Malattia epatica, sintomi e segni della malattia

Principale Ulcera

Spesso i primi segni di malattia epatica non sono presi sul serio e, in generale, non si concentrano su se stessi. E dato il fatto che recentemente la varietà di tipi di malattie di questo organo si è notevolmente ampliata, questa circostanza provoca seri problemi. Infatti, i pazienti, "finalmente" sospettando che qualcosa non andasse, si rivolgono al medico in una fase successiva di quanto dovrebbe essere, e quindi è molto difficile fare la correzione corretta per i cambiamenti che si sono già verificati nel corpo.

Proponiamo di dare un'occhiata più da vicino a ciò che sono le malattie del fegato, i sintomi e i segni di una malattia che colpisce una persona.

Un po 'sulla funzione e l'anatomia del fegato

Certamente, non esiste un singolo organo secondario nel corpo umano. È solo che qualcosa svolge funzioni importanti e qualcosa di meno essenziale. Ma uno senza l'altro "bene" non può esistere. L'elenco di organi umani particolarmente importanti comprende il fegato, che tra la gente ha guadagnato un nome più originale - il laboratorio del corpo.

Molte attività sono affidate alle sue "spalle". Anche nello stato prenatale, diventa responsabile dell'ematopoiesi. E subito dopo la nascita, inizia i compiti di creazione e neutralizzazione di vari tipi di sostanze. E naturalmente, questo organo è attivamente coinvolto nel processo di scambio materiale. Pertanto, quando il fegato di una persona che pesa due chilogrammi fallisce, ha un brutto momento. E se non si avvia un complesso medico di misure in tempo, il caso si concluderà con la morte..

Ciò accade perché la normale sintesi, il metabolismo, il metabolismo del glutine e del glucosio (le più importanti fonti di energia per le cellule cerebrali) nel corpo cessano. Inoltre, viene interrotta anche la formazione di una massa proteica necessaria per la struttura di tutti i tessuti, nonché le immunoglobuline, che sono responsabili della protezione contro intossicazione e provocatori infettivi..

Ma la domanda è: come riconoscere la malattia del fegato ancor prima che arrivi il momento critico? E come non sbagliarsi nella diagnosi? In effetti, a volte non è davvero facile da fare. Esiste uno di questi organi nel nostro corpo, i cui problemi possono manifestarsi allo stesso modo della classica malattia del fegato. Il nome di questo provocatore è la cistifellea. È qualcosa di simile a un serbatoio di stoccaggio, dove vengono raccolte le secrezioni epatiche, che successivamente, lungo i dotti biliari, si spostano nel duodeno..

Quindi, nel caso in cui ci siano sospetti di qualsiasi patologia epatica, non automedicare mai!

Ora diamo un'occhiata a quali sono le malattie del fegato, i sintomi e i segni che dovrebbero allertare il paziente.

Ciò che provoca la malattia del fegato

Prima di tutto, va detto che le infezioni virali diventano i principali agenti causali di tutti i disturbi del fegato. Noi stessi li lasciamo entrare nel corpo per una banale ragione di abbandono della nostra stessa salute. Nutrizione impropria, in particolare, l'uso di cibi grassi e abbondanti quantità di alcol, l'uso di un gran numero di droghe e droghe tossiche, in definitiva prima causano la distruzione dell'organo e quindi la sua distruzione.

Segnali di avvertimento

Sintomi e malattie del fegato, la cui comparsa è inevitabile, si verificano in una certa fase dello sviluppo del processo, dovrebbero costringere il paziente a fare un passo verso il suo recupero. La cosa principale non è ignorarli, ma reagire il più rapidamente possibile. L'elenco di tali fattori è il seguente:

  1. Fa male nell'ipocondrio a destra. Tale dolore appare dopo aver mangiato cibi fritti o grassi, nonché dopo un intenso sforzo fisico. Il dolore può essere dato alla scapola e alla zona inter-scapolare e al braccio destro. In questo caso, il dolore è:
    - Parossistico o prolungato. Di norma, questi sono i primi sintomi dell'inizio del processo infiammatorio, a seguito del quale l'organo aumenta di dimensioni.
    - Sotto forma di grave colica epatica. Ecco come si manifesta il movimento della formazione di calcoli lungo il tratto biliare.
  2. Sapore amaro in bocca, nausea e vomito. Questi sono sintomi particolarmente spiacevoli e il loro trattamento è espresso non solo nell'assunzione di carbone attivo come profilassi. Il fatto è che tali segnali possono parlare non solo di avvelenamento da cibo di scarsa qualità, ma di problemi come l'epatite o l'ittero. Pertanto, lasciarli incustoditi è altamente indesiderabile..
  3. Tinta gialla della pelle, delle mucose e dei bulbi oculari. Ciò suggerisce che si è accumulato un segmento biliare nei tessuti, che è quasi sempre il caso della malattia del calcoli biliari, vari tipi di epatite e cirrosi epatica. Abbiamo già scritto su: Come determinare la cirrosi epatica?
    Se noti sintomi simili in te stesso, ma non osservi cambiamenti nel colore delle feci e delle urine, non correre a prendere farmaci per il trattamento del fegato. Possono essere causati da altre condizioni mediche. Ad esempio, l'anemia falciforme. Ricorda, solo un medico può fare una diagnosi.!
  4. Urina scura e scolorimento delle feci. Di solito questi sintomi sono veri compagni di ittero ostruttivo o parenchimale..
  5. Prurito spiacevole della pelle. Può verificarsi quando gli acidi biliari entrano nel flusso sanguigno. Questo processo è anche inerente all'ittero parenchimale e ostruttivo..
  6. Febbre, debolezza e malessere generale. Il sintomo non è specifico ed è comune a molte altre malattie. Tuttavia, indica un processo infiammatorio che si sviluppa all'interno.
  7. Mancanza di appetito e significativa perdita di peso. Questa potrebbe essere una violazione del lavoro di secrezione del fegato..
  8. Disfunzione del sistema nervoso centrale. Fattori come sonnolenza e cattivo umore, affaticamento, mal di testa e letargia generale sono rilevanti qui. Tutto ciò può essere rintracciato a causa dell'intossicazione causata dalla perdita della funzione di disintossicazione del fegato o con altre malattie dell'organo e dei suoi vicini, la cistifellea..

Oltre a questi sintomi vividi, ci sono anche criteri spiacevoli che ti consentono di identificare anomalie nel fegato. It:

  • Espansione venosa sulla parete addominale anteriore. Si chiama "la testa delle meduse" e anche l'effetto delle vene del ragno sulla pelle.
  • Ascite (quando il liquido si accumula nell'addome).
  • Sanguinamento delle vene dell'esofago. In questo caso, i coaguli di sangue possono essere rilasciati dalla bocca..
  • Pigmentazione simmetrica dei palmi rossi (palmi epatici).
  • Odore di fegato umido dalla bocca. Di solito è un indicatore di una grave condizione dell'organo (coma epatico). E peggio di tutto, questa fase è raramente trattata..

Tipi di malattie del fegato

Le malattie del fegato sono caratterizzate da diversi tipi. Loro sono:

  1. L'epatite è di origine virale infettiva.
    Con tali malattie del fegato, il trattamento è prescritto a seconda del tipo di agente patogeno - "C", "B", "A". In pratica, l'epatite "A" più comune è nota come malattia di Botkin e si manifesta in modo relativamente leale. Viene diagnosticato quasi immediatamente, poiché il paziente avverte debolezza generale, febbre e acquisisce una tinta gialla delle mucose e dei bulbi oculari. In questo caso, il trattamento è facile e veloce, dopo di che il paziente recupera..
    Per quanto riguarda le forme "C" e "B" - sono molto più serie. Questi tipi di epatite provocano il cancro o la cirrosi epatica e, di conseguenza, la morte del paziente.
  2. Sotto forma di disturbi metabolici. In questo caso, si verifica l'epatosi grassa. La malattia inizia con l'accumulo di grasso nelle cellule del fegato. Di solito non ci sono sintomi. Ma il paziente può provare un notevole disagio come gonfiore, movimenti intestinali quotidiani, nausea e febbre. Bisogna ammettere che con un tale quadro clinico, è proprio l'obesità del fegato che si può sospettare solo se c'è amarezza in bocca, dolore nell'ipocondrio a destra e ittero caratteristico. Tuttavia, molto spesso la malattia viene diagnosticata durante il rilevamento di altre malattie..
  3. Danni a sostanze tossiche. Uno dei compiti principali dell'organo è quello di purificare il sangue dalle impurità tossiche. Ma succede così che tali tossine entrano nel corpo che il fegato semplicemente non può superare. Di norma, si tratta di prodotti di decomposizione dell'alcool, metalli pesanti e sale.
    Il danno da tossina può manifestarsi sia asintomaticamente che in una forma molto acuta. Inoltre, le stesse tossine possono interrompere la circolazione sanguigna, il che è dannoso per i tessuti. Di solito, durante il decorso della malattia, il lato destro dell'addome fa male, ti senti male, febbre, nausea e vomito. Forse sangue dal naso e altri sintomi.
  4. Formazioni tumorali. Sono solo di due tipi:
    - Benigno, il cui numero comprende cisti, fibromi, emangiomi, lipomi. Qui i sintomi possono essere lievi e disturbare il paziente solo quando la neoplasia cresce di grandi dimensioni.
    - Maligno. Sono accompagnati da una condizione instabile generale, debolezza, perdita di peso. Nel tempo, il tessuto degli organi si ispessisce e diventa doloroso alla palpazione.

In che modo le malattie del fegato negli uomini differiscono da problemi simili nelle donne?

Qui, come si suol dire, siamo tutti fatti dello stesso test. Quindi non ha senso cercare differenze fondamentali. L'unica cosa che può dividere i pazienti di sesso diverso in categorie "più" o "meno" è il loro stile di vita e il loro atteggiamento nei confronti della propria salute. Naturalmente, le donne tendono a monitorare una corretta alimentazione e hanno meno probabilità di essere influenzate da cattive abitudini. Pertanto, secondo le statistiche, spesso non hanno problemi al fegato di una forte metà dell'umanità..

Come riconoscere la malattia del fegato in un bambino

Fortunatamente, gravi malattie epatiche nei bambini, compresi i neonati, si verificano in un caso su 2.500. Almeno questo è dimostrato dalle statistiche..

Tuttavia, se ciò si verifica nella pratica medica, allora risulta molto difficile identificare il problema. E nelle fasi iniziali è quasi impossibile. Il fatto è che il quadro clinico del danno d'organo, specialmente nei neonati e nei neonati, non è molto espressivo. E ciò che viene determinato durante gli esami è molto simile a una serie di altre patologie. Infatti, anche un giallo pronunciato della pelle viene spesso percepito dai pediatri come un tipico ittero infantile, che viene spesso osservato nei neonati.

Inoltre, i bambini non possono dire da soli cosa e come provano dolore, il che complica nuovamente la diagnosi iniziale. Pertanto, si consiglia ai genitori di prestare attenzione a sintomi quali:

  • improvvisa perdita di appetito,
  • ingiallimento della mucosa, dei bulbi oculari e della pelle (in primo luogo, la sclera cambia colore e solo successivamente la pelle),
  • cambiamento nel colore delle feci e delle urine (il primo si illumina, il secondo si scurisce),
  • la parete addominale anteriore dell'ipocondrio destro può notevolmente "rigonfiarsi",
  • pianto, letargia e stanchezza,
  • vene del ragno.

In generale, i bambini di età inferiore a un anno possono manifestare disturbi stagnanti a causa della struttura strutturata del sistema epatico e dei dotti biliari. Infatti, abbastanza spesso, anche all'interno dell'utero materno, il feto è infetto da uno dei virus dell'epatite. Inoltre, vengono trasmessi problemi ereditari, che si manifestano nella prima infanzia. Di regola, le fermentopatie diventano tali "doni del destino":

  1. Malattie di Gaucher e Wilson,
  2. porfirie,
  3. glicogenosi.

Se viene identificato uno dei suddetti articoli, il bambino deve ricevere una visita medica completa e sviluppare una terapia dietetica ottimale.

Solo uno specialista può determinare l'aumento delle dimensioni del fegato. Ma a volte i genitori stessi notano una pancia troppo gonfia in un bambino. Ciò accade con gravi complicazioni (ascite), che indicano insufficienza epatica critica. È inaccettabile esitare in tali situazioni! Se al bambino non viene fornita assistenza tempestiva, potrebbe morire.!

Nota per i genitori:

A differenza di un organismo adulto, quello di un bambino ha una caratteristica: il rapporto dimensionale dell'organo epatico rispetto ai parametri generali del corpo. Nel corpo di un adulto, in uno stato normale del fegato, il suo bordo non dovrebbe sporgere da sotto l'ultimo arco della costola. Nei bambini è vero il contrario. Un'altra cosa è quanto (in centimetri) il fegato dovrebbe sporgere da sotto la costola e come questa norma corrisponde alla categoria di età.

Pertanto, i genitori devono capire una volta per tutte che qualsiasi informazione letta nei libri di consultazione medica, nei blog e nei forum di Internet, così come in altre fonti simili, non può servire da comando all'azione nella lotta contro un problema "apparente" che si è presentato. La salute del bambino deve essere valutata solo da uno specialista specializzato!

Come fa male il fegato? Sintomi

Sin dai tempi antichi, le persone, comprendendo vagamente le funzioni del fegato, comprendevano intuitivamente la sua enorme importanza per il corpo umano. Il fegato entra nel sistema digestivo e uno dei suoi compiti principali è la disintossicazione, a causa della quale le sostanze nocive vengono filtrate e non possono avere un effetto negativo sulla salute umana.

Non ci sono organi "non necessari" nel corpo umano, ma l'importanza del fegato difficilmente può essere esagerata. È responsabile dell'organizzazione dei processi metabolici (metabolismo), la bile è sintetizzata in esso, senza la quale il processo di digestione è impossibile.

Di fronte al dolore addominale per la prima volta, molti fanno la domanda: come e dove fa male il fegato di una persona? Con violazioni del funzionamento del sistema digestivo, possono verificarsi vari sintomi, tra cui dolore nella parte destra. Le sensazioni dolorose hanno vari gradi di intensità e in alcuni casi sono un segno di problemi al fegato.

È impossibile fare una diagnosi basata solo sulla descrizione della sindrome del dolore, ma il suo stesso aspetto è già un segnale di allarme, che è pericoloso ignorare..

Come determinare cosa fa male esattamente il fegato?

Se il fegato è compromesso, il corpo inizia a segnalarlo con disagio nell'ipocondrio destro. I pazienti descrivono queste sensazioni in diversi modi - come dolore lancinante, lancinante o lancinante..

L'irradiazione del dolore nella regione scapolare a destra è possibile, il disagio può anche influenzare il collo.

Non ci sono terminazioni nervose nel fegato, quindi non è del tutto corretto dire che è lei che fa male. La fonte del dolore è il suo guscio. Il processo infiammatorio può portare a un aumento dell'organo e quindi inizia a esercitare pressione sulle parti circostanti del corpo, causando anche dolore.

Movimenti acuti, l'uso di cibi grassi e, soprattutto, l'abuso di bevande alcoliche provocano indolenzimento della membrana epatica.

Il dolore doloroso costante o parossistico è un motivo per consultare un medico ed essere esaminato per scoprire esattamente perché il fegato fa male.

Sintomi

Le malattie del fegato sono accompagnate da una serie di sintomi che possono peggiorare in modo significativo la qualità della vita di una persona..

Non dovresti impegnarti nell'autodiagnosi delle malattie, ma ci sono una serie di segni a cui devi prestare attenzione e visitare uno specialista:

  • Localizzazione di sensazioni di dolore e loro insorgenza dopo ingestione di alimenti "malsani" e alcolici in grandi quantità. Per problemi al fegato o alla cistifellea, il dolore è caratteristico proprio sotto le costole inferiori sul lato destro;
  • Giallo della pelle e delle mucose. Può essere costante o può verificarsi periodicamente. In questo caso, le feci sono scolorite e l'urina, al contrario, acquisisce un'ombra scura. L'ittero, che è causato da un aumento del contenuto di componenti biliari nel sangue, può essere accompagnato da prurito;
  • Aumento del volume dell'addome e protrusione delle vene sulla parete addominale anteriore;
  • Disturbi digestivi sotto forma di bruciore di stomaco, nausea, vomito e sapore amaro in bocca;
  • Febbre di basso grado che dura a lungo;
  • Disturbi intestinali (diarrea o, al contrario, costipazione, flatulenza);
  • Costante sensazione di stanchezza, irritabilità, debolezza, sudorazione, pesantezza allo stomaco;
  • Eruzioni cutanee, unghie fragili e perdita di capelli;
  • Rivestimento della lingua con fioritura bianca o gialla.

Gli uomini con problemi al fegato soffrono di ridotta potenza e ingrossamento delle ghiandole mammarie. Le donne lamentano irregolarità mestruali.

Medicinali

Non dovresti assumere medicinali senza parlare con il medico.

Vari farmaci sono usati per trattare il fegato:

  • Allohol
  • Hepabene
  • carsil
  • Creonte
  • Ursofalk
  • Essentiale Forte e altri.

Rimedi popolari per il trattamento del fegato

Sin dai tempi antichi, le persone hanno trattato il fegato in modo popolare, di seguito sono riportate diverse ricette. Le miscele e i decotti preparati per loro avranno un effetto benefico sul lavoro dell'organo, tuttavia, anche prima di usarli, è meglio sottoporsi a un esame e scoprire l'opinione di uno specialista.

1 Una miscela di ricotta e miele.

Per cucinare, dovresti usare solo miele naturale, di cui sei sicuro. Condisci 200 g di ricotta con tre cucchiai di miele e prendi questa miscela ogni giorno per un mese.

2 I semi di cardo mariano hanno un effetto benefico sulla salute del fegato.

Macina i semi in farina, prendi 2 cucchiai della massa risultante, versa 0,5 litri di acqua. Portare a ebollizione e cuocere fino a quando il volume del brodo si riduce di 2 volte. Raffreddare e prendere, senza sforzo, un cucchiaio ogni ora. Non puoi cucinare un decotto, ma mangia un cucchiaino di farina di semi. Il corso del trattamento va da un anno e mezzo a due mesi.

3 Miscela di avena e miele è anche una cura per il fegato malato.

Questo rimedio popolare è noto da molto tempo e porta buoni risultati se usato correttamente. Per preparare il composto, hai bisogno di 100 g di avena sbucciata e 150 g di miele. Mescolare gli ingredienti e versarvi sopra 2,5 litri di acqua bollente. Coprire i piatti con l'impasto con un foglio per un migliore isolamento termico e coprire con una coperta. Insistere sul rimedio per un giorno, quindi assumere 0,25 litri due volte al giorno dopo i pasti. Tale trattamento deve essere effettuato entro 45 giorni, quindi è indispensabile fare una pausa per 2 settimane e ripetere il corso se necessario.

4 La radice di cicoria aiuta a stimolare la rigenerazione del tessuto epatico.

Macina 50 g di radice e riempilo con un bicchiere di acqua bollente. Infondere la bevanda per mezz'ora, quindi filtrarla e bere un po 'durante il giorno. Il trattamento con cicoria dura un mese.

cinque I fiori di calendula impediscono lo sviluppo del processo infiammatorio e normalizzano la secrezione della bile.

Soprattutto, il rimedio, come molti altri, agisce nelle fasi iniziali della malattia. Prendi un cucchiaio di fiori di calendula e versa 0,25 litri di acqua bollente. Insistere per un'ora, quindi filtrare. Bevi l'infuso prima dei pasti 3 volte al giorno per 1/3 di tazza.

6 Lo stigma del mais si trova in molte medicine per il fegato.

Per preparare l'infuso, prendere 2 cucchiai di prodotto, versare 0,25 litri di acqua bollente e lasciare per mezz'ora. Quindi filtrare accuratamente e bere 1/3 di tazza prima dei pasti 3 volte al giorno. Il corso del trattamento è progettato per un mese.

7 La curcuma è conosciuta come una spezia, ma può anche disintossicare il corpo e ripristinare i processi metabolici..

Prepara una bevanda al miele e alla curcuma mescolando 1 cucchiaino di miele e un quarto di cucchiaino di spezie in un bicchiere d'acqua. Aspetta che il miele si dissolva completamente e bevi la bevanda. Prendi 3-4 tazze di questo preparato entro 5 settimane.

Il dolore nell'ipocondrio destro non deve essere ignorato. Ci sono molte malattie del fegato con sintomi lievi. In alcuni casi, ad esempio, con steatosi o emangioma, qualsiasi sintomo può essere completamente assente. Tuttavia, ciò non significa che tutto sia in ordine con l'organo, perché una malattia trascurata può rappresentare una minaccia significativa per la salute di una persona e persino la sua vita..

Se sei preoccupato per i sintomi sopra elencati, anche se non troppo e non spesso, fissa un appuntamento con il tuo medico. Sottoporsi a esami come ultrasuoni, tomografia, esame laparoscopico, superare tutti i test necessari per escludere una patologia grave. Ricorda: qualsiasi malattia è più facile da prevenire che da curare!

Il fegato fa male: sintomi, sensazioni, primi segni. Dove fa male il fegato?

Ogni giorno, il fegato umano passa attraverso se stesso circa 2000 litri di sangue, mantenendo nella cavità (e quindi neutralizzando) enormi volumi di tossine dannose. A causa di carichi così gravi, l'organo diventa molto sensibile a vari tipi di disturbi nel corpo, il che è particolarmente evidente se una persona non aderisce rigorosamente alle regole di una dieta sana e della routine quotidiana.

Come fa male il fegato, quali sono i sintomi, come trattarlo? Questo sarà discusso in questo articolo..

Disagio fisico

La maggior parte delle persone ha familiarità con la sensazione di acuti dolori nell'ipocondrio, che compaiono durante i movimenti meccanici attivi associati a corsa, camminata veloce o chinarsi. Se, dopo aver sentito dolore al fegato (sotto la costola), interrompi i movimenti o rallentali in modo significativo, le sensazioni di formicolio si fermeranno presto e, se ignori il disagio, il dolore si intensificherà a tagli gravi.

La ragione delle sensazioni spiacevoli risiede nell'ignoranza della persona dell'importante funzione del fegato: la capacità di riservare grandi quantità di sangue venoso "in riserva", e più una persona si muove attivamente, più diligentemente l'organo accumula liquido. Se si osservano la tecnica respiratoria e il ritmo motorio, i muscoli respiratori lavorano in modo misurato e il sangue venoso ha il tempo di essere ulteriormente distribuito attraverso i vasi.

Se una persona aumenta il carico sul diaframma, il fluido rimane nel fegato e inizia ad espanderlo, agendo su molte terminazioni nervose poste in una capsula glisson che copre l'organo con un guscio denso. Per questo motivo, si verificano dolori, caratteristici di intensità crescente. Si nota che se, prima di iniziare a muoversi attivamente, una persona mangiava cibi grassi, la natura del dolore al fegato diventa più aggressiva e può essere accompagnata da nausea.

La terapia farmacologica per il dolore al fegato da sforzo fisico non è prescritta. Il gastroenterologo può raccomandare al paziente di passare dall'attività all'attività meno attiva o di praticare sport come il nuoto e l'aerobica leggera. La ginnastica respiratoria si è dimostrata valida, che, oltre a favorire un aumento dell'apporto di sangue agli organi, allena anche i muscoli della struttura addominale, che ha anche un buon effetto sul fegato.

Assunzione di farmaci

Non ci sono farmaci completamente sicuri per il fegato, ma gli effetti negativi possono essere ridotti se si segue l'ordine di assunzione di farmaci, dosaggi e raccomandazioni indicati nelle annotazioni.

Sentimenti quando il fegato fa male spesso si verificano durante il trattamento con i seguenti gruppi di farmaci:

  • farmaci antinfiammatori della categoria FANS;
  • antibiotici prescritti per l'automedicazione, senza tener conto della gravità della condizione;
  • farmaci antiipertensivi, in particolare quelli a base di idralazina e metildopa;
  • contraccettivi assunti in modo incontrollato e per lungo tempo;
  • antistaminici.

Più a lungo viene assunto qualsiasi farmaco dai gruppi sopra elencati, più forte è il carico sul fegato, quindi, se è necessaria una terapia a lungo termine, il medico deve cambiare periodicamente il regime di trattamento. Il metodo di introduzione della sostanza nel corpo e la velocità del suo assorbimento sono di grande importanza: prima l'elemento attivo entra nel flusso sanguigno, più aggressivo sarà l'effetto.

Essendosi accumulati in un rapporto critico, gli elementi non escreti dei farmaci hanno un effetto inebriante sull'organo, provocando l'insorgenza dei seguenti dolori al fegato. I sintomi associati a questa violazione possono includere le seguenti manifestazioni:

  • prurito della pelle, eruzione cutanea, arrossamento;
  • mal di testa dolorante;
  • nausea e debolezza generale;
  • costipazione o diarrea;
  • crampi addominali.

Quando si prescrive il trattamento, è necessario tenere conto dei fattori di rischio, tra cui: età, malattie passate, genere, sovrappeso, stile di vita, ecc. Se la storia indica disturbi genetici nella formazione di enzimi o malattie come epatite, cirrosi, steatosi, diabete mellito, l'assunzione di eventuali farmaci è concordata con l'epatologo.

Le conseguenze dell'eccessivo consumo di alcol

Il consumo regolare di alcol con un alto contenuto di alcol etilico porta allo sviluppo di gravi patologie croniche dell'organo che forma la bile. Tuttavia, in alcuni casi, anche una singola assunzione di una bevanda forte può causare dolore al fegato. I sintomi dell'intolleranza all'alcol possono variare: vomito, nausea, diarrea o costipazione. Ecco perché questo può accadere:

  1. L'enzima epatico alcol deidrogenasi, progettato per stimolare l'ossidazione di alcoli e acetali che entrano nel corpo, non può far fronte al carico, che porta ad un aumento della motilità degli organi.
  2. L'alcol etilico uccide le cellule del fegato.
  3. I farmaci progettati per eliminare le conseguenze dell'eccessiva assunzione di prodotti alcolici influiscono anche negativamente sul fegato e spesso causano un sapore di bile in bocca e dolore doloroso nell'ipocondrio.

Con l'uso sistematico di alcol (la forza della bevanda non ha molta importanza), la funzione neutralizzante della ghiandola di secrezione mista si atrofizza gradualmente. Di conseguenza, la tossicità di tutte le sostanze (droghe, prodotti alimentari, alcool) che entrano nel fegato aumenta più volte. Ciò contribuisce all'accumulo di cellule adipose, all'interruzione della circolazione della bile attraverso i dotti, alla morte delle cellule d'organo.

I processi di avvelenamento da alcol nel corpo procedono in forma latente e diventano evidenti solo quando la malattia passa allo stadio successivo e i cambiamenti nella struttura del fegato diventano irreversibili.

I segni di disfunzione d'organo appaiono più luminosi se, mentre beve bevande contenenti alcol, una persona mangiava cibi ricchi di grassi o piccanti. Avendo sentito dolore nell'ipocondrio destro, una persona deve immediatamente assumere uno dei farmaci del gruppo di epatoprotettori che proteggono il fegato dalla distruzione.

Epatite acuta

Cosa fare se viene diagnosticato questo disturbo e il fegato fa male? Quali sono i sintomi, come trattare e come sbarazzarsi della malattia? L'epatite è un nome collettivo per malattie acute e croniche di natura infettiva che colpiscono la più grande ghiandola del corpo.

Esistono quattro tipi di epatite acuta:

  1. Epatite A. I primi dolori al fegato con questo tipo di epatite si verificano un mese dopo l'infezione da virus, quindi appare una colorazione itterica della pelle, accompagnata da un miglioramento delle condizioni generali. Una cura completa per la malattia di Botkin è impossibile, ma se si seguono le raccomandazioni mediche, si possono evitare le ricadute.
  2. Epatite B. L'insorgenza della malattia è caratterizzata da segni simili a infezioni respiratorie acute o sovraccarico di lavoro, e solo dopo pochi giorni compaiono sintomi specifici: il fegato fa male, la pressione si manifesta nell'ipocondrio destro, la pelle diventa gialla, le feci e l'urina si scuriscono. In un grave decorso della malattia, esiste il rischio di sviluppare necrosi del tessuto epatico, ma con un trattamento tempestivo, la prognosi per il recupero è favorevole.
  3. Epatite D. La malattia si sviluppa di solito sullo sfondo dell'epatite B, ma i sintomi dolorosi, nonché le conseguenze del danno d'organo, sono meno pronunciati. La prognosi per il recupero è quasi sempre positiva..
  4. Epatite E. La malattia dura in media fino a due mesi e procede con un aumento dei sintomi - da una sensazione di affaticamento e disagio generale a dolore acuto nell'ipocondrio e nell'area sopra l'ombelico. Con questa forma di epatite, viene solitamente prescritto un trattamento sintomatico, che non richiede la presenza del paziente in ospedale. L'eccezione sono le donne in gravidanza che portano questa malattia molto duramente.

Se viene rilevato qualsiasi tipo di epatite, il medico prescrive una dieta che esclude il cibo dalla dieta del paziente che carica il fegato. La nomina del trattamento viene effettuata da un medico di malattie infettive e solo dopo il completamento di tutte le procedure diagnostiche.

Cirrosi epatica

La cirrosi è una grave malattia epatica progressiva in cui le cellule della ghiandola si trasformano in tessuti duri, come il tessuto cicatriziale. Lo stato atipico dell'organo è una conseguenza della maggior parte delle malattie epatiche croniche, che non hanno ricevuto le necessarie cure mediche. In rari casi, la cirrosi si sviluppa come una patologia indipendente o anche per ragioni che non possono essere diagnosticate.

Il fegato fa male. Come capire che la cirrosi si sta sviluppando? Di solito questa malattia si sviluppa molto rapidamente, con un rapido aumento dei sintomi:

  • alta temperatura corporea;
  • una forte perdita di forza;
  • un notevole aumento della cavità peritoneale a causa del gonfiore del fegato;
  • colore della pelle itterica;
  • sporgenza delle vene nelle gambe dell'addome;
  • ritardo.

Inoltre, con lo sviluppo della malattia, si verificano dolore al fegato e nausea. La vita di una persona con cirrosi è piena di limiti. La minima deviazione da una dieta rigorosa, da un regime di riposo o dall'uso di farmaci speciali può portare alla ricaduta immediata e alla morte del paziente.

Poiché il fegato ha una capacità unica di guarire se stesso, la prognosi per la cirrosi è ottimista, ma solo se vengono seguite tutte le raccomandazioni mediche. In casi estremi, è anche possibile sostituire un organo gravemente danneggiato con uno da donatore, ma l'operazione viene eseguita prima che le funzioni protettive del corpo siano completamente esaurite. In situazioni in cui il sanguinamento di un organo supera i limiti consentiti, l'intervento chirurgico non viene eseguito.

Formazioni tumorali sul fegato

I tumori del fegato possono essere benigni o maligni. Le neoplasie benigne sono caratterizzate da un lieve decorso della malattia con un graduale aumento dei segni, quindi la loro diagnosi può essere difficile. Esistono i seguenti tipi di strutture atipiche di un corso benigno:

  1. Adenomi: neoplasia arrotondata derivante dall'epitelio ghiandolare dell'organo.
  2. Emangiomi: si verificano sulla superficie dei tessuti vascolari.
  3. L'iperplasia nodulare è un processo oncologico della formazione di molte strutture nodulari nel tessuto epiteliale.
  4. Formazioni cistiche - derivano dai tessuti del dotto biliare comune (dotto biliare comune).

In che modo il fegato di una persona fa male con i sintomi di un tumore benigno? Di norma, la diagnosi di neoplasia si verifica quando il tumore ha raggiunto una grande dimensione e ha iniziato a causare inconvenienti sotto forma di pressione nell'ipocondrio, nausea e bruciore di stomaco. In questo caso, viene eseguito un trattamento chirurgico per rimuovere i tessuti atipici..

Le neoplasie maligne del fegato, con tutta la loro diversità, sono caratterizzate da sintomi simili:

  • la temperatura corporea è mantenuta entro 38 0;
  • una persona perde appetito, sente sonnolenza costante;
  • il fegato si gonfia e quando viene palpato, c'è un forte dolore.

Se un paziente lamenta che il suo fegato fa male e i sintomi indicano la presenza di una neoplasia aggressiva, oltre agli esami standard prescritti in questo caso, viene eseguito un test per i marker tumorali. I metodi di radiazione ionizzante, chemioterapia o chirurgia sono usati per trattare la patologia.

colecistite

La colecistite cronica è un processo infiammatorio nella cistifellea che dura più di sei mesi e presenta un flusso caratteristico con periodi di remissione e recidiva. La forma cronica della malattia è caratterizzata da dolori opachi e a scatti nella zona sotto il fegato. In alcuni casi, c'è una colorazione itterica della pelle e vari disturbi nel sistema digestivo..

Quali sono i segni quando il fegato fa male con la colecistite? La forma acuta della malattia, espressa dalla grave infiammazione di tutti gli strati della parete della cistifellea, è sempre accompagnata da una grave sofferenza del paziente. Di norma, il dolore al fegato si irradia alla schiena, al braccio destro e alla spalla. Allo stesso tempo, una persona sente nausea, forte pressione nel peritoneo e nell'ipocondrio, sono possibili vomito grave e improvvisi salti di temperatura.

Forme di colecistite in base alla gravità dei segni della condizione:

  1. Forma lieve - è determinata da dolori da impatto minore che non durano più di 20 minuti. Le condizioni del paziente peggiorano fino a 2 volte l'anno per 10-14 giorni. Altri organi, anche durante le recidive, mantengono completamente la loro funzionalità.
  2. Una forma di gravità moderata: il dolore sordo al fegato si manifesta in modo abbastanza chiaro e le condizioni del paziente durante gli attacchi richiedono l'anestesia. L'esacerbazione della malattia si verifica 3-5 volte l'anno e dura circa un mese. La funzionalità epatica è parzialmente compromessa.
  3. Forma grave: il paziente sperimenta un tormento quasi continuo e persino periodi di remissione (non più di 2-3 mesi all'anno) sono accompagnati da sensazioni dolorose. Gli attacchi possono essere ripetuti più volte al giorno e possono essere alleviati solo con forti antidolorifici. Possibile sviluppo di malattie concomitanti (pancreatite, pleurite, polmonite).

Uno dei fattori che fa soffrire il fegato in una persona con colecistite è l'atteggiamento connivente del paziente nei confronti della cultura del cibo - consumo eccessivo di cibi aggressivi (piccanti, salati, grassi), bevande gassate, dolci. All'inizio, il disagio si verifica dopo aver mangiato grandi quantità di alimenti proibiti e poi anche da porzioni microscopiche. Il paziente viene trattato in condizioni stazionarie.

colelitiasi

La formazione di calcoli nella cistifellea si verifica quando un cambiamento nella composizione della secrezione biliare porta a ristagno e ispessimento del fluido nei fanghi biliari, seguito da cristallizzazione. Il processo infiammatorio porta a una violazione della motilità contrattile della cistifellea, a causa della quale le pietre non vengono escrete attraverso i dotti biliari, ma rimangono nella cavità della vescica. Questo processo è chiamato colelitiasi o malattia del calcoli biliari..

In quale luogo fa male il fegato con la malattia del calcoli biliari? L'inizio della malattia ricorda attacchi ricorrenti di colecistite acuta. In primo luogo, una persona sente pressione e dolori parossistici nell'ipocondrio destro, che si intensificano nelle onde e causano un forte dolore al paziente.

Nessun cambiamento nella posizione del corpo o riposo completo porta sollievo al paziente. Ciò accade perché il calcolo, quando messo in movimento, ostruisce il dotto biliare e provoca uno spasmo acuto. Poiché il deflusso della bile si arresta o è ridotto al minimo, si forma un eccesso di bilirubina (pigmento giallo) nel sangue, che porta alla colorazione della pelle e delle mucose in un'ombra itterica.

Quali segni, quando il fegato fa male con la colelitiasi, può costituire la base per determinare la diagnosi? Ecco altri sintomi:

  • colore scuro dell'urina;
  • scolorimento (sbiadimento) delle feci;
  • dolore acuto alla palpazione del fegato.

La presenza di calcoli nella cistifellea è determinata dagli ultrasuoni. Se la dimensione dei calcoli consente di rimuoverli naturalmente dai condotti, al paziente viene prescritta una terapia farmacologica. Per le pietre di grandi dimensioni, viene presa una decisione sull'intervento chirurgico.

Lesione al fegato

Il trauma epatico è una grave minaccia per la vita della vittima, derivante da perdita di sangue e danni agli organi. Convenzionalmente, tutte le lesioni al fegato sono divise in due grandi gruppi, in base al tipo di danno aperto e al tipo chiuso..

Le lesioni al fegato chiuse sono classificate come segue:

  • dal meccanismo della lesione - questo include i colpi alla parete addominale anteriore, la caduta piatta e la compressione dell'addome (premendo);
  • dalla natura della lesione - difetti associati alla rottura della capsula epatica, ematomi sottocapsulari o danno centrale;
  • in base al grado di lesione - rotture fino a 20 mm di profondità e micro-rotture sulla superficie dell'organo, rotture che si estendono nella profondità dell'organo di meno e più della metà, numerose lesioni con la disintegrazione del fegato in unità frammentarie, vengono prese in considerazione la frantumazione dei siti epatici;
  • dalla presenza (o assenza) di danno intralobare al fegato - valutare la localizzazione della lesione.
  • dalla presenza (o assenza) di una violazione delle strutture intraepatiche - determinare se ci sono rotture dei dotti biliari o dei vasi dell'organo.

La diagnosi di lesioni epatiche chiuse può essere difficile se il paziente ha shock di dolore e altri danni più evidenti al corpo e agli organi interni. Durante le prime ore dopo l'infortunio, il paziente potrebbe quasi non avvertire un grave disagio, ma la procedura di palpazione è dolorosamente tollerata da lui e il dolore viene dato al braccio destro, sotto la clavicola, alla schiena. La terapia del trauma di tipo chiuso comporta un intervento chirurgico immediato.

Le lesioni aperte dell'organo sono caratterizzate da sanguinamento esterno abbondante (con lesioni da puntura) e rottura dell'organo in uno stato frammentato (con una ferita da arma da fuoco). Il ripristino completo della funzionalità dell'organo è possibile solo in assenza di danni ai polmoni adiacenti, presenza di danni di piccola profondità e tempestivo aiuto medico.

Per le lesioni al fegato aperto, è indicato un intervento chirurgico di emergenza, accompagnato da una procedura di trasfusione di sangue.

Colica epatica

La colica epatica può verificarsi a causa di un gran numero di disfunzioni degli organi e della presenza di fattori di vita avversi:

  • blocco dei dotti biliari a causa della struttura atipica dell'organo o in presenza di calcoli mobili;
  • blocco parziale dei condotti con tappo purulento o coagulo di sangue;
  • violazione della motilità muscolare nell'ipocondrio destro;
  • consumo frequente di alimenti aggressivi e indigeribili;
  • abuso di alcool;
  • stress e intensa attività fisica.

Come capire che il fegato fa male a causa delle coliche e non per altri motivi? Il dolore da cucitura viene fuori bruscamente, molto spesso quando il corpo umano è in uno stato calmo. L'attacco può essere così forte che diventa difficile respirare, mentre il dolore diverge rapidamente dall'ipocondrio destro alla regione succlavia, all'addome, sotto la scapola destra. Entro 40-60 minuti, gli spasmi si intensificano e il dolore diventa insopportabile.

I sintomi associati alla colica epatica sono nausea e attacchi incontrollati di vomito, dopo di che non c'è sollievo. Tra un bavaglio e l'altro, il paziente versa sudore freddo, si sente debole, trema negli arti. Un aumento della temperatura non si verifica in tutti i casi di colica, quindi questo fattore non è attribuito ai principali segni sintomatici.

Alla palpazione, il medico presta attenzione alle condizioni della parete addominale anteriore - molto spesso l'addome è fortemente gonfio e si nota un tono aumentato nell'ipocondrio destro. Il paziente avverte un aumento del dolore durante la palpazione.

Il trattamento per la colica è prescritto sintomatico, progettato per ridurre le manifestazioni dolorose. Soprattutto, si descrivevano con dolore al fegato "No-shpa", "Atropina". Se le iniezioni non portano all'effetto previsto, la novocaina viene iniettata nel focus patologico o procede a un trattamento più serio.

Dolore al fegato: cause, sintomi, trattamento

Come fa male il fegato

I pazienti con malattia epatica descrivono il dolore come una sensazione opaca e dolorante nell'ipocondrio destro. Questo disagio accompagna l'allungamento della capsula dell'organo. Intensi dolori lancinanti si verificano quando la capsula è danneggiata da un processo degenerativo o quando si rompe (ad esempio, quando una cisti è danneggiata).

Nelle malattie del fegato, il dolore è localizzato chiaramente sulla destra. In rari casi, si irradia nella zona epigastrica.

Colica epatica

Questa patologia è chiamata "epatica" solo in modo condizionale, accompagna malattie e disfunzioni della cistifellea. Questi sono dolori intensi nell'ipocondrio destro, che portano allo shock. Si verificano quando il deflusso della bile è disturbato, il lume dei dotti è bloccato da calcoli biliari o tappi mucosi (con colecistite).

I dolori doloranti a destra sotto le costole sono un motivo per fissare un appuntamento con un gastroenterologo o epatologo. Un attacco di colica epatica richiede cure mediche urgenti. Se avverti un forte dolore al lato destro, dovresti chiamare un'ambulanza.

Perché la ghiandola fa male?

Il fegato svolge funzioni di disintossicazione, metaboliche, di deposito ed è coinvolto nella digestione. È l'aumento del carico che è la causa principale della disfunzione della ghiandola..

Con l'esposizione cronica a sostanze tossiche, disturbi metabolici e lo sviluppo di tumori nel fegato, iniziano i cambiamenti degenerativi e degenerativi. Gli epatociti necrotizzano, sono sostituiti da tessuto adiposo o connettivo, si sviluppa insufficienza epatica. Esempi di lesioni degenerative: cirrosi, epatosi.

Anche una singola esposizione a forti veleni sul corpo è sufficiente affinché il fegato smetta di svolgere le sue funzioni..

Il secondo tipo di malattia epatica grave è infiammatorio. L'esempio più eclatante è l'epatite. È di origine virale, autoimmune, batterica, parassitaria. Con l'epatite, i processi metabolici negli epatociti cambiano, la circolazione sanguigna è compromessa e si verifica l'edema dei tessuti. Senza un trattamento adeguato, l'epatite porta alla necrosi parenchimale e alla cirrosi epatica. L'infiammazione dell'organo innesca la formazione di cisti e tumori maligni.

Le lesioni degenerative nella struttura della ghiandola portano a un cambiamento nella pervietà delle vene epatiche e ad un aumento della pressione in esse. Nel tempo si sviluppano debolezza delle pareti venose e vene varicose. La rottura di grandi vene porta a sanguinamento interno. Alcune malattie del fegato vascolare portano all'emangioma: la proliferazione del tessuto vascolare in tutto il parenchima dell'organo e lo spostamento di epatociti sani.

Malattia biliare

Il principale provocatore del dolore al fegato è la cistifellea. Questo organo cavo, i suoi dotti sono ben innervati e ogni patologia si fa sentire con dolore. Spasmi, pugnalate e sensazioni di taglio possono essere solo l'inizio della colica epatica.

Con i processi stagnanti e la penetrazione dell'infezione, si sviluppa la colecistite. La violazione delle proprietà reologiche della bile porta alla malattia del calcoli biliari. Questa condizione è comune tra le donne anziane. Sull'organo, possono verificarsi cisti, curve, che si manifestano anche nel dolore. Le pietre bloccate nei dotti e la bile stagnante portano alla discinesia. Il sintomo principale di questa condizione è il dolore nell'ipocondrio destro..

Altri sintomi della malattia del fegato

Le patologie epatiche per lungo tempo sono deboli o asintomatiche. Il paziente si sente debole, labilità emotiva e perde l'appetito. Man mano che la patologia e le disfunzioni epatiche si sviluppano, altri sintomi si uniscono: indigestione, pesantezza all'addome, gonfiore, feci irregolari (la diarrea si alterna alla costipazione). La violazione della funzione di disintossicazione porta a frequenti eruzioni cutanee, la sua ombra diventa terrosa.

La congestione progressiva provoca l'ittero:

  • la sclera degli occhi, la pelle del corpo, le mucose diventano giallastre;
  • con un'alta concentrazione di bilirubina nel sangue, appare un'eruzione emorragica;
  • prurito della pelle;
  • il paziente si sente debole, palpitazioni;
  • le feci diventano più chiare e l'urina più scura.

L'ittero non accompagna sempre patologie epatiche.

Grave dolore nell'ipocondrio si verifica in casi avanzati. Nelle fasi iniziali, il disagio è periodico, non attira sempre l'attenzione del paziente.

Cosa fare se il fegato fa male

Se si sospetta dolore al fegato, consultare un medico. Lo specialista effettuerà un esame e farà un'anamnesi. Il paziente dovrebbe dire in dettaglio della sua salute di recente, nel modo più accurato possibile per caratterizzare il dolore.

La fase successiva è la diagnostica. Il paziente viene sottoposto ad analisi generali e biochimiche di sangue, urine, test di funzionalità epatica, coprogramma. Per ottenere informazioni più accurate, il medico prescriverà una diagnosi ecografica. L'ecografia rivela cambiamenti strutturali, le dimensioni del fegato, la forma della ghiandola, le dimensioni e la forma della cistifellea. Per valutare la velocità e la qualità della circolazione sanguigna intraepatica, viene eseguita la dopplerografia (richiede diversi minuti, eseguita insieme agli ultrasuoni).

È possibile prescrivere tomografia computerizzata o risonanza magnetica. Tali studi danno un'idea chiara dello stato dell'organo in diverse proiezioni contemporaneamente. Quando vengono rilevati cambiamenti strutturali, vengono rilevate neoplasie nel parenchima epatico, viene prescritta una biopsia epatica. Questo è un campionamento transdermico di tessuto epatico usando un ago per analisi istologiche. Secondo i risultati della biopsia, vengono rivelate la necrosi tissutale, la degenerazione grassa, la natura del processo tumorale nella ghiandola e il contenuto delle formazioni cistiche.

Prima viene fatta la diagnosi corretta, più efficace sarà il trattamento prescritto. La diagnosi precoce delle patologie epatiche offre la possibilità di un completo ripristino delle funzioni degli organi.

Come sbarazzarsi del dolore

Le patologie epatiche sono trattate in modo globale. Processi infiammatori acuti - in ospedale e quando la condizione migliora, viene presa in considerazione la possibilità di una terapia ambulatoriale. Il suo schema dipende completamente dalla malattia identificata..

Trattamento dell'epatite

Le forme acute e croniche di epatite sono trattate con medicine e dieta. È importante trovare il fattore scatenante dell'infiammazione. Se si tratta di un virus, vengono prescritti farmaci antivirali. L'epatite B e C vengono trattate a lungo con complessi di agenti antivirali. Tuttavia, la terapia non ha sempre successo. In tali casi, l'obiettivo è la remissione permanente. L'epatite autoimmune è trattata con farmaci ormonali. Per l'epatite alcolica, medicinale e tossica, sono indicati dieta ed epatoprotettori.

Trattamento dell'epatosi

Con la degenerazione grassa e del tessuto connettivo del fegato, la cosa principale è fermare il processo. Per questo, lo stile di vita viene adattato, vengono prescritti farmaci per regolare il metabolismo e ripristinare gli epatociti. Nei casi più gravi sono indicati interventi chirurgici e persino trapianti di fegato..

Tumori e cisti

In caso di tumori benigni, viene eseguita un'operazione per rimuoverli. Le cisti vengono eliminate dall'introduzione di farmaci speciali o viene eseguita anche un'operazione. Le patologie maligne vengono trattate in modo complesso - con l'aiuto di chemioterapia, radioterapia, chirurgia e trapianto di fegato.

Malattia biliare

Per le patologie della cistifellea, vengono prescritti preparati di acido biliare, antispasmodici o agenti coleretici. Piccole pietre e fiocchi di gallina vengono sciolti con i farmaci. I calcoli di grandi dimensioni vengono frantumati con apparecchiature a onde radio o rimossi laparoscopicamente. Nei casi più gravi, la cistifellea viene rimossa completamente. Dopo l'operazione, viene mostrata una dieta a lungo termine per organizzare il normale deflusso della bile dal fegato e ripristinare la piena digestione.

Qual è la dieta del fegato

Per le malattie del fegato, si raccomanda la tabella medica n. 5 di Pevzner. Questo regime dietetico mira a risparmiare il fegato per consentire all'organo di ripararsi. La dieta contribuisce anche al pieno effetto terapeutico dell'assunzione di epatoprotettori. Principi generali di nutrizione terapeutica:

  • una dieta energicamente completa (2800 kcal);
  • ridotta quantità di grasso (escludere carne grassa, strutto, limitare i grassi del latte);
  • il menu è dominato da grassi vegetali (tutti i tipi di oli vegetali);
  • le proteine ​​vengono consumate in una forma facilmente digeribile (purea di carne e pesce, piatti di carne macinata, latticini);
  • massimo risparmio termico (tutti i cibi e le bevande dovrebbero essere caldi);
  • la base della dieta sono i carboidrati complessi (cereali integrali);
  • limitare i carboidrati semplici (dolci);
  • escludere stimolanti della secrezione (cibi fibrosi, brodi, verdure piccanti e acide);
  • frutta e verdura vengono consumate cotte.

La dieta comporta l'adattamento del proprio stile di vita e dieta. Il paziente deve rinunciare completamente all'alcool, al fumo e ad altri prodotti chimici. Devi mangiare regolarmente e spesso (fino a 6 volte al giorno), in piccole porzioni. Dovresti bere una quantità sufficiente di acqua pulita, consumare regolarmente brodo di rosa canina.

Il fegato influenza lo stato di tutto l'organismo. Quando il suo lavoro viene interrotto, tutti gli organi soffrono di un eccesso di tossine e disturbi metabolici. La prevenzione delle malattie del fegato (e del dolore, rispettivamente) consiste nel mantenere uno stile di vita sano e regolari esami preventivi. L'ecografia annuale degli organi interni aiuta a identificare le patologie epatiche nelle fasi iniziali, a curarle completamente e a prevenire lo sviluppo del dolore.

Malattia del fegato: sintomi e primi segni

Il fegato è la più grande ghiandola del corpo. Svolge molte funzioni, grazie alle quali è supportata l'attività vitale di ogni cellula e sistema umano..

Tra le funzioni epatiche vale la pena concentrarsi su disintossicazione, sintetico, protettivo, immunitario. Inoltre, il ferro è attivamente coinvolto nel metabolismo lipidico, dei carboidrati, sintetizza e accumula aminoacidi.

I sintomi della malattia del fegato sono accompagnati non solo dal dolore nell'ipocondrio destro, ma da un deterioramento delle condizioni generali di una persona.

Cause di malattia del fegato

Il tessuto epatico ha un enorme potenziale in termini di capacità di recupero e resistenza ai fattori ambientali dannosi.

Le possibili cause di problemi al fegato includono:

  1. Agenti infettivi e parassitari. Tra questi, il posto principale è occupato da echinococco e alveococco, nematodi, agenti causali della leptospirosi. Diventano la causa del verificarsi di entrambi i cambiamenti patologici acuti e causano processi cronici sotto forma di trasformazione cistica del fegato;
  2. Dieta ed errori nutrizionali. A questo proposito, il più pericoloso è l'abuso sistematico di grassi, fritti, affumicati e prodotti contenenti una grande quantità di spezie. Ciò provoca una violazione del deflusso della bile, che porta al suo ristagno, alla colangite e alla formazione di calcoli nel sistema del dotto del fegato;
  3. Predisposizione ereditaria, malattie genetiche e malformazioni. Questo tipo di cause è alla base di varie atresie dei vasi e dei dotti epatici, ipoplasia epatica, malattie da accumulo e fermentopatie;
  4. Agenti virali. Questi includono virus dell'epatite di tipo A, B, C, D, E e altre specie rare. Portare alla comparsa di processi infiammatori acuti e cronici nel tessuto epatico, che sono chiamati epatiti, secondo il nome del virus. Il tipo più favorevole di epatite virale è considerata l'epatite A, pericolosa - B, acquisisce un decorso cronico e viene rilevata nella fase della cirrosi - epatite C;
  5. Effetti tossici. L'assunzione a lungo termine e sistematica di composti tossici dall'ambiente (vapori, composti chimici, metalli pesanti) o l'esposizione simultanea del fegato ad alte dosi di questi porta a danni a questo organo. In questo caso, può verificarsi sia un moderato aumento del fegato senza pronunciati disturbi funzionali, sia una massiccia necrosi degli epatociti con una transizione verso l'insufficienza epatocellulare progressiva;
  6. Influenze medicinali. Non tutti i farmaci hanno la stessa epatotossicità. I più aggressivi sono agenti chemioterapici, antibiotici, ormoni;
  7. Bevande alcoliche. L'abuso sistematico di prodotti contenenti etanolo provoca un effetto distruttivo diretto sulle cellule del fegato. Nel tempo, questo porta alla cirrosi epatica. La dose giornaliera sicura stabilita di etanolo al 40% per il fegato non supera 90-100 ml per gli uomini e 50-70 ml per le donne;
  8. Malattie acute degli organi addominali, accompagnate da processi suppurativi. Può portare alla diffusione della suppurazione nel sistema venoso portale, che causerà la sua trombosi;
  9. Lesioni all'addome e al fegato. Contano non solo nel prossimo futuro dopo il verificarsi. A volte, diversi anni dopo il trauma, si possono trovare cisti o altri accumuli di liquidi nel parenchima epatico;
  10. Radiazioni ionizzanti e altri agenti cancerogeni fisici e chimici. Questi fattori causali possono causare degenerazione cancerosa di alcune aree del tessuto epatico..

Il fegato ha una delle più alte capacità rigenerative di tutti i tessuti del corpo. Il grado di realizzazione dell'influenza dannosa dei fattori causali nello sviluppo delle malattie del fegato dipende in gran parte dallo stile di vita.

Principali malattie del fegato umano

Tutte le malattie del fegato possono essere suddivise in diversi tipi: virale (epatite B, C, D), natura batterica e parassitaria (tubercolosi, ascesso, alveococcosi, echinococcosi, ascariasi), epatosi (epatopatia alcolica e non alcolica), tumore (cisti, cancro, sarcoma, carcinoma), vascolare (trombosi, ipertensione), ereditario (ipoplasia, emocromatosi, epatosi pigmentaria), lesioni traumatiche e altri.

Presteremo particolare attenzione alle malattie più comuni e pericolose.

Epatite virale

Malattie infiammatorie del fegato, che hanno una diversa natura di insorgenza. L'epatite è divisa in gruppi: A, B, C, D, E, F, G, X.

  1. L'epatite A è malata nel 28% di tutti i malati di questa patologia, epatite B - 18%, epatite C - 25%, si verifica epatite mista. Tutti i gruppi sono caratterizzati da citolisi - distruzione delle cellule del fegato. L'epatite A, o malattia di Botkin, viene trasmessa principalmente attraverso cibo e acqua contaminati, per i quali viene anche chiamata "malattia delle mani non lavata". È caratterizzato da intossicazione, ingrossamento del fegato e della milza, disfunzione epatica e talvolta ittero. Questa malattia ha solo una forma acuta..
  2. L'epatite B da una forma acuta diventa cronica se il virus è nell'organismo per più di 6 mesi. L'epatite virale cronica B è una malattia pericolosa che può portare a gravi conseguenze e persino alla morte del paziente. Trasmesso attraverso sangue e altri fluidi corporei.
  3. L'epatite C è la forma più grave della malattia. Nella maggior parte dei casi, diventa cronico. Circa il 20% dei pazienti con epatite C cronica successivamente soffre di cirrosi e cancro al fegato. Non esiste un vaccino per questa malattia. Altri gruppi di epatite sono molto meno comuni.

Cirrosi epatica

Malattia infiammatoria cronica Lo stadio finale della fibrosi. Nel corso della cirrosi, le cellule del fegato muoiono e il tessuto connettivo prende il loro posto. A poco a poco, l'organo smette di funzionare normalmente, il che porta a varie gravi conseguenze..

La causa principale della malattia è l'epatite virale cronica e l'abuso di alcol, nonché le conseguenze di altre patologie della ghiandola. La cirrosi è spesso accompagnata da complicanze: sanguinamento dalle vene dilatate dell'esofago, trombosi, peritonite e altri. La malattia è irreversibile.

I farmaci e la dieta aiutano a mantenere una condizione stabile del paziente (tabella numero 5).

hepatosis

Una malattia basata su disturbi metabolici negli epatociti. La malattia inizia con l'accumulo di grasso nelle cellule del fegato. Ciò comporta un malfunzionamento nel loro normale funzionamento, un eccesso di accumulo di radicali liberi nel fegato e quindi un'infiammazione. Come risultato dello sviluppo della malattia, le cellule della ghiandola iniziano a morire (necrosi tissutale), il tessuto connettivo si forma attivamente al loro posto e il fegato smette di funzionare normalmente.

Esistono epatosi acuta, cronica, colestatica, grassa alcolica e non alcolica ed epatosi di donne in gravidanza. Quest'ultima soffre dello 0,2-1% delle gestanti. L'epatosi grassa si verifica nel 65% delle persone con aumento del peso corporeo e acuta e cronica - nel 35%. Con un trattamento tempestivo e competente, puoi liberarti della malattia, altrimenti può andare in una fase cronica e portare alla cirrosi.

I tumori del fegato possono essere benigni o maligni. Benigne includono cisti, emangiomi, iperplasia nodulare. La Russia è al quinto posto per numero di tumori epatici registrati. Il rischio di sviluppare il cancro di questa ghiandola aumenta con l'età. L'età media dei pazienti è di 55-60 anni. Distingue tra carcinoma epatico primario e secondario.

Primaria - quando la fonte del tumore è nel fegato stesso, secondaria - quando il tumore in questo organo è una conseguenza della diffusione di metastasi da altri organi. Il secondo tipo di cancro è molto più comune. Le cause del cancro primario possono essere l'epatite B e C, nonché la cirrosi. Nei pazienti con carcinoma epatico, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è di circa il 20%. Al fine di prevenire il cancro al fegato, si raccomanda di astenersi dal consumo eccessivo di alcol, steroidi anabolizzanti, droghe tossiche, per condurre uno stile di vita sano.

Per proteggerti dalle gravi conseguenze della malattia del fegato, dovresti essere consapevole dei sintomi della malattia. Ciò contribuirà a sottoporsi a procedure diagnostiche in tempo e, se necessario, ad iniziare il trattamento..

Dove si sente il dolore?

Per riconoscere i primi sintomi nel tempo, devi avere almeno un'idea approssimativa della posizione del fegato..

Come altri organi vitali, si trova nella cavità addominale, cioè nell'angolo in alto a destra, sotto il setto muscolare del diaframma. Di forma, è un triangolo ottuso con angoli arrotondati, costituito da due lobi. Con il primo lobo, si attacca alla parete addominale anteriore nella regione dell'ipocondrio destro, con il secondo lobo si assottiglia sull'arco costale sinistro. Sintomi dolorosi compaiono con malattia epatica a destra nell'addome superiore.

A volte i segni di un fegato malato, con sintomi inespressi, possono essere confusi con il dolore alla cistifellea o allo stomaco, poiché il disagio tende a irradiarsi (diffondersi) nelle aree vicine. Per determinare in modo inequivocabile la localizzazione della patologia, è necessario contattare un terapista o un epatologo che, prendendo l'anamnesi e la palpazione, determinerà con precisione quale organo fa male.

Sintomi e primi segni di malattia epatica

Sfortunatamente, il fegato potrebbe non dare alcun segnale per molto tempo. Se non ci sono sintomi di malattia del fegato, ciò non significa che l'organo stia bene. Le manifestazioni della malattia del fegato sono estremamente diverse. Molti sintomi si verificano in diverse malattie, quindi è meglio consultare il proprio medico. Lui, con un alto grado di probabilità, prescriverà un esame aggiuntivo o consiglierà quale specialista contattare.

Ittero. Quando le cellule del fegato vengono distrutte, una grande quantità di pigmento della bilirubina entra nel flusso sanguigno. Può apparire anche in caso di problemi con l'escrezione della bile, non associata al fegato.

  • Innanzitutto, il colore giallo diventa visibile sul bianco degli occhi, quindi sulla pelle.
  • Feci leggere e argillose.
  • Urina colorata (colore della birra scura).
  • Il prurito nelle malattie del fegato è associato all'effetto irritante della bilirubina sulla pelle.

Disturbi associati a vasi sanguigni e coagulazione del sangue.

  • Piccole vene ragno (teleangectasie) sulla parte superiore del corpo e delle braccia.
  • Arrossamento dei cuscinetti delle mani e dei piedi.
  • Unghie opache ("unghie bianche").
  • Sanguinamento aumentato.
  • Vene varicose visibili nell'area del plesso solare - "testa di medusa".

Malattia metabolica.

  • Xantomi e xantelasmi - piccoli accumuli di grasso - possono formarsi su palpebre, polsi, gomiti e altrove.
  • Un aumento del volume addominale può essere un segno di accumulo di liquidi nell'addome (ascite).
  • L'edema si distribuisce in tutto il corpo, con una diminuzione della quantità di albumina nel sangue.
  • Odore dolciastro sgradevole a causa della ridotta conversione dell'ammoniaca in urea.
  • Violazione dello scambio di ormoni sessuali - fallimento del ciclo mestruale nelle donne, diminuzione del desiderio e ingrossamento delle ghiandole mammarie negli uomini.

Encefalopatia - effetti sul cervello.

  • Sonnolenza, letargia, apatia, "pigrizia epatica".
  • Disturbi motori fini, cambiamenti nella scrittura, tremori alle mani.

Sintomi di epatite acuta, che spesso accompagna lesioni virali.

  • Nausea e vomito.
  • Dolore all'addome - più nell'ipocondrio destro, ma può essere somministrato su tutto l'addome. Non correlato all'assunzione di cibo.
  • Febbre, mal di testa, dolori articolari.

Diagnostica

Le persone non prestano sempre attenzione ai primi segni di malattia epatica, motivo per cui la patologia viene spesso diagnosticata in una fase avanzata. Ora parliamo di come definire una malattia.

Come fai a sapere delle malattie del fegato? Quando si contatta un medico, viene effettuato un sondaggio sui reclami, un esame fisico, durante il quale uno specialista esamina attentamente l'area dell'ipocondrio destro. Quando palpando (sondando) il fegato, vengono stabilite le sue dimensioni, densità, forma, superficie. Il medico presta anche attenzione al colore della pelle, alla presenza di eruzioni cutanee, al colore della lingua, al volume dell'addome e ad altri segni esterni di patologia. Sulla base dei risultati di un esame obiettivo e del quadro clinico, viene determinata una serie di metodi diagnostici che possono confermare la diagnosi.

Come viene diagnosticata la malattia del fegato? Le tecniche di laboratorio e strumentali sono utilizzate per esaminare il paziente. I test di laboratorio includono:

  1. chimica del sangue. È interessato al livello di bilirubina, fosfatasi alcalina, transaminasi, proteine ​​totali;
  2. coagulogramma (per valutare lo stato del sistema di coagulazione);
  3. esame del sangue clinico (necessario per determinare il livello di emoglobina, eritrociti, leucociti, eosinofili);
  4. Analisi delle urine;
  5. coprogram;
  6. test per epatite virale, HIV.

Come riconoscere i segni di malattia epatica negli uomini usando metodi strumentali?

  1. procedura ad ultrasuoni. È assolutamente sicuro, può essere eseguito un numero illimitato di volte. L'ecografia è prescritta per la rilevazione primaria di un focus patologico, la valutazione della dinamica del trattamento, nonché a fini preventivi;
  2. computer, imaging a risonanza magnetica, grazie al quale è possibile visualizzare la messa a fuoco nella fase iniziale, chiarirne le dimensioni, la coerenza, per valutare le condizioni dei tessuti e degli organi circostanti;
  3. intubazione duodenale - per valutare la funzione della cistifellea. La bile può anche essere presa per la semina. Sulla base dei suoi risultati, è possibile selezionare farmaci antibatterici efficaci per colecistite infettiva, colangite;
  4. puntura seguita da istologia;
  5. laparocentesi - per rimuovere il liquido ascitico dalla cavità addominale;
  6. doppler vascolare;
  7. Laparoscopia. La chirurgia spesso utilizza strumenti endoscopici a fini diagnostici. Il medico vede lo stato degli organi addominali sullo schermo, valuta la prevalenza del processo.

Possibili complicazioni

Come ogni malattia, le patologie epatiche sono spesso accompagnate da complicazioni potenzialmente letali. A volte i pazienti non conoscono le loro malattie fino a quando non si sviluppano gravi conseguenze, quindi è importante sapere quali sintomi accompagnano le complicazioni al fine di iniziare il trattamento in modo tempestivo..

Le principali complicanze e i loro sintomi:

  • Ascite - Il sintomo più importante è un aumento del volume dell'addome dovuto all'accumulo di liquidi. È accompagnato da bruciore di stomaco, nausea, formazione di gas, dolore addominale, pesantezza e sensazione di pienezza nell'addome. Con la progressione della malattia, lo stomaco diventa sempre di più, l'ombelico sporge, il respiro corto, appare il gonfiore e i movimenti sono disturbati. Porta a ernia ombelicale, emorroidi, varicocele, peritonite.
  • Ipertensione portale - i primi sintomi sono espressi da malfunzionamenti nel tratto gastrointestinale (disturbi delle feci, sensazione di pesantezza nell'addome, nausea, flatulenza, riduzione dell'appetito). Provoca vene varicose dell'esofago, dello stomaco, dell'intestino e degli arti inferiori, che spesso provocano sanguinamento interno, vomito sanguinante. Si sviluppa anemia persistente.
  • Insufficienza epatica acuta - caratterizzata da sbalzi d'umore improvvisi, irritabilità, sovraeccitazione, seguita da sonnolenza e apatia. Ci sono disturbi dispeptici, segni di intossicazione, ascite, disturbi neuropsichiatrici.
  • Insufficienza epatica cronica: i sintomi sono simili alla forma acuta, ma con sviluppo cronico del sintomo, disturbi endocrini, diminuzione della libido, ginecomastia, atrofia delle ghiandole mammarie, calvizie, sviluppo della lesione cutanea.
  • Encefalopatia - caratterizzata da instabilità mentale, riflessi alterati, perdita di spazio, compromissione cognitiva, convulsioni, atonia. Porta al coma epatico.

Le patologie epatiche sono pericolose perché si verificano spesso senza sintomi pronunciati. Pertanto, le persone che sono soggette a danni al fegato e che sono a rischio di sviluppare tali malattie devono visitare un medico una volta all'anno e sottoporsi a esami..

Cosa è necessario per trattare le malattie del fegato?

La dieta è uno dei principali metodi di terapia per la disfunzione epatica; nella fase iniziale dello sviluppo delle malattie, è sufficiente riconsiderare la dieta e lo stile di vita per sbarazzarsi di sensazioni spiacevoli. Il trattamento farmacologico aiuta a far fronte al disagio in forme gravi di patologie, prolunga lo stadio della remissione e riduce il rischio di complicanze.

Nutrizione

Con danni al fegato, una corretta alimentazione aiuta a normalizzare il processo di digestione e il deflusso della bile, aiuta a ridurre il carico sull'organo ed eliminare la disfunzione.

La base della dieta è costituita da proteine ​​e carboidrati, grassi in quantità minima. È consentito utilizzare piatti bolliti, in umido, al vapore, al forno. I cibi grassi, fritti, affumicati, piccanti, piccanti, le bevande alcoliche sono controindicati.

PuòÈ impossibile
  • zuppe a base di brodi vegetali con cereali;
  • prodotti a base di latte fermentato senza grassi;
  • pesce magro, frutti di mare, carni dietetiche;
  • farina d'avena, orzo perlato, porridge di grano saraceno;
  • pasta;
  • frittate al vapore di albumi;
  • verdure fresche, frutta, erbe;
  • oli vegetali;
  • pane secco.
  • pane fresco;
  • pasticcini, pasticcini;
  • dolci;
  • salsicce;
  • bevande gassate dolci;
  • caffè forte, tè;
  • maionese, altre salse grasse;
  • legumi, ravanelli, ravanelli, aglio, cavolo, acetosa, spinaci;
  • semole di orzo perlato, mais, miglio, orzo;
  • agrumi, bacche acide
  • succo di uva, arance, pomodori.

Bevi almeno 1,5 litri di acqua pura al giorno, 100-200 ml di acqua alcalina senza gas, 300-500 ml di brodo di rosa canina.

Farmaco

La terapia farmacologica si basa sull'uso di farmaci dei seguenti gruppi:

  1. Preparati a base di erbe. Le medicine a base di cardo mariano sono ampiamente utilizzate per ripristinare la funzionalità epatica. Farmaci come Gepabene, Karsil, Silymarin, Silymar contengono un estratto di questa pianta e vengono utilizzati nel trattamento di epatite, cirrosi, colecistite o danni epatici tossici. Questo gruppo comprende anche farmaci LIV-52 (a base di achillea e cicoria), Hofitol (a base di carciofo). Dal gruppo di integratori alimentari, il farmaco Ovesol è particolarmente popolare..
  2. Fosfolipidi essenziali. I rappresentanti di questo gruppo (Essentiale, Essentiale Forte, Essliver, Phosphogliv) aiutano a normalizzare i processi metabolici nelle cellule del fegato e ad accelerarne la rigenerazione e il recupero.
  3. Medicinali di origine animale. I rappresentanti di questo gruppo sono prodotti sulla base di idrolizzati di fegato di bovino, hanno proprietà protettive e forniscono disintossicazione e pulizia del fegato. Farmaci popolari - Hepatosan e Sirepar.
  4. Medicinali con aminoacidi. Questi sono medicinali come Heptral e Heptor. Mostra potenti effetti antiossidanti e anti tossici, protegge il fegato e accelera il suo recupero.

Oltre alla terapia conservativa, vengono utilizzati esercizi terapeutici, che consistono in una serie di esercizi appositamente progettati. In caso di patologie epatiche, hanno un effetto benefico sui processi metabolici, eliminano gli spasmi del tratto biliare, rafforzano i muscoli addominali e migliorano il funzionamento dei sistemi nervoso, digestivo e cardiovascolare. Questi esercizi sono eseguiti al meglio sotto la guida di un istruttore esperto..

Un buon effetto si ottiene dall'uso di metodi di medicina tradizionale basati sull'assunzione di decotti e tinture di erbe medicinali. Ma prima di iniziare il trattamento, assicurati di consultare il tuo medico, questo aiuterà ad evitare complicazioni indesiderate. Per il trattamento del fegato, vengono utilizzati farina di cardo mariano, decotti di dente di leone e radici di carciofo, vengono utilizzate piante con proprietà coleretiche e diuretiche (rosa canina, foglie di fragola, iperico, seta di mais, ecc.). La preparazione naturale Leviron duo si è dimostrata perfettamente.

Rimedi popolari

Nel trattamento delle malattie del fegato con rimedi popolari vengono utilizzati epatoprotettori.

  1. Cardo mariano. L'erba principale per il trattamento del fegato è il cardo mariano, che normalizza la funzionalità epatica, protegge dagli effetti delle tossine e ripristina le cellule del fegato. Meglio usare polvere di semi o farina, che rimane dopo aver premuto l'olio. I semi di cardo mariano hanno un effetto lassativo, quindi non sono adatti per le persone con indigestione. Le persone dopo i 40 anni devono sottoporsi a trattamento epatico al cardo mariano. Assumere una volta all'anno per 3-4 settimane 1 cucchiaino. una giornata con un bicchiere d'acqua. Dopo un ciclo di tale trattamento, scompaiono le occhiaie sotto gli occhi, che si verificano a causa di insufficiente funzionalità epatica. Il cardo mariano viene utilizzato nel trattamento di cirrosi, epatite, ittero, epatosi epatica grassa.
  2. Zucca. Prendi una zucca, taglia la parte superiore e anima con i semi. Versare il contenitore risultante a metà con il miele. Lasciare agire per qualche istante affinché appaia il succo. Bevi mezzo bicchiere di questo succo 3 volte al giorno. Tagliare la parte superiore, rimuovere i semi, riempire con miele, chiudere con il tappo superiore, ricoprire il taglio di pasta. Lasciare la zucca in un luogo buio per 10 giorni a temperatura ambiente. L'11 ° giorno, inizia il trattamento: prendi il succo risultante in 1 cucchiaio. l. 3 volte al giorno 40 minuti prima dei pasti. Il corso del trattamento è di 1 mese. Il succo di zucca aiuterà anche a ripristinare e purificare il fegato dalle tossine. Grattugiare la zucca e spremere il succo, prendere 100 g di succo fresco 3 volte al giorno 1 ora prima dei pasti. Il corso del trattamento per il fegato con la zucca - 3-4 mesi.
  3. Carote e Uvetta. 1 kg di uva passa snocciolata, più leggero e trita 1 kg di carote dai colori vivaci. Mettere in una casseruola, aggiungere 1,5 litri di acqua, segnare il livello dell'acqua all'esterno della casseruola. Aggiungi un altro 1 litro di acqua e fai bollire a fuoco basso fino a quando non viene lasciato il segno. Raffreddare e filtrare. Conservare in frigorifero, riscaldare a 37-40 gradi prima dell'uso. Bere durante la settimana come segue: 1 ° giorno. A stomaco vuoto, bevi 1 bicchiere di brodo, sdraiati su una piastra riscaldante calda per 2 ore. 2 ° - 7 ° giorno. Bere mezzo bicchiere di brodo al mattino a stomaco vuoto, non è più necessario sdraiarsi e riscaldarsi, dopo 30 minuti fare colazione.
  4. Immortelle. È usato nella medicina ufficiale e popolare come agente epatico con proprietà di formazione di bile e biliare. Questa erba è un rimedio efficace per il trattamento del fegato, delle vie biliari e del pancreas. Per preparare un rimedio per il trattamento del fegato, 1 cucchiaio. l. versare 1 bicchiere di acqua bollente sopra i fiori di immortelle, lasciare per 15 minuti e bere 50 ml 3 volte al giorno. Non è possibile utilizzare l'immortella per un mese consecutivo o aumentare le dosi: la pianta si accumula nel corpo e in dosi elevate è tossica. Dopo una settimana di riposo, il corso del trattamento con immortelle viene ripetuto. Spesso, quando trattati con un'immortella, i nematodi uscivano dall'intestino del paziente - l'immortella ha anche un effetto antielmintico. Questa erba aumenta la pressione sanguigna e quindi non è raccomandata per le persone con ipertensione..

Dove andare per il trattamento?

Se hai problemi al fegato, dovresti consultare un gastroenterologo. Tuttavia, molti pazienti non sanno che è il fegato ad essere interessato: consigliamo loro di visitare un terapista e sottoporsi a test di routine, incluso un esame del sangue biochimico. Se la malattia epatica è confermata, può essere trattata da un epatologo, nonché da uno specialista in malattie infettive (con epatite virale), un oncologo (con cancro al fegato o delle vie biliari). Dato il danno a vari organi e sistemi, potrebbe essere necessaria una consultazione aggiuntiva con un neurologo, un dermatologo, un ematologo, un endocrinologo.

Un nutrizionista ti aiuterà a trovare la giusta alimentazione per le malattie del fegato. La malattia epatica alcolica è un'indicazione per il trattamento di un narcologo. Infine, il chirurgo tratta gravi complicazioni, come sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago. Nella diagnosi di malattie del fegato, le qualifiche dei medici di specialità diagnostiche - endoscopista, medico diagnostico ad ultrasuoni.

Prevenzione

La prevenzione delle malattie del fegato consiste nel seguire le regole di uno stile di vita sano. Più forte è l'immunità del paziente, più il corpo resisterà a fattori sfavorevoli.

Le seguenti misure sono raccomandate per la prevenzione delle malattie del fegato:

  • acquistare solo prodotti freschi da produttori di fiducia;
  • non abusare di alcol;
  • disinfettare gli strumenti quando si visita un salone di bellezza o uno studio dentistico;
  • è vietato l'uso prolungato incontrollato di droghe;
  • evitare rapporti non protetti;
  • con una predisposizione alle malattie del fegato, è necessario assumere farmaci dal gruppo di epatoprotettori.

Il fegato è un organo importante nel corpo umano, svolge oltre 500 funzioni; quando la ghiandola viene distrutta, la sua funzionalità diminuisce, il che può causare disabilità e morte. Nel trattamento, gli epatoprotettori vengono utilizzati a base di ingredienti vegetali e animali, fosfolipidi, aminoacidi, che contribuiscono alla rigenerazione dell'organo. Il rispetto di semplici regole di prevenzione, una corretta alimentazione contribuiranno a evitare l'insorgenza di patologie epatiche.

Articoli Su Epatite