Gastrite atrofica: sintomi e trattamento

Principale Gastrite

Nella medicina moderna, una malattia chiamata "gastrite atrofica" è abbastanza comune. I suoi sintomi possono essere diversi, ma in ogni caso, in assenza di un trattamento adeguato, porta a conseguenze irreversibili e pericolose. Pertanto, molte persone sono interessate a ulteriori informazioni su questa malattia. Quali sono le ragioni del suo verificarsi? Come si presentano i primi sintomi? Esistono metodi di prevenzione efficaci?

Cos'è la gastrite atrofica?

Diverse malattie croniche diverse sono combinate sotto questo termine, che sono associate non solo all'infiammazione della mucosa gastrica, ma anche all'atrofia dei tessuti graduale o alla diminuzione del numero di ghiandole secernenti..

Oggi, molti sono interessati alla gastrite atrofica, ai sintomi e alle cause della malattia. Il fatto è che questa malattia nella medicina moderna è considerata una condizione precancerosa. Naturalmente, nelle prime fasi, la malattia è curabile, ma in assenza di terapia, può portare a degenerazione maligna dei tessuti. Ecco perché è così importante diagnosticare la malattia in tempo e iniziare un trattamento adeguato. A proposito, la gastrite atrofica viene spesso diagnosticata nelle persone di età superiore ai 50 anni..

Le principali cause dello sviluppo della malattia

Sfortunatamente, le cause e il meccanismo dello sviluppo di questa malattia non sono stati completamente compresi. Tuttavia, scienziati e medici sono riusciti a identificare alcuni fattori di rischio:

  • Prima di tutto, le malattie autoimmuni dovrebbero essere annotate nell'elenco dei motivi. In alcuni disturbi, il sistema immunitario inizia a produrre anticorpi specifici che danneggiano le cellule dello stomaco che producono acido cloridrico. Un processo cronico simile porta a graduale atrofia della mucosa..
  • Non è un segreto che un batterio chiamato Helicobacter pylori si trova spesso nello stomaco di una persona sana durante vari studi. Normalmente, questi microrganismi non rappresentano un pericolo per il corpo. Tuttavia, sotto l'influenza di alcuni fattori (dieta malsana, ridotta immunità, irritazione della mucosa gastrica), l'attività dei batteri aumenta notevolmente. È stato dimostrato che la rapida moltiplicazione e l'aumento del numero di questi microrganismi possono portare a infiammazione e, successivamente, a un processo atrofico..
  • I fattori di rischio includono varie malattie dell'apparato digerente, in particolare enterocolite, colecistite, infiammazione del pancreas, ecc..
  • Influisce negativamente sulla mucosa gastrica e su alcuni farmaci. Questo è il motivo per cui l'assunzione incontrollata di farmaci è scoraggiata..
  • È stato anche dimostrato che l'abuso di bevande alcoliche porta spesso a danni allo stomaco e allo sviluppo graduale di un processo atrofico..
  • Anche il fattore ereditario è importante.
  • Grave intossicazione del corpo, malattie infettive protratte, varie infiammazioni croniche: tutto ciò influisce sul funzionamento del corpo e, in combinazione con altri fattori, può provocare infiammazione della mucosa gastrica.
  • Naturalmente, non dovresti sottovalutare l'importanza di una corretta alimentazione. Mangiare troppo spesso, mangiare cibi troppo caldi o freddi, bere troppo caffè, bevande gassate e spezie piccanti: tutto ciò provoca irritazione della mucosa.
  • In alcuni casi, la causa dell'infiammazione e dell'atrofia è il reflusso: il ritorno del cibo dall'intestino allo stomaco.

Gastrite atrofica: sintomi e quadro clinico

Il processo atrofico con una malattia simile è cronico. Pertanto, i sintomi possono variare in intensità. Tuttavia, ci sono alcuni cambiamenti nel corpo che dovrebbero allertare il paziente..

Molti pazienti lamentano pesantezza all'addome, che si verifica principalmente dopo aver mangiato. Inoltre, i segni della malattia includono dolore allo stomaco di varia intensità, che può essere associato all'assunzione di cibo o si verifica indipendentemente dal cibo. La frequente eruttazione è un altro sintomo della gastrite atrofica. Mentre la malattia progredisce, le persone notano la comparsa di un sapore marcio in bocca..

Naturalmente, ci sono altri disturbi a cui dovresti assolutamente prestare attenzione. Ad esempio, nei pazienti con questa diagnosi, spesso si possono osservare gorgoglii e brontolio nell'addome. A volte si sviluppa un'intolleranza ai prodotti lattiero-caseari. E dopo aver mangiato una grande quantità di cibo ricco di carboidrati, i pazienti si lamentano di aumento della sudorazione, vertigini e debolezza. A volte il paziente nota l'aspetto di un gusto metallico in bocca. I sintomi della gastrite includono bruciore di stomaco regolare. Si osservano spesso feci instabili, in cui la costipazione prolungata viene sostituita da diarrea e viceversa..

Se hai tali segni, dovresti assolutamente cercare l'aiuto di un medico..

Forme della malattia

Nella medicina moderna, ci sono diversi sistemi di classificazione per questa malattia.

  • La gastrite atrofica subtrofica o superficiale è lo stadio iniziale della malattia, in cui il processo atrofico è appena iniziato. A proposito, questo termine è un po 'obsoleto, quindi viene usato raramente dai medici..
  • Lo stadio successivo è di solito la gastrite atrofica focale. I sintomi in questo caso sono più pronunciati, perché il processo atrofico colpisce una vasta area della mucosa. Si osserva una diminuzione del numero di ghiandole nelle aree interessate, che porta a significativi disturbi digestivi.
  • La gastrite antrale è caratterizzata da un danno alla maggior parte dei tessuti mucosi dello stomaco, in particolare il suo antro.
  • La gastrite diffusa atrofica è una malattia in cui un processo atrofico colpisce quasi l'intera area della mucosa, portando al suo assottigliamento uniforme.
  • Naturalmente, si distinguono anche alcune altre forme più rare della malattia, tra cui l'autoimmune.

Molti pazienti sono anche interessati a domande su quale acidità si osserva nella gastrite atrofica. In effetti, il processo può essere accompagnato da fluttuazioni di acidità in una direzione o nell'altra. Ad esempio, la gastrite atrofica con elevata acidità è caratterizzata da metaplasia, in cui le ghiandole gastriche sono sostituite da strutture secretorie, che sono normalmente presenti solo nella cavità intestinale..

Gastrite atrofica cronica: sintomi

L'atrofia è un processo cronico. E in assenza di un trattamento tempestivo, si possono osservare danni più profondi al corpo. Ad esempio, la gastrite antrale cronica atrofica è accompagnata da una diminuzione dell'appetito e da un ridotto assorbimento dei nutrienti. Come risultato di tali disturbi, il corpo umano è esaurito..

In particolare, i pazienti sviluppano spesso anemia associata a un assorbimento alterato della vitamina B12. Questa malattia è accompagnata da debolezza, vertigini, riduzione delle prestazioni, pallore della pelle, ecc. La carenza di acido ascorbico influisce sul funzionamento del sistema immunitario, indebolendo le difese del corpo. Una quantità insufficiente di vitamina A porta al deterioramento della vista, nonché alle condizioni di pelle, unghie e capelli. I sintomi della gastrite cronica possono anche includere gengive sanguinanti, pelle secca e sensibile, piaghe negli angoli delle labbra, ecc..

Puoi vedere che l'atrofia della mucosa gastrica è una condizione estremamente pericolosa. Dopotutto, questa malattia colpisce tutto il corpo. Ecco perché è così importante diagnosticare la malattia in tempo e iniziare un trattamento adeguato..

Metodi diagnostici moderni

Qualsiasi sospetto di gastrite atrofica cronica (anche se i sintomi gravi non hanno ancora avuto il tempo di apparire) è una ragione per un esame approfondito. Dopo l'esame, il medico prescriverà test appropriati per te.

Nella maggior parte dei casi, il più informativo è un esame endoscopico del tratto digestivo. Uno specialista può notare cambiamenti nella struttura della mucosa: è danneggiato in una certa misura, diluito e spesso acquisisce una tonalità grigiastra pallida. Inoltre, le pieghe della mucosa sono notevolmente ridotte, ma il modello dei vasi diventa più chiaro. Di norma, tale procedura comporta anche la raccolta di campioni di tessuto con i loro ulteriori esami di laboratorio..

Naturalmente, vengono utilizzati anche altri metodi diagnostici. In particolare, la gastrite atrofica cronica prevede test per determinare l'acidità del succo gastrico e l'attività degli enzimi digestivi. In alcuni casi, vengono eseguiti anche esami a raggi X. È inoltre necessaria un'analisi immunologica del sangue del paziente. Solo dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie, il medico può fare una diagnosi finale e scegliere il regime di trattamento più efficace.

Trattamento conservativo per gastrite atrofica

Sfortunatamente, non esiste alcun medicinale in grado di sbarazzarsi rapidamente di tale malattia. Tuttavia, la terapia corretta può rallentare o addirittura arrestare il processo atrofico. Prima di tutto, viene effettuato un trattamento sintomatico e sostitutivo.

Se il paziente si lamenta di un forte dolore, viene alleviato con l'aiuto di antispasmodici (Papaverin, No-shpa) e di farmaci anticolinergici (Gastrocepin, Metacin). In alcuni casi, è necessaria la stimolazione dei muscoli dello stomaco. A tal fine, ai pazienti vengono prescritti farmaci "Motilium", "Cerukal" e alcuni altri farmaci che migliorano la peristalsi..

Con una forte diminuzione della quantità di enzimi prodotti, vengono utilizzati farmaci che contengono componenti del succo gastrico, nonché sostanze attive secrete dal pancreas - questi sono i fondi "Pepsidil", "Mezim", "Pancreatin" e alcuni altri.

La carenza di nutrienti, ovviamente, richiede la terapia vitaminica: ai pazienti vengono prescritti complessi vitaminici e integratori di ferro. Anche il trattamento del sanatorio, raccomandato per le persone con una diagnosi simile, avrà un effetto positivo sulla salute. E, naturalmente, non dimenticare di una corretta alimentazione, poiché solo la terapia dietetica aiuta a mantenere l'effetto della terapia farmacologica.

La dieta giusta è la chiave per un rapido recupero

Ora sai cos'è la gastrite atrofica, i sintomi e il trattamento di questa malattia. Ma la terapia sarà efficace solo se il paziente segue una dieta appropriata. Senza una corretta alimentazione, il processo atrofico si diffonderà ad altri tessuti, il che porterà a conseguenze pericolose. Che aspetto ha una dieta per la gastrite atrofica?

Prima di tutto, tutti gli alimenti che irritano la mucosa gastrica devono essere esclusi dalla dieta. Naturalmente, prima di tutto, vale la pena rinunciare a spezie calde e piccanti, cibi acidi (compresi gli agrumi), nonché cibi affumicati, salati, fritti e grassi. Inoltre, i medici raccomandano di limitare la quantità di carboidrati semplici. Caffè, tè forte, alcool, bevande gassate - anche questi dovrebbero essere evitati.

L'uso di prodotti lattiero-caseari, cereali, verdure bollite o in umido avrà un buon effetto sul lavoro del tratto digestivo. Puoi anche includere carni magre e pesce nella tua dieta, ma questi sono i migliori al vapore. Il cibo che mangi non dovrebbe essere troppo freddo o, al contrario, caldo. Durante i periodi di esacerbazione, gli esperti raccomandano di tagliare i piatti con un frullatore. Inoltre, è meglio consumare piccoli pasti, aumentando il numero di pasti al giorno - questo può ridurre lo sforzo dell'apparato digerente, garantendo il massimo assorbimento dei nutrienti..

Conseguenze e complicanze della gastrite atrofica

La gastrite atrofica dello stomaco è una malattia piuttosto pericolosa, soprattutto in assenza di un trattamento corretto e tempestivo. In effetti, come sapete, una tale malattia aumenta significativamente il rischio di successive trasformazioni maligne e lo sviluppo di malattie oncologiche. Dopotutto, l'atrofia della mucosa riduce significativamente la resistenza dei tessuti e indebolisce la loro protezione dagli effetti degli agenti cancerogeni.

La gastrite atrofica con bassa acidità è considerata particolarmente pericolosa. Secondo le statistiche, circa il 15% dei pazienti con una diagnosi simile sviluppa ulteriormente il cancro. Sfortunatamente, non esistono strumenti in grado di garantire la sicurezza assoluta. Pertanto, le persone con tale diagnosi dovrebbero essere esaminate regolarmente anche dopo il completamento con successo della terapia: questo è l'unico modo per diagnosticare il cancro nelle prime fasi e eseguire il trattamento più efficace..

Misure di prevenzione di base

Ora sai cos'è la gastrite atrofica. Abbiamo considerato i sintomi e il trattamento della malattia. Non dimenticare la prevenzione. In particolare, se la tua famiglia ha parenti affetti da un disturbo simile, di volta in volta devi sottoporsi a esami preventivi. Inoltre, è necessario trattare l'infezione da Helicobacter pylori in tempo - la terapia, di regola, non dura più di due settimane.

E, naturalmente, non dimenticare di una corretta alimentazione, che avrà un effetto positivo non solo sul funzionamento dello stomaco, ma anche sul benessere, l'aspetto e il funzionamento di tutto l'organismo. Tutte le malattie infiammatorie e infettive devono essere diagnosticate in tempo - la terapia tempestiva è estremamente importante qui. Naturalmente, vale la pena rinunciare a cattive abitudini, tra cui un consumo eccessivo di alcol. Quando compaiono i primi sintomi, vai immediatamente dal medico: l'automedicazione può solo aggravare la situazione.

Gastrite atrofica - sintomi e trattamento

Che cos'è la gastrite atrofica? Analizzeremo le cause di occorrenza, diagnosi e metodi di trattamento nell'articolo del Dr. Zhukova M.A., un gastroenterologo con 21 anni di esperienza.

Definizione di malattia. Cause della malattia

La gastrite atrofica è il tipo più insidioso di gastrite cronica, in cui le cellule parietali dello stomaco cambiano, il che rende più sottili le mucose e le ghiandole dello stomaco che producono atrofia dell'acido cloridrico. Ciò porta naturalmente a una produzione insufficiente di acido cloridrico e una digestione compromessa del cibo..

Inizialmente, la malattia danneggia la mucosa del fondo dello stomaco (fondo), quindi interrompe la produzione di acido cloridrico e pepsinogeno, che forniscono digestione gastrica [4].

Poiché lo stomaco è il collegamento iniziale nel sistema digestivo, una violazione della sua funzione influisce inevitabilmente sullo stato di altri organi: il cibo insufficientemente elaborato interrompe meccanicamente e chimicamente il lavoro dell'intestino tenue e crasso, nonché del pancreas.

La gastrite con atrofia ghiandolare è caratterizzata da un decorso progressivo della malattia e da una maggiore incidenza di malignità [1]. È noto che il cancro allo stomaco non si sviluppa sullo sfondo di una mucosa gastrica invariata - è preceduto da cambiamenti chiamati precancerosi, che includono gastrite atrofica. Il decorso prolungato di questa malattia contribuisce alla comparsa delle cellule caratteristiche dell'intestino tenue, anziché delle cellule dello stomaco, e l'eccessiva proliferazione delle cellule della mucosa provoca lo sviluppo di un tumore.

La gastrite atrofica si verifica e progredisce per una serie di motivi associati all'esposizione alla mucosa gastrica. È consuetudine dividerli in due gruppi: esogeno (esterno) ed endogeno (interno).

I fattori di sviluppo più significativi sono considerati l'infezione da Helicobacter pylori (H. pylori) e la gastrite autoimmune associate alla produzione di anticorpi verso le proprie cellule parietali [6]. H. pylori si trova nell'80% dei pazienti con gastrite atrofica, mentre la gastrite autoimmune è considerata una malattia abbastanza rara. È più comune nelle donne. Può essere accompagnato da manifestazioni cliniche o può essere asintomatico, cioè può essere trovato solo durante l'esame istologico dopo una biopsia. Nella gastrite autoimmune cronica, si formano anticorpi verso cellule parietali che producono acido cloridrico e il fattore intrinseco di Castle, una proteina che lega la vitamina B12 dal cibo e la converte in una forma assimilabile.

Altri fattori includono il fumo e varie abitudini alimentari causate da carenze alimentari:

  • cibo troppo piccante, troppo freddo o caldo;
  • abuso di alcool;
  • consumo frequente di bevande gassate e caffè.

Anche i prodotti chimici, inclusi i fattori occupazionali, con esposizione prolungata, possono causare atrofia gastrica. Secondo la ricerca, la gastrite si sviluppa più spesso quando si lavora in condizioni di alta polvere e in presenza di una sospensione di sostanze nocive nell'aria [3].

I farmaci a lungo termine svolgono un ruolo importante nell'aspetto della gastrite atrofica. Molto spesso è associato a farmaci antinfiammatori non steroidei - aspirina, ibuprofene, diclofenac, diflunisal, piroxicam, indometacina, ketoprofene, naprossene, sulindac, ecc. La gastrite può anche svilupparsi dopo l'assunzione di antibiotici e farmaci come insulina, sulfonamidi... Inoltre, il reflusso ha un effetto chimico sulla mucosa gastrica - il processo di lancio di contenuti intestinali aggressivi nello stomaco, a seguito del quale la mucosa gastrica viene danneggiata e si sviluppano ulteriori cambiamenti atrofici..

Le cause significative dell'insorgenza della malattia sono anche i cambiamenti legati all'età: nelle persone di età inferiore ai 30 anni, i processi atrofici si verificano nel 5% dei casi, fino a 50 anni - nel 30% dei casi, dopo 50 anni - nel 50-70% dei casi. È anche possibile una ristrutturazione geneticamente determinata della mucosa gastrica in base al tipo di ipo e atrofia.

Altre ragioni per lo sviluppo della gastrite atrofica includono stress emotivo, depressione, diabete mellito, ipertiroidismo, carenza di ferro e vitamina B12, ipossia (mancanza di ossigeno nei tessuti) con insufficienza polmonare e cardiaca, nonché una combinazione di rinforzo reciproco di diversi fattori influenzanti [3].

Sintomi di gastrite atrofica

Il quadro clinico della gastrite cronica è associato a disturbi locali e generali. La malattia può spesso essere asintomatica, specialmente nelle persone di età superiore ai 50 anni. I sintomi, di regola, sono associati a un lavoro insufficiente dello stomaco e dipendono dal grado di danno a un particolare collegamento nella digestione.

Le principali funzioni dello stomaco sono:

  • deposizione temporanea (ristagno) di cibo - in media, il cibo è nello stomaco per 3-10 ore e il liquido viene evacuato rapidamente e i cibi grassi vengono conservati più a lungo;
  • digestione parziale - elaborazione di proteine ​​e fibre dal cibo;
  • assorbimento parziale - assimilazione di carboidrati semplici, acqua, alcoli;
  • funzione motoria: mescolare il cibo e trasportarlo nell'intestino;
  • funzione battericida - associata all'azione dell'acido cloridrico, quindi, con una diminuzione della sua produzione, si verifica spesso la disbiosi;
  • la funzione ematopoietica o la sintesi del fattore di Castle - una glicoproteina prodotta dalle cellule parietali dello stomaco, assicura l'assorbimento della vitamina B12.

Con una significativa riduzione della sintesi e l'assenza di acido cloridrico, si verificano le seguenti manifestazioni locali:

  • Sintomi di dispersione (sono il segno principale): perdita di appetito, eruttazione, nausea. C'è una sensazione di pesantezza, trabocco nell'epigastrio (sotto il processo xifoideo), distensione nello stomaco, salivazione, sapore sgradevole in bocca. Bruciore nella regione epigastrica, bruciore di stomaco, amarezza in bocca, indicando reflusso - riflusso di bile dal duodeno.
  • La sindrome da proliferazione batterica spesso aggrava il quadro clinico. Di norma, è associato a una diminuzione della funzione battericida. Manifestato da gonfiore, rimbombi, intolleranza ai latticini, feci instabili. Con frequente diarrea, possono esserci mancanza di peso corporeo, sintomi di digestione insufficiente, segni di oligoelementi e carenza vitaminica, anemia.
  • La sindrome anemica è associata a un assorbimento alterato della vitamina B12. A causa di disturbi da microbiota, può svilupparsi anemia da carenza di folati. C'è una debolezza pronunciata, il paziente si stanca rapidamente. Spesso preoccupato per mancanza di respiro con poco esercizio
  • La sindrome del dolore è associata a distensione dello stomaco a causa di una violazione dell'evacuazione del cibo. Dolore, di regola, sordo, doloroso, scoppiando, peggiorando dopo aver mangiato, versato, senza chiara localizzazione.
  • La sindrome distrofica è causata da ipovitaminosi (mancanza di vitamine P, C, A, D) e da carenza proteica. Si manifesta con secchezza e pallore della pelle, visione offuscata, segni di carenza multivitaminica. La poliipovitaminosi riduce significativamente l'immunità, motivo per cui varie infezioni si uniscono [7].

Le persone con gastrite atrofica hanno una lingua "laccata", con esacerbazioni la lingua si allarga (le impronte dei denti sono visibili), è rivestita con uno spesso rivestimento bianco. Alla palpazione (palpazione) dell'area dello stomaco, il dolore è generalmente assente, ma a volte si verifica un lieve dolore diffuso nella regione epigastrica.

La produzione di acido cloridrico diminuisce gradualmente, fino alla sua completa assenza. La patologia concomitante spesso si unisce: pancreatite, colecistite, enterocolite. Nella fase compensata, quando la perdita di cellule parietali non porta ancora a una significativa diminuzione dell'acidità, i sintomi dispeptici possono essere meno pronunciati, la maggior parte delle funzioni dello stomaco viene preservata, mentre la valutazione istologica rivela atrofia. Pertanto, il concetto di gastrite atrofica (diagnosi morfologica) e gastrite con bassa acidità (stato funzionale) sono ambigui..

Le persone con gastrite autoimmune mostrano anticorpi contro le cellule parietali, anemia da carenza di vitamina B12 e una riduzione significativa della secrezione di acido cloridrico.

Sintomi di disturbi comuni:

  • Nella sindrome asteno-nevrotica prevale la debolezza generale, si verifica spesso sudorazione, irritabilità, dolore al cuore, aritmia, instabilità della pressione sanguigna con tendenza all'ipotensione.
  • Con l'anemia da carenza di vitamina B12 sullo sfondo della gastrite cronica del corpo dello stomaco, una persona avverte una sensazione di bruciore nella bocca, nella lingua, nel dolore alle papille e nel corpo della lingua (glossalgia), un cambiamento nella sensibilità di entrambe le mani o dei piedi. I sintomi dell'anemia si manifestano anche con debolezza, affaticamento e sonnolenza. Spesso tali pazienti hanno perso interesse nella vita e ridotto vitalità..

I sintomi clinici della gastrite non possono essere correlati con cambiamenti istologici. La gastrite atrofica si sviluppa lentamente, mentre la sconfitta inizia dal fondo dello stomaco, passando al suo corpo e quindi al resto della mucosa. Si ritiene che ai primi stadi della gastrite atrofica moderatamente espressa, la clinica sia asintomatica, logora e non abbia manifestazioni specifiche. Ma in ulteriori fasi, i sintomi compaiono associati a insufficienza motoria e secretoria dello stomaco..

Patogenesi della gastrite atrofica

L'epitelio della mucosa gastrica è a due strati:

  1. Epitelio superficiale non ghiandolare: si rinnova ogni cinque giorni e copre la parete dell'organo.
  2. Strato ghiandolare profondo - è costituito da cellule di lunga durata più stabili che svolgono determinate funzioni:
  3. cellule parietali: producono acido cloridrico;
  4. cellule pilorocardiche: sintetizzano il muco;
  5. cellule principali - producono pepsina - il principale enzima digestivo;
  6. Le cellule G - ghiandole della secrezione endocrina, producono gastrina - un ormone che regola la digestione.

Nella gastrite, entrambi gli strati dell'epitelio gastrico sono coinvolti nel processo patologico. La colonizzazione della mucosa da parte di H. pylori provoca danni cronici alle cellule, indebolisce le proprietà protettive della mucosa gastrica, che porta a danni ai nuclei cellulari da parte dei radicali liberi e delle tossine. Allo stesso tempo, la struttura cellulare cambia, la specializzazione delle cellule viene interrotta e compaiono cellule "ibride", che hanno le proprietà di quelle precancerose. Questo processo si chiama metaplasia intestinale. In connessione con questi cambiamenti, la mucosa gastrica assume prima la forma del piccolo epitelio intestinale, quindi - l'epitelio del colon. Maggiore è il processo di metaplasia, maggiore è la probabilità di sviluppare adenocarcinoma - carcinoma ghiandolare dello stomaco.

Questo disturbato processo di rinnovamento cellulare nella mucosa gastrica è alla base della formazione di atrofia nella gastrite. Viene tracciata una certa cascata patogenetica, provocata da H. pylori: dalla gastrite infettiva attraverso le fasi di atrofia, metaplasia e displasia al cancro allo stomaco. La comparsa di metaplasia incompleta - colica - è particolarmente pericolosa..

Il danno alla mucosa gastrica nella gastrite autoimmune si realizza attraverso un altro meccanismo: l'immunità compromessa porta alla formazione di anticorpi, danni al tessuto dello stomaco da parte di complessi immunitari. Molto spesso, vengono prodotti anticorpi contro il fattore di Castle, che è responsabile dell'assorbimento della vitamina B12 e delle cellule G. Per questo motivo, l'acidità dello stomaco diminuisce gradualmente, la struttura della mucosa cambia e diminuisce la produzione di acido cloridrico. L'assorbimento di ferro e vitamine è disturbato nello stomaco e si sviluppa l'anemia da carenza di vitamina B12. In questa malattia, nel 90% dei casi, vengono rilevati anticorpi contro le cellule parietali che producono acido cloridrico e H + / K + - ATPase, nel 60% dei casi - anticorpi contro il fattore di Castle.

Con un'atrofia pronunciata delle ghiandole fundiche, si verifica un'iperproduzione compensativa e di rimbalzo della gastrina e aumenta anche l'attività delle cellule G. Nelle persone dopo i 50 anni, i fenomeni di atrofia con metaplasia dell'epitelio ghiandolare nel tipo intestinale sono più pronunciati. Il rischio di cancro allo stomaco sullo sfondo della gastrite autoimmune è 3-10 volte superiore rispetto ad altre persone. La combinazione di tale gastrite con una infettiva peggiora significativamente la prognosi [5].

Classificazione e fasi di sviluppo della gastrite atrofica

Secondo la classificazione adottata a Sydney nel 1990, la diagnosi di gastrite dovrebbe tener conto della localizzazione dei cambiamenti patologici, delle caratteristiche istologiche rivelate nello studio dei campioni di biopsia, dei risultati endoscopici e delle probabili cause dello sviluppo della malattia [5].

Classificazione di gastrite di Sydney

generePer localizzazione
i cambiamenti
endoscopica
In primo piano
Per ragioni
sviluppo
• ⠀ Sharp
• ⠀ Cronico
• ⠀ Antrale
(nell'antro)
• ⠀ Fundal
(nel fornice dello stomaco)
• ⠀ Pangastrite
(su tutto lo stomaco)
• ⠀ Eritematoso
(superficie)
• ⠀ Erosivo
(con l'apparenza di erosione)
• ⠀ emorragico
(con focolai di emorragia)
• ⠀ Atrofico
(con atrofia ghiandolare)
• ⠀ Iperplasia delle pieghe
(con proliferazione di cellule
muco)
• ⠀ Tipo A
(gastrite autoimmune)
• ⠀ Tipo B
(associato a H. pylori)
• ⠀ Tipo C
(gastrite reattiva)
• ⠀ Forme speciali
Si distinguono anche le fasi di remissione ed esacerbazione, le fasi di compensazione e scompenso.

Successivamente, questa classificazione è stata integrata e perfezionata in relazione a nuovi dati scientifici. Ora per la corretta formulazione della diagnosi di gastrite cronica, è importante stabilire la causa della malattia, la prevalenza della lesione, il grado di attività e l'atrofia.

Convenzionalmente, lo stomaco può essere diviso in cinque sezioni: cardia, volta (fondo o fondo), corpo, antro e guardiano. L'atrofia può interessare sia una di queste sezioni sia l'intero stomaco. A questo proposito, si distinguono gastrite atrofica diffusa (nel fondo, nell'antro o in altro dipartimento) e gastrite atrofica multifocale (nell'intero stomaco)..

La classificazione morfologica della gastrite è ampiamente utilizzata nella pratica, poiché sono le caratteristiche istologiche del processo che aiutano a determinare la prognosi e le tattiche di trattamento del paziente. Per questo, viene utilizzata una scala analogica visiva. Ti consente di valutare il quadro morfologico della mucosa gastrica mediante:

  • il grado di contaminazione di H. pylori (assente, debole, medio, forte);
  • dalla gravità del processo infiammatorio e dall'attività della gastrite - infiltrazione dei leucociti [1].

Il grado di atrofia viene anche valutato utilizzando la scala analogica visiva mostrata nel diagramma seguente. In base alla gravità dell'atrofia e al suo tipo, si distinguono tre categorie di cambiamenti nella mucosa gastrica:

  1. Mancanza di atrofia: viene preservata la tipica struttura cellulare della mucosa, le ghiandole principali con un numero sufficiente di cellule parietali e principali sono visibili nella preparazione.
  2. Atrofia non confermata: si esprime l'infiltrazione infiammatoria, le ghiandole principali sono relativamente ridotte, non vi è proliferazione del tessuto connettivo.
  3. Atrofia confermata:
  4. metaplastico: le ghiandole della mucosa sono sostituite dalle ghiandole piloriche o intestinali;
  5. non metaplastico: le ghiandole caratteristiche dello stomaco sono preservate, ma il loro numero è significativamente ridotto [1].

Ciò tiene conto della localizzazione e della gravità dei cambiamenti atrofici (debole, medio, forte), nonché della presenza e dell'area dei fuochi della metaplasia intestinale.

Lo sviluppo della malattia passa attraverso alcune fasi:

  1. Gastrite superficiale - il danno alla mucosa gastrica è superficiale, la secrezione di acido cloridrico è leggermente ridotta, i sintomi della malattia non sono ancora espressi.
  2. Gastrite atrofica focale - i focolai infiammatori si formano nella parete dello stomaco, mentre le funzioni delle parti conservate dello stomaco sono migliorate compensative.
  3. Forma diffusa di gastrite - violazioni significative dell'attività secretoria, la mucosa gastrica si assottiglia, si formano focolai di piccola metaplasia intestinale, con endoscopia, la mucosa acquisisce un aspetto a mosaico - le zone di atrofia sono intervallate da isolotti di metaplasia e mucosa normale. L'area delle aree alterate e la prevalenza dell'infiammazione influiscono sulla prognosi della malattia e sul rischio di degenerazione cancerosa..

Complicanze della gastrite atrofica

La gastrite atrofica grave è sempre accompagnata da anemia da carenza di vitamina B12, in cui le cellule parietali che producono acido cloridrico sono praticamente assenti. La vitamina B12 dal cibo non viene assorbita, il che porta ad anemia cronica con manifestazioni caratteristiche di affaticamento rapido, visione alterata e gusto, debolezza muscolare, vertigini, formicolio e intorpidimento degli arti.

La complicazione più grave della gastrite atrofica è il cancro allo stomaco. Lo sviluppo di un tumore maligno passa attraverso diverse fasi per diversi anni [5]. In questo caso, le ghiandole dello stomaco cessano di produrre acido cloridrico e gastrina, acquisiscono le proprietà delle ghiandole intestinali piccole o grandi. Tali ghiandole alterate nel processo di iniziazione del cancro diventano sempre più immature, la metaplasia dell'epitelio passa dal tipo completo (intestino tenue) al tipo incompleto (colico). Questo processo aumenta significativamente il rischio di sviluppare un tumore..

Con l'acloridria - l'assenza di acido cloridrico nel succo gastrico - si verifica una forte indigestione, il trattamento degli alimenti peggiora, l'assorbimento di alcuni microelementi e le vitamine diminuiscono.

Diagnosi di gastrite atrofica

La gastrite è una diagnosi morfologica, cioè non si basa sui sintomi, ma sui cambiamenti nella struttura della mucosa gastrica. Pertanto, può essere considerato obiettivo solo dopo aver valutato la mucosa gastrica assunta durante una biopsia. Questo è fatto dal patologo. Solo con l'aiuto di uno studio morfologico possiamo identificare in modo affidabile atrofia, infiammazione e distruzione della mucosa gastrica.

La diagnosi clinica di gastrite, cioè una diagnosi senza esame morfologico, praticamente non ha senso. I sintomi della dispepsia, che costringono il paziente a consultare un medico, sono solo di natura funzionale e non indicano sempre i cambiamenti morfologici che compongono l'essenza della gastrite.

Durante l'esofagogastroduodenoscopia (EGDS) possono essere rilevati cambiamenti della mucosa - esame dello stomaco e del duodeno mediante un endoscopio (attraverso un tubo video). Ma i risultati di questo studio sono soggettivi e possono solo indirettamente indicare la presenza di gastrite: non consentono di valutare il grado della sua progressione..

Durante la gastroscopia (FGDS), vengono rivelati l'assottigliamento della mucosa, una diminuzione delle pieghe e un aumento del modello vascolare. La cromografia può essere utilizzata per rilevare displasia o metaplasia. Per questo, la mucosa gastrica è macchiata con una tintura speciale: le aree modificate acquisiscono un colore che le distingue dai tessuti sani. L'ecografia può rilevare una patologia concomitante dell'apparato digerente: fegato, cistifellea, pancreas.

La capacità delle cellule parietali di secernere acido cloridrico è studiata usando un pHmetro. Questo studio viene condotto contemporaneamente a EGD. La tattica del trattamento e la prognosi della malattia dipendono dai suoi risultati. Aiuta anche a controllare l'efficacia della terapia. Poiché con la gastrite atrofica l'acidità è ridotta, il pH può fluttuare tra 3-6.

I marker di laboratorio della gastrite atrofica sono il livello di pepsiogen I, pepsiogen II e gastrina-17 nel sangue. Può essere determinato usando un hemotest. La riduzione della produzione di pepsinogeno I e II indica una diminuzione del funzionamento delle cellule principali.

La possibilità di screening con un esame del sangue per la rilevazione della gastrite atrofica e del cancro gastrico è stata scientificamente dimostrata [8]. La determinazione degli anticorpi contro il fattore di Castle e degli anticorpi contro le cellule parietali dello stomaco nel siero del sangue è essenziale. Il test è significativamente sensibile - positivo nel 95% dei pazienti con anemia da carenza di vitamina B12, sebbene la specificità del test sia bassa: questi anticorpi possono essere presenti in una piccola percentuale di persone con diabete mellito di tipo 1, tireotossicosi e tiroidite autoimmune.

La diagnosi di H. pylori è necessaria per qualsiasi tipo di gastrite. Dopo aver identificato la causa della malattia, è possibile eliminare l'infezione e interrompere la cascata patogenetica della malattia e prevenire formidabili complicazioni, soprattutto nelle prime fasi [11]. La diagnosi di infezione può essere diretta o indiretta. Si consiglia vivamente di utilizzare più metodi per escludere risultati falsi positivi e falsi negativi..

Il metodo migliore è l'esame morfologico delle biopsie. Anche in pratica, viene ampiamente utilizzato un test rapido di ureasi: la determinazione di H. pylori mediante il metodo di valutazione della quantità di ammoniaca nell'urea formata da questi batteri. Altri metodi includono test del respiro e test immunoenzimatici.

È estremamente importante diagnosticare H. pylori prima del trattamento e dopo aver ucciso i batteri per monitorare l'efficacia del regime terapeutico scelto. Ciò è dovuto all'emergere di ceppi batterici resistenti agli antibiotici.

I difetti digestivi sono ben identificati dall'analisi delle feci (esame microscopico) - un metodo abbastanza semplice che consente di rilevare segni indiretti di una diminuzione della produzione di acido cloridrico, nonché i cambiamenti caratteristici della patologia di altri organi dell'apparato digerente. Quindi, con gastrite atrofica nelle feci, appare un gran numero di fibre muscolari invariate, fibra digeribile del tessuto connettivo e amido intracellulare.

È anche importante esaminare il sangue alla ricerca di indicatori generali. Con gastrite atrofica e anemia da carenza di vitamina B12, è possibile rilevare una riduzione del livello di emoglobina negli esami del sangue.

Trattamento della gastrite atrofica

La moderna terapia della gastrite cronica prevede di influenzare le cause della malattia, in particolare l'eliminazione di H. pylori e il trattamento della gastrite autoimmune.

È possibile eliminare i meccanismi autoimmuni di danno alla mucosa gastrica solo attraverso la terapia ormonale. La nomina di glucocorticosteroidi è giustificata solo in caso di concomitante anemia da carenza di vitamina B12.

Un approccio completamente diverso nel rilevare l'infezione da H. pylori e la conferma di laboratorio delle alterazioni atrofiche. Implica l'eradicazione: la distruzione di H. pylori. La terapia è prescritta dopo una misurazione del pH giornaliera. A un valore di pH inferiore a 6, nonostante la ridotta produzione di acido cloridrico, vengono prescritti inibitori della pompa protonica (PPI); in stato anacido (pH ≥ 6) i PPI sono esclusi dal regime di eradicazione e sono prescritti solo antibiotici.

Secondo una ricerca di scienziati americani [6], ignorare la presenza di H. pylori quando si prescrive una terapia antisecretoria porta al fatto che l'infiammazione si diffonde all'intera mucosa gastrica. Di conseguenza, dopo 10-15 anni, un processo infiammatorio cronico porta allo sviluppo di atrofia delle ghiandole principali, aumentando il rischio di cancro allo stomaco. Pertanto, se ci sono indicazioni per la prescrizione di PPI a lungo termine, è necessario prima sottoporsi a uno studio per rilevare H. pylori, nonché un ciclo di terapia di eradicazione se il risultato è positivo..

La prima linea di terapia comprende PPI alla dose giornaliera completa (40 mg) e due antibiotici: claritromicina + amoxicillina o claritromicina e furazolidone. Per i pazienti con una funzione secretoria nettamente ridotta, anziché inibitori della secrezione acida, è indicata la nomina del subcitrato di bismuto (de-nol). Se la terapia in corso non ha portato alla completa distruzione di H. pylori, il batterio è considerato resistente al trattamento. In questo caso, è necessario determinare la sensibilità dei batteri agli antibiotici utilizzati nella pratica [2].

Se la prima linea di terapia è inefficace, viene eseguita una seconda linea di terapia: un farmaco bismuto (dicotato di tripotassio bismuto), PPI, tetraciclina e metronidazolo. La durata del trattamento è di 7-14 giorni..

In Russia, i preparati di bismuto sono ampiamente usati come terapia di prima e seconda linea (in una combinazione di tre farmaci), più spesso di altri, viene prescritto de-nol (ulcavis). La nomina del bismuto nel trattamento della gastrite cronica è giustificata, poiché non è necessario alleviare rapidamente il dolore, come nell'esacerbazione della malattia dell'ulcera peptica, quando vengono utilizzati i regimi PPI. Il decorso della gastrite cronica a basso sintomo consente l'eradicazione basata su farmaci contenenti bismuto.

4-6 settimane dopo la fine della terapia anti-Helicobacter pylori, è necessario condurre uno studio di controllo - test del respiro C13-ureasi.

Dopo l'eliminazione dell'infezione, l'attività della gastrite diminuisce entro un mese. Se l'atrofia non si è ancora sviluppata, possiamo parlare di una cura completa della malattia. Con la gastrite atrofica, il rinnovamento cellulare della mucosa gastrica viene normalizzato, la cascata patogenetica viene interrotta, il che impedisce lo sviluppo del cancro allo stomaco [9].

La gastrite da reflusso biliare indotta chimicamente o biliare unisce un ampio gruppo di pazienti, tra cui:

  • persone con una parte rimossa dello stomaco;
  • pazienti che ricevono FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei);
  • pazienti con reflusso duodenogastrico;
  • pazienti con alcolismo.

L'obiettivo del trattamento è di normalizzare la motilità gastrointestinale e il legame con l'acido biliare.

Le tattiche di trattamento dipendono dalla causa sottostante della gastrite:

  1. API. Poiché gli acidi biliari e la lisolecitina danneggiano la mucosa gastrica solo quando è presente acido cloridrico, gli IPP possono essere utilizzati a seconda della gravità dei sintomi.
  2. Bloccanti del recettore della dopamina (domperidone e altri) - indicati per prevenire lo scarico del contenuto del duodeno nello stomaco.
  3. Acido ursodesossicolico - utilizzato per neutralizzare gli acidi biliari che danneggiano la mucosa gastrica.
  4. Terapia sintomatica:
  5. dieta;
  6. prendendo procinetici (ganaton, motilium, itomed) - influenzano la motilità dello stomaco e del duodeno;
  7. normalizzazione del passaggio dei contenuti intestinali;
  8. ripristino dell'equilibrio della microflora e normalizzazione delle feci con tendenza alla costipazione;
  9. assunzione di farmaci che assorbono il gas (simeticone).

Viene anche mostrato la sostituzione delle vitamine mancanti, la nomina di preparazioni di ferro per l'anemia, la terapia di sostituzione degli enzimi. La balneoterapia è efficace: assunzione di acqua minerale con un alto contenuto di sale per stimolare la secrezione (caldo 20-30 minuti prima dei pasti), decotti di erbe (piantaggine, assenzio, finocchio), succhi aspri, soluzioni di acido citrico e succinico. Vengono utilizzati stimolanti della rigenerazione della mucosa gastrica (olio di olivello spinoso, rebagit, metiluracile), gastroprotettori (misoprostol, venter, de-nol), farmaci avvolgenti - compresse e sospensioni a base di alluminio e bismuto, farmaci per migliorare la contrazione del tratto gastrointestinale. La fisioterapia viene utilizzata attivamente: elettroforesi con farmaci, sedute di magnetoterapia alleviano bene il dolore e procedure termiche per la regione epigastrica. Il trattamento del sanatorio è indicato al di fuori del periodo di esacerbazione nelle località balneologiche.

Previsione. Prevenzione

La prognosi della malattia è più grave nei pazienti di età superiore ai 50 anni, poiché a questa età i processi metaplastici si sviluppano molto più rapidamente e spesso portano alla comparsa del cancro. L'efficacia del trattamento dipende dalla gravità dell'atrofia e dall'area della lesione. Il trattamento precoce e l'eliminazione completa di H. pylori sono essenziali. Se viene rilevata un'infezione dopo la terapia, è necessario un trattamento ripetuto..

L'area di distribuzione della metaplasia e del processo atrofico influenza in modo significativo la prognosi della malattia. Se la metaplasia si è diffusa al 20% della mucosa, il rischio di sviluppo del cancro raggiunge quasi il 100%. Secondo le statistiche, la gastrite atrofica cronica nel 13% dei casi termina inevitabilmente con l'oncologia [10]. Una diminuzione della produzione di acido cloridrico è anche di grande importanza per la prognosi della malattia, poiché in questo caso i meccanismi di protezione antitumorale sono interrotti..

Il monitoraggio costante dei pazienti con gastrite cronica è essenziale. Implica l'endoscopia con biopsia ed esame istologico, che dovrebbe essere eseguito almeno due volte l'anno. Maggiore è il grado di alterazioni infiammatorie, maggiore è il rischio di sviluppare atrofia. Se la gastrite atrofica si è già sviluppata, è necessario stabilire il suo stadio. Ciò determinerà se il paziente è a rischio di sviluppare il cancro allo stomaco [10] [12].

I cambiamenti precancerosi sullo sfondo della gastrite atrofica (metaplasia intestinale e displasia) rappresentano il pericolo maggiore. Allo stesso tempo, la diagnosi tempestiva e la completa rimozione di H. pylori dopo cinque anni ripristinano la mucosa gastrica e riducono significativamente l'area della metaplasia.

Gastrite atrofica con sintomi di acidità elevata

La gastrite atrofica è un processo patologico nello stomaco, caratterizzato dallo sviluppo di cambiamenti atrofici nella struttura della membrana mucosa, una diminuzione della produzione di enzimi e acido cloridrico e degenerazione delle ghiandole digestive.

Perché si sviluppa la gastrite atrofica??

La forma atrofica di infiammazione della mucosa gastrica si sviluppa a seguito di gastrite superficiale non trattata. Il paziente spesso ignora i sintomi della fase iniziale dell'infiammazione e non ha fretta di cercare aiuto medico. Questo atteggiamento nei confronti della propria salute porta alla transizione della gastrite acuta allo stadio cronico e quindi alla forma atrofica della gastrite..

La mucosa gastrica infiammata è costantemente esposta a vari stimoli che aggravano il decorso della gastrite e alla fine causano gravi alterazioni degenerative nello stomaco.

Con lo sviluppo della gastrite atrofica, le condizioni del paziente sono sempre più aggravate: la mucosa gastrica reagisce abbastanza bruscamente al succo gastrico e al cibo ingerito. Di conseguenza, lo strato mucoso dell'organo si assottiglia, le ghiandole che producono succo gastrico ed atrofia degli enzimi.

La gastrite atrofica è pericolosa perché il trattamento non garantisce più il pieno recupero e recupero. I gastroenterologi considerano questa forma di gastrite come una condizione precancerosa. L'atrofia della mucosa e delle ghiandole endocrine dello stomaco indebolisce gravemente il sistema immunitario nel suo insieme. Il corpo inizia a produrre una quantità insufficiente di immunoglobuline e gli anticorpi, che devono combattere contro i microrganismi estranei, iniziano a "uccidere" le loro cellule. Sullo sfondo di questo processo, il paziente sviluppa una malattia autoimmune.

Mangiare cibo influisce negativamente sulle condizioni dello stomaco, poiché il cibo diventa un'ulteriore fonte di irritazione per la mucosa danneggiata. Il rivestimento deformato dello stomaco non può resistere agli effetti distruttivi del cibo e alle reazioni del sistema immunitario.

Di norma, il processo atrofico nello stomaco non ha più una forma ricorrente. Ciò significa che è impossibile curare completamente la malattia, tuttavia, un trattamento tempestivo iniziato può sospendere il processo patologico.

Cause e fattori predisponenti

A rischio per lo sviluppo di questa malattia sono:

  • persone oltre i 35-40 anni;
  • le persone che sono costrette a lavorare in industrie pericolose e inalare i vapori di sostanze tossiche;
  • le persone costrette a prendere determinati farmaci per lungo tempo (in particolare farmaci antinfiammatori non steroidei, cloramfenicolo, antibiotici);
  • le persone che sono soggette a stress frequente e stress psicologico;
  • individui che conducono uno stile di vita asociale - tossicodipendenti che non aderiscono alla dieta;
  • persone che abusano di cibi piccanti, spezie, sottaceti, caffè forte e tè nero;
  • persone sottoposte a esami diagnostici della mucosa dello stomaco e del duodeno.

Anche la predisposizione ereditaria alla gastrite è di grande importanza. Se entrambi i genitori soffrono di malattie del tratto digestivo, allora c'è un'alta probabilità che il loro bambino prima o poi svilupperà problemi di stomaco..

Sintomi di gastrite atrofica

I sintomi della forma atrofica della gastrite sono in molti modi simili alle manifestazioni di infiammazione acuta della mucosa gastrica. Il paziente sviluppa i seguenti sintomi clinici:

  • Dolore: di norma, eventuali disturbi nel lavoro dell'apparato digerente sono accompagnati dalla comparsa di disagio o dolore nella regione epigastrica. In termini di intensità, il dolore può essere doloroso, debole, forte, angusto e acuto. Sensazioni spiacevoli nella regione epigastrica possono essere presenti tutto il tempo o verificarsi sporadicamente, sotto l'influenza di determinati stimoli. La principale caratteristica distintiva della gastrite atrofica è l'assenza di dolore parossistico acuto. Molto spesso, il dolore è noioso ed episodico..
  • Sintomi dispeptici: bruciore di stomaco, nausea, abbondante salivazione, sensazione di pesantezza allo stomaco, aggravata dopo i pasti, diarrea e costipazione, flatulenza, brontolio nell'addome.
  • La gastrite atrofica è accompagnata da eruttazione. Il paziente deve prestare particolare attenzione al gusto in bocca dopo l'eruttazione: un sapore aspro caratterizza la gastrite atrofica con elevata acidità.
  • Con un pronunciato processo atrofico, le condizioni del paziente peggiorano sempre di più. A causa di danni alla mucosa gastrica, gli enzimi e i nutrienti non possono essere completamente assorbiti e questo porta a disturbi metabolici, sviluppo di carenza vitaminica e anemia sideropenica.
  • Sullo sfondo di una carenza di vitamina B12 e ferro, il paziente sviluppa debolezza, mancanza di respiro, palpitazioni.
  • Quando si esamina la lingua, l'atrofia delle papille è chiaramente visibile - la lingua sembra "levigata".

All'inizio, tutti questi segni sono sottili, ma man mano che il processo patologico progredisce, l'esaurimento completo del corpo si sviluppa abbastanza rapidamente..

Diagnosi di gastrite atrofica

La diagnostica della forma atrofica della gastrite si basa sui dati ottenuti da studi di laboratorio, manifestazioni cliniche della malattia e reclami dei pazienti, dati da studi endoscopici e istologici.

La diagnostica funzionale della gastrite atrofica include:

  • misurazione della metrica del pH, che può essere utilizzata per determinare la capacità secretoria delle cellule parietali;
  • studio dell'attività degli enzimi gastrici e dell'attività proteolitica generale del succo gastrico;
  • diagnostica della funzione motoria del tratto digestivo, basata sui risultati della gastrografia.

La misurazione della metrica del pH giornaliera è il metodo principale per diagnosticare la gastrite atrofica. Questo studio consente di determinare le tattiche del trattamento per il paziente, nonché di scoprire la prognosi e l'efficacia della terapia prescritta. Molto spesso, la gastrite atrofica è accompagnata da bassa acidità di stomaco. Il pH medio giornaliero varia da 3 a 6.

Uno studio obbligatorio per qualsiasi forma di gastrite è determinare la presenza dei batteri Helicobacter pylori sulla mucosa. Questo studio consente di determinare la causa del danno alla mucosa dell'organo, poiché nella maggior parte dei casi un fattore predisponente per lo sviluppo della gastrite atrofica è un'infezione a lungo termine con Helicobacter.

Trattamento della gastrite atrofica

Prima di tutto, il trattamento della gastrite atrofica ha lo scopo di eliminare la causa dello sviluppo del processo patologico. Se la gastrite è causata dal batterio Helicobacter pylori, al paziente viene prescritta una terapia di eradicazione - un ciclo potenziato di antibiotici a cui questo batterio è sensibile.

Con una causa autoimmune dello sviluppo di un processo atrofico, al paziente, secondo le indicazioni, viene prescritto un ciclo di terapia ormonale e vitamina B12.

Terapia patogenetica

  • La terapia sostitutiva comprende la prescrizione di farmaci a base di acido cloridrico ed enzimi di acido gastrico al paziente. A volte ai pazienti viene prescritto il succo gastrico naturale prima dei pasti.
  • Assicurati di prescrivere farmaci contenenti enzimi gastrici al fine di facilitare il processo di digestione del cibo e prevenire i processi stagnanti nello stomaco.
  • Quando si diagnostica un paziente con anemia da carenza di ferro e mancanza di vitamina B12 nel corpo, i preparati B12 vengono prescritti per via parenterale.
  • Medicinali che stimolano la produzione di acido cloridrico nel corpo.
  • Durante il periodo in cui il processo acuto si attenua, si consiglia di utilizzare acque minerali medicinali - Essentuki 4 e 17, Mirgorodskaya, Borjomi, Narzan.
  • Per stimolare la produzione di succo gastrico, viene mostrato a un paziente a stomaco vuoto un decotto di rosa canina, succo di cavolo, succo di pomodoro, limone diluito a metà con acqua.
  • Per proteggere la mucosa gastrica dagli effetti distruttivi del cibo e di altre sostanze irritanti, vengono prescritti farmaci che hanno un effetto avvolgente. Tali proprietà sono possedute da gel e sciroppi a base di alluminio e bismuto..

Trattamento alternativo di gastrite atrofica

È possibile aumentare la secrezione di succo gastrico con gastrite atrofica con bassa acidità utilizzando metodi alternativi di trattamento:

  • L'erba di San Giovanni contribuirà ad aumentare il livello di acidità: versare 2 cucchiai di fiori tritati con un bicchiere di acqua bollente e lasciare per 2 ore. L'infusione risultante deve essere consumata tre volte al giorno, 20 minuti prima dei pasti.
  • Succo di cavolo bianco - il cavolo viene grattugiato o schiacciato con un tritacarne, il succo viene filtrato attraverso una garza. Il succo risultante deve essere conservato in frigorifero e bevuto 30 minuti prima dei pasti, 1/3 di tazza. Deve essere preriscaldato alla temperatura corporea..
  • Il succo di barbabietola viene consumato prima dei pasti per mezzo bicchiere.
  • Succo di patate - grattugiare le patate su una grattugia fine, filtrare con una garza. Bevi il succo risultante 1/3 di vetro 3 volte al giorno. La durata del corso di trattamento è di 10 giorni, dopo i quali è necessario fare una pausa di 10 giorni.
  • Salamoia di crauti - migliora la produzione di succo gastrico. Filtrare l'infuso dal cavolo e bere 1/3 di tazza 3 volte al giorno prima dei pasti.
  • Decotto di rosa canina senza zucchero - Bere tè appena preparato prima dei pasti.

Terapia dietetica nel trattamento della gastrite atrofica

Durante un'esacerbazione del processo patologico nello stomaco, al paziente viene mostrata una dieta terapeutica n. 1a. Consiste nel massimo risparmio di stomaco - termico, meccanico, chimico e funzionale. Il cibo viene servito caldo, grattugiato, cotto a vapore o in umido con una quantità minima di sale e olio. Il paziente deve seguire una dieta così rigorosa per 3-4 giorni. Questa volta, di norma, è sufficiente che il processo infiammatorio acuto nello stomaco si attenui. Successivamente, il paziente viene trasferito al tavolo numero 1. Man mano che il processo infiammatorio viene eliminato, ai pazienti con una forma cronica di gastrite atrofica viene mostrata una graduale stimolazione delle ghiandole dello stomaco. A tale scopo, al paziente viene mostrata la tabella n. 2. La dieta n. 2 consiste nel risparmiare la mucosa gastrica, ma con la conservazione di sostanze chimiche irritanti. Ciò è necessario affinché le ghiandole dello stomaco inizino a produrre gradualmente in modo indipendente gli enzimi e il succo gastrico necessari per la digestione..

Quando si passa alla tabella n. 2, al paziente sono consentiti piatti di vari gradi di lavorazione termica e meccanica: bolliti, cotti al forno, fritti senza crosta (senza impanare con pangrattato o farina). Sono ammessi purè ricchi di fibre.

Gli alimenti che richiedono molto tempo per digerire, irritare la mucosa, cibi freddi o troppo caldi sono esclusi dalla dieta. Il numero di pasti dovrebbe essere almeno 5 volte al giorno, in piccole porzioni. Il principio base della nutrizione per la gastrite - spesso e poco a poco.

Elenco degli alimenti consigliati e vietati per la gastrite atrofica:

  • Zuppe - consentite sull'acqua o su un secondo brodo a base di carni magre, pesce o pollame. Alla zuppa si aggiungono patate tritate finemente, carote, cereali bolliti, piccoli vermicelli e polpette. Escludere: zuppe di latte, zuppe con fagioli, piselli, miglio e okroshka.
  • Prodotti da forno: è consentito l'uso di cracker dolci, pane bianco di ieri, panini scomodi, biscotti e biscotti secchi. Elimina dalla dieta prodotti a base di pasta sfoglia, paste fresche e pasticcini.
  • Carne: sono consentite carni a basso contenuto di grassi (tacchino, coniglio, carne magra, pollo, vitello). È meglio servire carne come cotolette. È consentito mangiare lingua bollita e salsicce di latte bollito. Escluso dalla dieta - anatra, maiale, agnello, oca, salsicce affumicate, carne in scatola a forma di stufato.
  • Pesce - può essere cotto, fritto senza crosta e impanato nel pangrattato, servito come cotolette di vapore. Sono esclusi i pesci grassi, i pesci salati, i pesci in scatola.
  • Latticini - kefir, yogurt, ricotta a basso contenuto di grassi, piatti di ricotta (cheesecakes al forno, casseruole, soufflé di ricotta), formaggi a pasta dura, varietà non piccanti, panna acida, latte e panna.
  • Uova - Sono ammesse frittate al vapore, fritte senza crosta, bollite. Elimina le uova sode.
  • Cereali: tutti i cereali sono ammessi ad eccezione del miglio e dell'orzo perlato. Si consiglia di servire il porridge cotto in acqua con l'aggiunta di latte o panna, brodo di carne magro cotto nella seconda acqua, con l'aggiunta di frutta, miele, ricotta.
  • Frutta e verdura - ammesse patate, zucchine, zucca, carote, barbabietole, piselli, cipolle in quantità limitata. Mele, banane, prugne, pere, albicocche, pesche, banana. I piatti a base di verdure vanno serviti in umido o al forno, grattugiati o tagliati a pezzetti. Non comprende: aglio, funghi, ravanelli, cetrioli, peperoni, uva, agrumi, ciliegie, ribes.

Il rispetto di una dieta durante il trattamento della gastrite è molto importante! Durante il periodo in cui la forma acuta del processo infiammatorio si attenua, il paziente deve anche aderire alle restrizioni dietetiche..

Ricorda che un trattamento tempestivo e una corretta alimentazione riducono significativamente il rischio di sviluppare varie complicanze della gastrite..

Articoli Su Epatite