analisi, è possibile monitorare l'efficacia del trattamento, determinare la presenza di recidiva del tumore e la posizione delle metastasi. Lo studio è prescritto per i pazienti con lamentele di dolore addominale, nausea, perdita di peso. In pazienti sani, CA 19-9 ha un livello basso o è completamente assente nell'analisi del sangue venoso. Un cambiamento nella quantità di un antigene specifico indica l'efficacia del trattamento o la comparsa di una ricaduta della malattia. Un basso contenuto di CA 19-9 nel sangue è stato osservato nei seguenti pazienti:

  • nelle persone sane;
  • nella fase iniziale del cancro;
  • trattamento dopo il corso.

Modifica degli antigeni specifici CA 242 e Tu M2-PK

L'efficacia del rilevamento del carcinoma intestinale dipende direttamente dalla diagnosi utilizzando diversi marker che differiscono l'uno dall'altro. Il principale antigene specifico per stabilire il cancro del colon è CA 242. Normalmente, il suo valore è 0-30 UI / ml.

La diagnosi di neoplasie si basa anche sull'uso di una specifica proteina Tu M2-PK (piruvato chinasi di tipo M2). La nuova classe di antigeni metabolici consente di determinare le differenze tra la quantità di Tu M2-PK nei pazienti con carcinoma intestinale e pazienti sani. Un marcatore tumorale specifico di tipo M2 piruvato chinasi stabilisce la presenza di un tumore e metastasi nell'intestino del paziente.

Si consiglia di determinare il livello di antigene specifico dopo l'intervento chirurgico se è necessaria una valutazione delle condizioni del paziente. Per stabilire la presenza di Tu M2-PK nel plasma sanguigno, è necessario un set di reagenti e apparecchiature standard per effettuare sempre uno studio accurato..

Prima dell'intervento chirurgico, nei pazienti con carcinoma intestinale, il livello di Tu M2-PK è entro 30,5 U / ml e, nel periodo postoperatorio, si nota una significativa riduzione del valore del marcatore.

Il cancro contribuisce ad un aumento del livello di antigene a 53,4 U / mg. La proteina specifica CA242 nei pazienti con carcinoma intestinale si trova in una quantità di 25,2-49,76 U / ml.

I tumori del colon vengono spesso rilevati utilizzando una specifica proteina CA 242, un antigene molto sensibile che indica un alto rischio di cancro del retto.

Gli esami del sangue generali e biochimici, nonché lo studio dei marker tumorali aiutano a fermare il processo patologico apportando una ragionevole correzione dello stile di vita, per preservare e ripristinare la salute.

Articoli Su Epatite