Ghiandole di stomaco

Principale Pancreatite

Il principale valore funzionale che svolgono le ghiandole dello stomaco è la produzione di succo gastrico. Ogni parte dello stomaco secerne le proprie ghiandole, che sono responsabili della trasformazione primaria del cibo in entrata, della sua digestione e della formazione di un nodulo di cibo. Gli enzimi prodotti dalle ghiandole scompongono i componenti complessi del bolo alimentare in semplici elementi costitutivi. Il segreto influenza la funzione dello stomaco, aiuta le cellule ad assorbire le sostanze. Pertanto, il corretto funzionamento delle strutture ghiandolari dell'organo è una garanzia di salute non solo per lo stomaco, l'intestino crasso, ma anche per l'intero tratto gastrointestinale..

Quali sono queste formazioni?

Le cellule dello stomaco formano 3 strati: il rivestimento mucoso, lo strato muscolare e la membrana sierosa. Le ghiandole si trovano sulla superficie interna delle pieghe. Sono distribuiti uniformemente nella mucosa in modo che gli enzimi e l'acido cloridrico siano ugualmente forniti a tutte le parti del grumo alimentare. Il segreto è secreto dalle formazioni ghiandolari a causa delle contrazioni della piastra muscolare della parete dello stomaco. Questo processo è stimolato dal nervo vago. Ogni struttura secretoria svolge la sua funzione intrinseca. Le cellule aggiuntive delle ghiandole dello stomaco formano il muco, le cellule del rivestimento - acido cloridrico.

Perché sono necessarie le ghiandole??

Le cellule ghiandolari dello stomaco secernono sostanze enzimatiche, ormonali, cloridrato e frazioni mucose. L'enzima pepsina dissolve le proteine ​​pesanti, dapprima a albumosi e peptoni più leggeri, quindi a piccoli aminoacidi. La renina aiuta la digestione del latte materno nei bambini. Negli adulti, alcuni degli enzimi digestivi presenti nei neonati sono disattivati. L'acido cloridrico forma la pepsina, convertendola da pepsinogeno inattivo e fornisce un ambiente acido o alcalino nel tratto gastrointestinale. Distrugge i microrganismi patogeni che entrano nello stomaco con il cibo. La lipasi scompone i grassi in acidi grassi e glicerina. Il muco contiene bicarbonati, che alcalinizzano l'ambiente gastrico quando è eccessivamente acidificato. Copre le pieghe gastriche con uno strato sottile. Il fattore antianemico stimola la produzione di vitamina B12 dal cibo nello stomaco, necessario per la formazione del sangue.

Le ghiandole dello stomaco secernono sostanze ormonali e biologicamente attive. Questi sono gastrina, motelina, somatostatina, istamina, serotonina. Forniscono la regolazione del sistema gastrointestinale.

Tipi e funzioni

La secrezione di acido cloridrico ed enzimi si riferisce ai processi che regolano la scomposizione di componenti alimentari complessi in molecole semplici. La maggior parte delle formazioni ghiandolari che producono queste sostanze si trovano nella lamina propria del rivestimento interno dello stomaco. Esistono tali tipi di ghiandole gastriche:

  • Proprio. Le ghiandole sono anche chiamate fundiche per la loro posizione. Sono quantitativamente predominanti e localizzate nel corpo e nel fondo dello stomaco. Sono rappresentati da semplici formazioni tubolari raggruppate in più pezzi nella fossa gastrica. Le ghiandole producono muco, pepsinogeno e chimosina.
  • Ghiandole cardiache dello stomaco. Si trovano nella sezione della parete gastrica con lo stesso nome e secernono muco.
  • Pilorica. Situato nella sezione gastrica con lo stesso nome, nelle immediate vicinanze dell'intestino tenue. Appartengono a conglomerati ghiandolari che formano il muco.
Torna al sommario

Ghiandole proprie

Questi sono componenti della mucosa gastrica. Includono diversi tipi di comunità cellulari:

  • Celle principali. Formano segreti alimentari: pepsinogen (un precursore della pepsina) e chimosina.
  • Cellule parietali. Sono anche chiamati rivestimento. Queste strutture cellulari producono ioni cloro e idrogeno. Quando questi 2 componenti si combinano, si forma l'idrocloruro. Le cellule parietali agiscono sotto l'influenza di istamina, gastrina e acetilcolina.
  • Ghiandole accessorie dello stomaco. Si chiamano mucociti cervicali. Tutti producono muco. Le cellule accessorie tra tutti i sottotipi di ghiandole gastriche sono quantitativamente predominanti.
  • Endocrinocytes. Queste cellule producono sostanze biologicamente attive che influenzano la digestione e i bioritmi umani, l'umore e il sistema circolatorio..
Torna al sommario

Strutture cardiache

Le cellule delle strutture cardiache funzionano all'ingresso dell'esofago nell'organo digestivo.

Le loro cellule funzionano al confine della transizione dell'esofago nello stomaco. Producono bicarbonati di potassio e sodio e cloruri. Le ghiandole cardiache hanno una struttura tubolare e sezioni terminali ramificate. Le sostanze prodotte dalle cellule di questi conglomerati ghiandolari producono muco per proteggere il rivestimento interno del sistema gastrointestinale..

Centri pilorici

Queste sono le ghiandole dello stomaco, situate nel luogo della sua transizione nel duodeno. Hanno una struttura tubolare e estremità fortemente ramificate. Le cellule di questi conglomerati ghiandolari formano una secrezione alcalina che protegge le pareti dalle ulcerazioni. Le ghiandole producono anche piccole quantità di sostanze biologicamente attive e ormonali..

Ciò che determina il loro lavoro?

Le ghiandole gastriche secernono secrezioni sotto l'influenza del sistema nervoso viscerale. La quantità e la qualità degli enzimi secreti sono influenzati dalla natura del cibo, dalla regolarità della sua assunzione, dalla presenza di patologie infiammatorie nel sistema gastrointestinale. Il lavoro delle ghiandole è influenzato dall'assunzione di alcuni farmaci, dallo sfondo ormonale di una persona, dal suo stato emotivo. Il corretto regime giornaliero, la regolarità e una buona alimentazione, il controllo dello stress e una moderata attività fisica contribuiscono all'armonizzazione delle funzioni delle formazioni ghiandolari del tratto gastrointestinale.

Secrezione e suoi tipi

La tabella mostra i dati sulla funzione di formazione degli acidi:

acidificazioneValorePH di decodifica
Norma1,6-2Valore normale
ipercloridriaSopra 2Acidificazione eccessiva
ipocloridriaSotto 1.6Produzione di acido insufficiente
achlorhydria0Mancanza di formazione di acido

Le ghiandole interne del tratto gastrointestinale sono strettamente correlate al funzionamento del sistema nervoso viscerale. Con una violazione dell'innervazione, si verifica un aumento o una diminuzione della secrezione. Se il processo patologico tocca la funzione di formazione dell'acido, si verificano ipercloridria o ipocloridria. All'inizio, un'alta concentrazione di acido cloridrico porta alla formazione di difetti ulcerativi nella mucosa. Con una diminuzione della funzione di formazione degli acidi, i nutrienti sono scarsamente digeriti. Se il processo patologico influisce sulla produzione di enzimi, si verifica una diminuzione della produzione di una o l'altra frazione enzimatica. Se la concentrazione di pepsina diminuisce, le proteine ​​sono scarsamente digerite. La carenza di lipasi interrompe la disgregazione del grasso. La sovrapproduzione di enzimi è rara.

Ghiandole di stomaco

La parte più ampia è il dotto escretore. È necessario rimuovere le sostanze formate nella cavità dello stomaco. Se guardi lo stomaco dall'interno, puoi vedere che la sua superficie non è liscia, ma ha molte piccole elevazioni con pozzi situati su di esse. Queste fosse sono le bocche o i dotti escretori delle ghiandole..

Lo stomaco è composto da 4 sezioni: cardiaca (entrata), fondo, corpo e pilorica (giunzione con l'intestino tenue). A seconda della posizione, le ghiandole gastriche sono divise in cardiache, piloriche e proprie.

Ghiandole dello stomaco

Questo è il tipo predominante di ghiandola gastrica. In totale, il loro numero è di 35 milioni. Ogni ghiandola è lunga circa 0,65 mm ed è composta da 3 tipi di cellule: maggiore, parietale e mucosa. Le cellule principali sono organizzate in gruppi e producono enzimi digestivi: la chimosina, che scompone le proteine ​​del latte, e la pepsina, che scompone tutte le altre proteine. Le cellule mucose hanno dimensioni relativamente piccole. Come suggerisce il nome, producono muco. Le cellule parietali sono grandi e singole. Formano acido cloridrico.

Ghiandole piloriche dello stomaco

Le ghiandole piloriche si trovano vicino alla giunzione dello stomaco nell'intestino tenue. Il loro numero è di 3,5 milioni. Queste sono ghiandole ramificate che hanno diverse sezioni terminali con ampi lumi. Sono composti da cellule endocrine e mucose. Le cellule endocrine non sono coinvolte nella formazione del succo gastrico. Producono sostanze necessarie per il funzionamento dello stomaco e di altri organi. Il muco si forma nelle cellule mucose, che diluisce il succo gastrico, neutralizzando parzialmente l'acido cloridrico.

Ghiandole cardiache dello stomaco

Queste ghiandole, che vanno da 1 a 2 milioni, si trovano all'ingresso dello stomaco. Loro, come il piloro, sono fortemente ramificati e sono costituiti da cellule endocrine e mucose. Ghiandole simili si trovano nella parte inferiore dell'esofago e penetrano anche leggermente nello stomaco. Il compito di entrambi è di ammorbidire il cibo il più possibile, preparandolo per la digestione.

Ghiandole endocrine

I tre tipi di ghiandole che sono stati descritti sopra sono esocrini, cioè hanno dotti escretori attraverso i quali la secrezione risultante viene scaricata all'esterno. Ma nello stomaco ci sono anche ghiandole endocrine, che secernono le sostanze formate in esse direttamente nel sangue o nella linfa. Le cellule endocrine fanno parte delle ghiandole esocrine dello stomaco. Ma poiché le loro funzioni e scopi sono radicalmente diversi, sono stati individuati in un gruppo separato chiamato ghiandole endocrine dello stomaco. Esistono diversi tipi di tali cellule ghiandolari che producono varie sostanze. Questi includono:

  • gastrina, che stimola l'attività dello stomaco;
  • somatostatina, che la inibisce;
  • istamina, che stimola la produzione di acido cloridrico e colpisce i vasi sanguigni;
  • melatonina, che è responsabile della frequenza quotidiana del tratto digestivo;
  • enkephalin, che ha effetti analgesici;
  • peptide vasointestinale, che ha due azioni: stimola l'attività del pancreas e dilata i vasi sanguigni;
  • bombesina, attivando la secrezione di acido cloridrico e la funzione della cistifellea.

Fasi della secrezione gastrica

Schematicamente, il lavoro delle ghiandole dello stomaco appare così. L'odore e l'aspetto del cibo, nonché l'irritazione delle papille gustative presenti nella bocca, innescano la secrezione gastrica. Le ghiandole cardiache iniziano a produrre muco per ammorbidire il grumo di cibo e proteggere le pareti dello stomaco dall'auto-digestione e il loro - acido cloridrico ed enzimi digestivi. L'acido cloridrico "dissolve" il cibo e lo decontamina e gli enzimi promuovono il trattamento chimico. Il muco, gli enzimi e l'acido cloridrico sono succo gastrico. La produzione più intensa di succo gastrico si verifica all'inizio di un pasto (motivo per cui la gomma da masticare non è raccomandata). E il suo volume massimo si forma nella seconda ora del processo di digestione. Dopo che il cibo si è spostato nell'intestino tenue, il succo gastrico diventa sempre meno.

Quali fattori influenzano il lavoro delle ghiandole dello stomaco

L'agente causale più efficace della secrezione gastrica è il cibo a base di carne. Il suo uso quotidiano porta ad un aumento dell'acidità e dell'attività digestiva del succo gastrico. Il patogeno più debole sono i carboidrati. Mangiare solo cibi a base di carboidrati provoca una diminuzione dell'acidità. I cibi grassi sono intermedi.

Lo stress aumenta l'attività delle ghiandole dello stomaco. In medicina, esiste persino un termine come "ulcera da stress". Pertanto, in un ambiente teso, è necessario mangiare di più per non avere un'ulcera allo stomaco..

Malinconia, paura e depressione riducono le secrezioni gastriche. Pertanto, non dovresti soffocare la malinconia con il cibo, in modo da non danneggiare la tua salute. Ma se questa condizione non dura per diverse ore, ma per diversi giorni, allora lo stomaco deve essere "rallegrato" con la carne. Dando la preferenza ai dolci durante un periodo depressivo, puoi ingrassare.

Ghiandole dello stomaco, i loro tipi e funzioni

Lo stomaco è l'organo umano più importante. È necessario preparare il cibo in arrivo per un ulteriore assorbimento nell'intestino. Questo lavoro è impossibile senza un gran numero di enzimi digestivi che producono le ghiandole dello stomaco..

Il guscio interno dell'organo appare ruvido esternamente, perché sulla sua superficie ci sono un numero enorme di ghiandole progettate per produrre vari composti chimici che compongono il succo digestivo. Esternamente, assomigliano a cilindri lunghi e stretti con un'estensione all'estremità. Al loro interno si trovano le cellule secretorie e attraverso il dotto escretore dilatato, le sostanze che producono, necessarie per il processo di digestione, vengono trasportate nella cavità dello stomaco..

Caratteristiche della digestione nello stomaco

Lo stomaco è un organo della cavità, una parte espansa del canale alimentare, in cui i prodotti alimentari entrano periodicamente a intervalli di tempo disuguali, ogni volta di diversa composizione, consistenza e volume.

Il processo di elaborazione del cibo in arrivo inizia con la cavità orale, qui viene schiacciato meccanicamente, quindi si sposta ulteriormente lungo l'esofago, entra nello stomaco, dove viene ulteriormente preparato per l'assorbimento da parte del corpo sotto l'azione dell'acido e degli enzimi del succo gastrico. La massa alimentare acquisisce uno stato liquido o simile a una pappa e, mescolata con i componenti del succo gastrico, entra agevolmente nel piccolo e poi nell'intestino crasso per completare il processo di digestione.

Brevemente sulla struttura dello stomaco

La dimensione media dello stomaco di un adulto:

  • lunghezza 16-18 cm;
  • larghezza 12-15 cm;
  • spessore della parete di circa 3 cm;
  • capacità circa 3 litri.

La struttura dell'organo è convenzionalmente suddivisa in 4 sezioni:

  1. Cardiaco - situato nelle sezioni superiori, più vicino all'esofago.
  2. Il corpo è la parte principale dell'organo, la più voluminosa.
  3. In basso - parte inferiore.
  4. Pilorico: situato all'uscita, più vicino al duodeno 12.

La mucosa su tutta la superficie è coperta di ghiandole, sintetizzano componenti importanti per la digestione e l'assimilazione del cibo consumato:

  • acido cloridrico;
  • pepsina;
  • melma;
  • gastrina e altri enzimi.

La maggior parte di essi entra nel lume dell'organo attraverso i dotti escretori e sono componenti del succo digestivo, altri vengono assorbiti nel sangue e partecipano ai processi metabolici generali del corpo.

Tipi di ghiandole gastriche

Le ghiandole dello stomaco differiscono per la loro posizione, la natura della secrezione prodotta e il metodo della sua secrezione..

esocrina

Il segreto digestivo viene secreto direttamente nel lume della cavità organica. Chiamato in base alla loro posizione:

Proprio

Questo tipo di ghiandole è molto numeroso: fino a 35 milioni, sono anche chiamati corpi di fondo. Si trovano principalmente nel corpo e nel fondo dello stomaco e producono tutti i componenti del succo gastrico, compresa la pepsina, il principale enzima nel processo digestivo..

Le ghiandole appropriate dello stomaco sono divise in 3 tipi:

  • i principali sono di grandi dimensioni, uniti in grandi gruppi; necessario per la sintesi di enzimi digestivi;
  • le mucose sono di piccole dimensioni, producono muco protettivo;
  • cellule parietali dello stomaco - grandi, singole, producono acido cloridrico.

Le cellule parietali (parietali) occupano la parte esterna dei corpi principali o fundici situati nella parte inferiore e nel corpo dell'organo. Esternamente sembrano piramidi con basi. La loro funzione è quella di produrre acido cloridrico e il fattore intrinseco di Castle. Il numero totale di cellule parietali nel corpo di una persona è vicino a un miliardo. La sintesi dell'acido cloridrico è un processo biochimico molto complesso, senza il quale la digestione del cibo è impossibile..

Le cellule parietali sintetizzano anche il componente più importante: la glicoproteina, che promuove l'assorbimento della vitamina B12 nell'ileo, senza la quale gli eritroblasti non possono raggiungere le forme mature, ne soffre il normale processo di ematopoiesi.

pilorica

Si concentrano più vicino alla transizione dello stomaco nel duodeno, hanno un numero più piccolo - fino a 3,5 milioni, hanno un aspetto ramificato con diverse uscite terminali larghe.

Le ghiandole piloriche dello stomaco sono divise in 2 tipi:

  • Endogeno. Questo tipo di ghiandola non è coinvolto nella produzione di succhi digestivi. Producono sostanze che vengono immediatamente assorbite nel sangue per partecipare alle reazioni di numerosi processi metabolici nello stomaco stesso e in altri organi..
  • Le ghiandole mucose sono chiamate mucociti. Sono responsabili della produzione di muco, per proteggere la mucosa dagli effetti distruttivi dei succhi digestivi, ricchi di componenti aggressivi - acido cloridrico e pepsina, e per ammorbidire la massa alimentare, al fine di facilitare il suo scivolamento nell'intestino.

Cardiaco

Situato nella parte iniziale dello stomaco, vicino all'incrocio con l'esofago. Il loro numero è relativamente piccolo - circa 1,5 milioni. In apparenza e secrezioni secrete, le ghiandole sono simili al piloro. Ce ne sono solo 2 tipi:

  • Endogeno.
  • Le membrane mucose, il cui compito principale è ammorbidire il più possibile i grumi di cibo e prepararlo per il processo di digestione.

Nel processo di digestione, le ghiandole cardiache, come le ghiandole piloriche, non sono coinvolte.

Lo schema di lavoro delle ghiandole

Schematicamente, l'inizio delle ghiandole può essere rappresentato come segue.

  1. L'odore, l'aspetto e l'irritazione dei recettori alimentari in bocca danno un segnale per iniziare la produzione di secrezioni gastriche e preparare l'organo alla trasformazione degli alimenti.
  2. Nel reparto cardiaco inizia la produzione di muco, che protegge la mucosa dall'auto-digestione e ammorbidisce la massa alimentare, rendendola più accessibile per ulteriori fasi di lavorazione.
  3. I propri corpi (di base) iniziano a produrre enzimi digestivi e acido cloridrico. L'acido, a sua volta, converte i prodotti in uno stato semi-liquido e li disinfetta e gli enzimi iniziano la scomposizione chimica di proteine, grassi e carboidrati a livello molecolare, preparandoli per un ulteriore assorbimento nell'intestino.

La produzione più attiva di tutti i componenti del succo digestivo (acido cloridrico, enzimi e muco) si verifica nella fase iniziale dell'assunzione di cibo, raggiunge un massimo entro la seconda ora del processo digestivo e dura fino a quando la massa alimentare passa nell'intestino. Dopo aver svuotato lo stomaco dalla massa alimentare, i succhi digestivi in ​​esso cessano di essere prodotti.

Ghiandole endocrine

Le ghiandole dello stomaco sopra descritte sono esocrine, cioè il segreto che producono entrano nella cavità dello stomaco. Ma tra quelli digestivi c'è anche un gruppo di ghiandole endocrine, che non prendono parte al processo di digestione del cibo, e le sostanze da essi prodotte, bypassando il tratto gastrointestinale, direttamente nel sangue o nella linfa e sono necessarie per stimolare o inibire le funzioni di vari organi e sistemi.

Le ghiandole endocrine producono:

  • Gastrina: necessaria per stimolare lo stomaco.
  • Somatostatina: la inibisce.
  • Melatonina: controlla il ciclo giornaliero del tratto digestivo.
  • Istamina: avvia l'accumulo di acido cloridrico e regola la funzione del sistema vascolare del tratto digestivo.
  • Enkephalin - ha un effetto analgesico.
  • Peptide vaginale interstiziale - ha un doppio effetto: dilata i vasi sanguigni e attiva anche l'attività del pancreas.
  • Bombesina: stimola la produzione di acido cloridrico, controlla la funzione della cistifellea.

Il lavoro corretto e preciso delle ghiandole gastriche è molto importante per l'attività vitale di tutto il corpo umano. Per il loro lavoro ben coordinato, hai bisogno di un po ': basta seguire le regole di una dieta sana.

Stomaco

Definizione del concetto

Struttura

Funzioni e meccanismi di attività: digestione nello stomaco

Nello stomaco, il cibo subisce due tipi di lavorazione: meccanica e chimica.

Lavorazione meccanica di alimenti

L'elaborazione meccanica consiste nella contrazione e nel rilassamento (cioè nella motilità) dei muscoli gastrici, a seguito dei quali il cibo viene impastato, miscelato e spostato nell'intestino.

Esistono tre tipi di contrazioni muscolari dello stomaco:

1) tonico - contrazioni muscolari persistenti a lungo termine che forniscono tono allo stomaco quando lo riempiono di cibo;

2) peristaltica - contrazioni muscolari ondulate che si diffondono dall'esofago all'intestino (ci sono "intercettazioni" dello stomaco);

3) antiperistaltico - peristalsi nella direzione opposta, provoca un riflesso protettivo - vomito.

La motilità dello stomaco contribuisce a mescolare il cibo e persino a bagnarlo con il succo gastrico.

Trasformazione chimica degli alimenti

Il trattamento chimico del cibo è fornito dall'azione del succo gastrico.

Il succo gastrico è il segreto delle ghiandole situate nell'epitelio secretorio della mucosa gastrica.

L'epitelio secretorio dello stomaco è rappresentato da tre tipi di cellule ghiandolari:

1) i principali - producono enzimi;

2) rivestimento - produce acido cloridrico (HCl);

3) aggiuntivo: produce muco.

A seconda della posizione delle ghiandole, sono divise in:

1) cardiaco (contiene principalmente cellule aggiuntive);

2) in basso (contiene tutti e tre i tipi di celle);

3) pilorico (contiene celle principali e accessorie).

Fasi di secrezione gastrica

1. La fase cerebrale inizia prima che il cibo entri nello stomaco, al momento dell'assunzione del cibo. La vista, l'olfatto, il gusto del cibo aumentano la secrezione di succo gastrico. Gli impulsi nervosi che innescano la fase cerebrale provengono dalla corteccia cerebrale e dai centri della fame nell'ipotalamo e nell'amigdala. Sono trasmessi attraverso i nuclei motori del nervo vago e quindi attraverso le sue fibre allo stomaco. La secrezione di succo gastrico in questa fase è fino al 20% della secrezione associata all'assunzione di cibo.
2. La fase gastrica inizia con l'ingresso di cibo nello stomaco. Il cibo ricevuto provoca riflessi vago-vagali, riflessi locali del sistema nervoso enterico, secrezione gastrica. La gastrina stimola la secrezione di succo gastrico per diverse ore mentre il cibo è nello stomaco. La quantità di succo rilasciato nella fase gastrica è del 70% della secrezione totale di succo gastrico (1500 ml).
3. La fase intestinale è associata all'ingresso del cibo nel duodeno, che provoca un leggero aumento della secrezione di succo gastrico (10%) a causa del rilascio dell'ormoneoxintina ormonale dalla mucosa intestinale sotto l'influenza dello stiramento e dell'azione degli stimoli chimici.

Composizione e proprietà del succo gastrico

Il succo gastrico è un liquido trasparente incolore di reazione acida (pH 0,8-1), contenente enzimi.

Composizione del succo gastrico: acqua (98%), sostanza secca (2%): sostanza organica (enzimi, lattico, acido fosforico, ATP) e sostanze inorganiche (acido cloridrico, sali di cloruro, potassio, sodio, calcio, solfati, carbonati, ecc..).

Enzimi di succo gastrico:

1) proteolitico: scompongono le proteine;

2) lipolitico - abbattere i grassi;

3) amilolitico: scompongono i carboidrati, ma non sono prodotti nello stomaco, ma entrano insieme alla saliva.

Enzimi proteolitici:

La pepsina è attiva solo in un ambiente acido. Viene rilasciato dalle ghiandole in una forma inattiva (pepsinogeno) e, sotto l'azione dell'acido cloridrico, si trasforma in una forma attiva (pepsina). La pepsina scompone le proteine ​​in peptoni, a volte in dipeptidi e in aminoacidi liberi. La pepsina non agisce su tutti i tipi di proteine, ma solo sulle proteine ​​digeribili di carne e sangue (fibrina). L'albume e il collagene sono meno digeribili. Le proteine ​​dei capelli e della lana (cheratine) non vengono affatto digerite. La pepsina fornisce disaggregazione proteica, che precede e facilita la loro idrolisi. L'attività proteolitica della pepsina è osservata a pH Accedi o registrati per inviare commenti

Le cellule ghiandolari producono acido cloridrico nello stomaco

L'epitelio delle ghiandole gastriche è un tessuto altamente specializzato, costituito da diversi diferoni cellulari, il cambio per il quale sono cellule epiteliali scarsamente differenziate nei colli ghiandolari. Queste cellule sono intensamente etichettate con l'introduzione dell'H-timidina, spesso si dividono per mitosi, costituendo un cambio sia per l'epitelio superficiale della mucosa gastrica che per l'epitelio delle ghiandole gastriche. Di conseguenza, la differenziazione e lo spostamento delle cellule emergenti vanno in due direzioni: verso l'epitelio superficiale e nelle profondità delle ghiandole. Il rinnovamento cellulare nell'epitelio dello stomaco avviene in 1-3 giorni.
Le cellule epiteliali altamente specializzate delle ghiandole gastriche si rinnovano molto più lentamente.

I principali esocrinociti producono il proenzima pepsinogeno, che in un mezzo acido si trasforma nella pepsina in forma attiva - il componente principale del succo gastrico. Gli esocrinociti sono reticolo endoplasmatico granulare prismatico ben sviluppato, citoplasma basofilo con granuli di zimogeni secretori.

Gli esocrinociti parietali sono cellule grandi, arrotondate o irregolarmente angolari situate nella parete della ghiandola verso l'esterno dai principali esocrinociti e mucociti. Il citoplasma cellulare è fortemente ossifilico. Contiene numerosi mitocondri. Il nucleo si trova nella parte centrale della cellula. Nel citoplasma c'è un sistema di tubuli secretori intracellulari, che passano nei tubuli intercellulari. Numerosi microvilli sporgono nel lume dei tubuli intracellulari. Gli ioni H e Cl vengono rimossi dalla cellula lungo i tubuli secretori fino alla sua superficie apicale, formando acido cloridrico.
Le cellule parietali secernono anche il fattore intrinseco di Castle, necessario per l'assorbimento della vitamina Bi2 nell'intestino tenue..

I mucociti sono cellule mucose prismatiche con citoplasma leggero e un nucleo compatto spostato nella parte basale. La microscopia elettronica rivela un gran numero di granuli secretori nella parte apicale delle cellule mucose. I mucociti si trovano nella parte principale delle ghiandole, principalmente nel corpo delle proprie ghiandole. Funzione cellulare - produzione di muco.
Gli endocrinociti gastrici sono rappresentati da diversi differenziali cellulari, per i quali sono adottati abbreviazioni di lettere (EC, ECL, G, P, D, A, ecc.). Tutte queste cellule sono caratterizzate da un citoplasma più leggero rispetto ad altre cellule epiteliali. Una caratteristica distintiva delle cellule endocrine è la presenza di granuli secretori nel citoplasma. Poiché i granuli sono in grado di ridurre il nitrato d'argento, queste cellule sono chiamate argyrophilic. Sono anche intensamente colorati con bicromato di potassio, che è la ragione per un altro nome di endocrinociti - enterochromaffin.

Sulla base della struttura dei granuli secretori, oltre a tener conto delle loro proprietà biochimiche e funzionali, gli endocrinociti sono classificati in diversi tipi.

Le cellule EC sono le più numerose, situate nel corpo e nel fondo della ghiandola, tra i principali esocrinociti e secernono serotonina e melatonina. La serotonina stimola l'attività secretoria dei principali esocrinociti e mucociti. La melatonina è coinvolta nella regolazione dei ritmi biologici dell'attività funzionale delle cellule secretorie a seconda dei cicli di luce.
Le cellule ECL producono istamina, che agisce sugli esocrinociti parietali per regolare la produzione di acido cloridrico.

Le cellule G sono chiamate cellule che producono gastrina. Si trovano in grandi quantità nelle ghiandole piloriche dello stomaco. La gastrina stimola l'attività degli esocrinociti principali e parietali, che è accompagnata da una maggiore produzione di pepsinogeno e acido cloridrico. Nelle persone con elevata acidità del succo gastrico, c'è un aumento del numero di cellule G e della loro iperfunzione. Vi sono prove che le cellule G producono enkephalin, una sostanza simile alla morfina trovata per la prima volta nel cervello e coinvolta nella regolazione del dolore.

Le cellule P secernono bombesina, che migliora le contrazioni del tessuto muscolare liscio della cistifellea, stimola la secrezione di acido cloridrico da parte degli esocrinociti parietali.
Le cellule D producono somatostatina, un inibitore dell'ormone della crescita. Inibisce la sintesi proteica.

Le cellule VIP producono un peptide vasointestinale che dilata i vasi sanguigni e abbassa la pressione sanguigna. Questo peptide stimola anche la secrezione di ormoni da parte delle cellule degli isolotti del pancreas.
Le cellule A sintetizzano l'enteroglucagone, che scompone il glicogeno in glucosio simile all'isolotto pancreatico Il glucagone cellulare.

Nella maggior parte degli endocrinociti, i granuli secretori si trovano nella parte basale. Il contenuto dei granuli viene rilasciato nella lamina propria della mucosa e quindi entra nei capillari sanguigni.
Lo strato muscolare della mucosa è formato da tre strati di miociti lisci.

La sottomucosa della parete dello stomaco è rappresentata da tessuto connettivo fibroso sciolto con plessi vascolari e nervosi.
La membrana muscolare dello stomaco è costituita da tre strati di tessuto muscolare liscio: longitudinale esterno, circolare centrale e interno con una direzione obliqua dei fasci muscolari. Lo strato intermedio nella zona pilorica è ispessito e forma lo sfintere pilorico. La membrana sierosa dello stomaco è formata da un mesotelio superficiale e la sua base è un tessuto connettivo fibroso allentato.

Nella parete dello stomaco sono presenti plessi nervosi sottomucosi, intermuscolari e subsosi. Nei gangli del plesso intermuscolare predominano i neuroni autonomi di tipo 1, nella regione pilorica dello stomaco vi sono più neuroni di tipo II. Al plesso sono conduttori dal nervo vago e dal tronco simpatico di confine. L'eccitazione del nervo vago stimola la secrezione del succo gastrico, mentre l'eccitazione dei nervi simpatici, al contrario, inibisce la secrezione gastrica..

Dettatura orale su anatomia e fisiologia.

Argomento: "Apparato digerente"

Opzione I..

1. La membrana che riveste l'interno della cavità addominale -... (peritoneo)

2. I processi del peritoneo, su cui sono sospesi i cappi intestinali -... (mesentery)

3. La foglia del peritoneo che riveste le pareti della cavità addominale -... (parietale)

4. Quante tasche si forma il peritoneo negli uomini -... (1 - vescico-rettale)

5. La posizione dell'organo, se coperta da tutti i lati dal peritoneo -... (intraperitoneale)

6. L'area dell'addome, che contiene: fegato, cistifellea, angolo epatico dell'intestino crasso -... (ipocondrio destro)

7. L'area dell'addome, che contiene: milza, angolo splenico dell'intestino crasso, in parte pancreas -... (ipocondrio sinistro)

8. L'area dell'addome, in cui si trova il colon discendente, in parte i cappi dell'intestino tenue -... (mesagastrico sinistro)

9. L'area dell'addome, in cui si trova il colon sigmoideo -... (ileo sinistro)

10. Infiammazione dello stomaco -... (gastrite)

11. Infiammazione del fegato -... (epatite)

12. Infiammazione del pancreas -... (pancreatite)

13. Infiammazione dell'intestino tenue -... (enterite)

14. Infiammazione del colon -... (colite)

15. Enzimi salivari che scindono i carboidrati -... (amilasi, maltasi)

16. Enzimi dello stomaco che scindono le proteine ​​-... (pepsina, gastrixina)

17. Un enzima che scompone i grassi -... (lipasi)

18. Sostanza che attiva il pepsinogeno del succo gastrico -... (HCl)

19. Pigmento che vende il colore della bile epatica -... (bilirubina)

Dettatura orale su anatomia e fisiologia.

Argomento: "Apparato digerente"

Opzione II.

1. Infiammazione del peritoneo -... (peritonite)

2. L'area dell'addome, che contiene: stomaco, pancreas -... (epigastrico)

3. Quante tasche forma il peritoneo nelle donne -... (2: vesicouterina e utero-rettale - spazio di Douglas)

4. La posizione dell'organo, se coperta da un lato dal peritoneo -... (extraperitoneale)

5. Il foglio del peritoneo che riveste gli organi interni -... (viscerale)

6. L'area dell'addome, che contiene: il colon ascendente, in parte l'intestino tenue -... (mesogastrico destro)

7. L'area dell'addome, che contiene il cieco con un'appendice vermiforme -... (ileo destro)

8. L'area dell'addome in cui si trovano i cappi dell'intestino tenue -... (ombelicale)

9. Infiammazione del duodeno -... (duodenite)

10. Infiammazione dell'appendice -... (appendicite)

11. Mancanza di microflora nell'intestino crasso -... (disbiosi)

12. Il nome latino del retto è... (retto)

13. Enzimi di succo pancreatico, proteine ​​attivanti -... (tripsina, chimotripsina)

14. Enzima del succo intestinale, attivazione del tripsinogeno del succo pancreatico -... (enterokinase)

15. Quale succo contiene l'enzima peptidasi -... (succo dell'intestino tenue)

16. Quale dei succhi digestivi contiene enzimi che scindono sia le proteine ​​che i grassi, i carboidrati e il DNA e l'RNA -... (succo pancreatico)

Enzimi digestivi, ormoni gastrointestinali e loro ruolo

Divisioni (organi) dell'apparato digerente e loro segretiIl nome di enzimi, ormoni gastrointestinali, altri componenti e le loro funzioni (come vengono attivati, cosa e come agiscono, i prodotti finali della scissione)
1 cavità orale Saliva - 0,5-2 l / giorno pH-7,21. Amylase ® amido ® maltosio (ptyalin) (polisaccaride) (disaccaride) 2. Maltase ® maltose ® glucosio (disaccaride) - 2 molecole (monosaccaride) Z Lysozyme ® azione battericida sui microbi, previene la carie dentale 4. Mucin ® avvolge il grasso alimentare e lo rende scivoloso (sostanza mucosa proteica)
2. Stomaco Succo gastrico - 2-2,5 l / giorno pH - 1,5-2,5
3. Duodeno A. Succo pancreatico - 1,5-2 l / giorno pH - 7,8-8,4 B. Bile - 0,5-1,5 l / giorno pH - 7,3-8 - pH della bile epatica - 6,8 - bile cistica
4. Intestino tenue Succo intestinale, - 2-3 l / giorno pH-7,2-8,6
5. Intestino crasso Succo intestinale - una piccola quantità di pH-8,5-9,0

Domande per consolidare le conoscenze acquisite e l'autocontrollo

Opzione I.

1. Che cos'è la digestione?

2. Qual è il ruolo dell'IP. Pavlova nella fisiologia della digestione?

3. Quanta saliva si forma al giorno in un adulto

4. Che cos'è la mucina?

5. Su cosa agisce l'enzima ptyalin??

6. Quali sono i metodi per studiare la secrezione delle ghiandole gastriche?

7. Quali cellule delle ghiandole dello stomaco producono pepsinogeno, acido cloridrico, muco?

8. Cosa c'è nella composizione del succo gastrico?

9. Che cos'è la chimosina?

10. Cosa significa lipasi gastrica?

11. Qual è il ruolo principale della gastrina?

12. Quanto succo pancreatico viene rilasciato al giorno in un adulto?

13. Quali sono gli enzimi carboidrati del succo pancreatico?.

14. Cos'è secretin e qual è il suo ruolo?

15. Quanta bile viene secreta al giorno in un adulto?

16. Denominare i componenti principali della bile.

17. Quali sono le funzioni della bile?

18. Quanto succo intestinale viene rilasciato al giorno in un adulto?

19. Quali enzimi proteici sono inclusi nel succo intestinale?

20. Quali sono gli enzimi grassi del succo intestinale?.

21. Com'è la regolazione umorale della secrezione nell'intestino tenue?

22. Come viene eseguita la digestione della cavità?

23. Quali sono le differenze fondamentali tra digestione parietale e cavità?

24. Qual è il significato dei piccoli movimenti intestinali?

25. Qual è il ruolo dell'intestino crasso nel processo di digestione?

26. Qual è il ruolo negativo della microflora dell'intestino crasso?

27. Che cos'è l'assorbimento?

28. Dove viene eseguito il processo di aspirazione principale??

29. In quale forma vengono assorbite le proteine??

30. Quanta acqua viene assorbita nel canale alimentare di una persona al giorno?

Domande per consolidare le conoscenze acquisite e l'autocontrollo

Opzione II

1. Qual è la lavorazione fisica e chimica degli alimenti nel canale alimentare?

2. Quali sono le funzioni del tratto gastrointestinale.

3. Cosa c'è nella saliva?

4. A cosa serve la saliva maltasi??

5. Cosa fanno i pepsinogeni?

6. Che cos'è la gelatinasi?

7. A cosa serve la gastromucoproteina??

8. Cosa contribuisce all'apertura dello sfintere pilorico dello stomaco?

9. Quanto succo gastrico viene secreto al giorno in un adulto?

10. Quali sono gli enzimi proteici del succo pancreatico?.

11 cosa fa enterokinase e dove si trova?

12. Quali sono gli enzimi grassi del succo pancreatico?.

13. Qual è il contenuto di acqua e residui secchi nella bile epatica e nella cistifellea?

14.Quali sono le differenze tra bile epatica e cistifellea?

15. Quali enzimi del succo pancreatico sono attivati ​​nel duodeno dalla tripsina?

16. Cosa agiscono su cathepsin e sucrase?

17. Quali sono gli enzimi carboidrati nel succo dell'intestino tenue?

18. Quali tipi di digestione si distinguono nell'intestino tenue?

19 come viene eseguita la digestione parietale?

20 qual è il ruolo dei batteri del colon nella digestione?

21. Che cosa forniscono i movimenti del pendolo e peristaltici dell'intestino tenue?

22. Quali sono le caratteristiche dell'attività motoria dell'intestino crasso?

23. Qual è la capacità di assorbimento della mucosa orale?

24. Cosa viene assorbito nel duodeno?

25.Che cos'è il villi e qual è il loro numero totale?

26. Cosa viene assorbito nell'intestino crasso?

27 In quale forma vengono assorbiti i carboidrati?

28. Dove viene aspirata l'acqua?

29. Come vengono assorbiti i sali minerali?

30. Cos'è un centro alimentare?

PROBLEMI DI PROVA

Apparato digerente

1. Il ferro non appartiene alle ghiandole digestive umane

2. Non partecipa alla formazione della cavità orale

-1.hard e palato morbido

-Diaframma e lingua 2.muscular

+4.la bocca della faringe

3. Il vestibolo della bocca comunica con la cavità orale effettiva quando è chiuso

+1.la lacuna dietro gli ultimi molari

-4) tromba di Eustachio

4. Non partecipa alla formazione della faringe

5. La parte seguente manca nella lingua

6. Non si applica ai muscoli esterni / scheletrici / della lingua

+1. propri muscoli della lingua

-2. muscolo linguale-linguale

-3.hyoid - muscolo linguale

-4. muscolo stiloide

7. Non parte integrante del dente

8. La sostanza solida del dente non è inclusa

9.Una persona ha denti permanenti all'età di 18 - 25 anni

10. I primi denti da latte compaiono in un bambino all'età

11. A differenza di un adulto, un bambino di età inferiore a 6-7 anni non ha

+3.piccoli molari

-4.grossi molari

12. Si apre il dotto escretore della ghiandola parotide

-Papilla 1.hyoid

-2.freno della lingua

+4.il vestibolo della bocca

13. La saliva contiene enzimi digestivi

+1.ptyalin / amylase /, maltase

-2.saccarasi, lattasi

-3.fosfatasi, lipasi

-4.pepsina, chimosina

14. L'enzima ptyalin / amylase / agisce idroliticamente

15. La saliva ha una reazione

16. Il centro subcorticale di salivazione si trova nel cervello

-4. la corteccia cerebrale

17. La faringe passa nell'esofago negli adulti a livello delle vertebre

18. Una delle parti manca nella gola

19. La parte nasale della faringe comunica con la cavità nasale attraverso

-1.Tubi di Eustachio

20. La mucosa del rinofaringe è coperta di epitelio

+1.ciliato / ciliato /

-2. Singolo strato piatto

-3. Singolo strato cubico

-4. Multistrato non cheratinizzante

21. In una persona adulta. La distanza dai denti anteriori all'entrata dello stomaco è approssimativamente

22. L'esofago non ha restringimento

-2. al livello di biforcazione della trachea

-3.quando passa attraverso il diaframma

+Apertura 4.lower

23. Il muro dell'esofago non ha strato / guscio /

-4. avventizi / sieroso /

24. Parte di

25. La capacità dello stomaco in un adulto è in media di circa

26. L'apertura cardiaca in ingresso dello stomaco si trova a sinistra dei corpi vertebrali

-3.12 toracico e 1 lombare

-4. 2-3 lombari

27. L'uscita del piloro si trova sul bordo destro delle vertebre

+3.12 toracico e 1 lombare

-4. 2-3 lombari

28. La quantità giornaliera di succo gastrico in un adulto è

29. Il succo gastrico contiene acido cloridrico normale all'interno

30. Il proenzima pepsinogeno di due frazioni è secreto dalle cellule ghiandolari dello stomaco

31. Le cellule ghiandolari producono acido cloridrico nello stomaco

32. Le cellule ghiandolari secernono muco nello stomaco

33. L'ormone gastrina stimola una secrezione abbondante

+2. succo di frutta

-Succo 4.intestinal

34. Gastromukoprotein / fattore intrinseco B. Castle / è necessario nello stomaco per

-1. la scomposizione delle proteine

-2.attivazione di pepsinogen

+3.assorbimento di vitamina B12

-4.produzione dell'ormone gastrina

35. Gli enzimi pepsina e gastrixin scompongono le proteine ​​alimentari

36. La lipasi del succo gastrico agisce idroliticamente

-Zucchero di latte

-2. grassi vegetali

-4. zucchero di canna

37. L'apertura dello sfintere pilorico dello stomaco è facilitata dalla presenza

-1.ambiente alcalino nello stomaco e acido - duodeno

-2.ambiente acido nello stomaco e nel duodeno

+3.ambiente acido nello stomaco e alcalino nel duodeno

-4. Ambiente alcalino nello stomaco e nel duodeno

38. L'intestino tenue non include

-4.Ileum

39. Non è comune avere l'intestino tenue

-2. pieghe circolari

+4. Processi industriali

40. I dotti si aprono nel duodeno, tranne

-1.il condotto principale del pancreas

-2.il condotto accessorio del pancreas

+3.totale flusso epatico

-4. dotto biliare comune

41. Raggruppa noduli linfoidi / cerotti di Peyer / trovati solo nella mucosa intestinale

42. La massa del fegato in un adulto è normalmente di circa

43. Delle varie funzioni del fegato in un adulto, la funzione di

44. La principale unità strutturale e funzionale del fegato è

-4. cellula epatica / epatociti /

45. La porta del fegato si trova nella scanalatura

-2.sinistra longitudinale

-3. davanti longitudinale dritto

-4. diritto longitudinale posteriore

46. ​​La cistifellea si trova nella scanalatura

-1. diritto longitudinale posteriore

+2. diritto davanti longitudinale

-4.sinistra longitudinale

47. La capacità della cistifellea è

48. Il fegato non passa attraverso il cancello

-Vena 1.portal

-2. vena epatica

+3. vene epatiche

-4. dotto epatico comune

49. Il pancreas si trova retroperitonealmente a livello delle vertebre

+3.2 lombare

-4. 3-4 lombare

50. La parte seguente manca nel pancreas

51. La quantità giornaliera di bile in un adulto è in media

52. Non si applica ai principali componenti specifici della bile

+1. sostanze minerali

-Acidi 2.bili

-Pigmenti 3.bili

53. Emulsiona i grassi e ne promuove l'assorbimento

-Pigmenti 1.bili

+Pigmenti 4.bili

54. La quantità giornaliera di succo pancreatico in un adulto è

55. L'enzima tripsinogeno è attivato

-Acido 2. cloridrico

56. Enterokinase è un enzima specifico di succo

57. L'enzima chimotripsinogeno è attivato

58. L'ormone secretina nel processo di digestione stimola la secrezione di succo

59. L'enzima peptidasi è contenuta nel succo

60. Facilita il flusso della bile nell'ormone del duodeno

61. Stimola principalmente la secrezione delle ghiandole dell'ormone dell'intestino tenue

62. A differenza dell'intestino tenue, l'intestino crasso non ha

-1. Processi industriali

-3. tre bande muscolari longitudinali

63. L'intestino crasso non include l'intestino

64. L'appendice: l'appendice si allontana dall'intestino

-1. colonia ascendente

65. L'appendice svolge la funzione

-4. nessuna funzione

66. Ha la sua sezione mesentery dell'intestino crasso

-2. colon in via di estinzione

-3. colon discendente

+4.sigmoidi colon

67. Viene effettuata la rottura della fibra vegetale nell'intestino crasso

+1.enzimi di batteri

68. Nell'intestino crasso, principalmente assorbito

69. Il luogo principale di assorbimento di nutrienti, acqua e sali minerali sono

-1. l'intestino crasso

+2.intestino tenue

70. Le proteine ​​vengono assorbite nell'intestino tenue come

71. I carboidrati sono assorbiti nell'intestino tenue nella forma

72. I grassi vengono assorbiti principalmente nella linfa e nella maggior parte del sangue nel canale alimentare

Stomaco

io

Zheladock (ventriculus, gaster)

un organo cavo del sistema digestivo, situato tra l'esofago e il duodeno, in cui il cibo si accumula e viene parzialmente digerito e assorbito.

Zh. È nell'epigastrio. Si compone di due pareti - fronte e retro, che, unendo, formano due bordi - curvatura grande e piccola; ha due aperture: l'ingresso (cardiaco) a livello di X - XI vertebre toraciche e l'uscita (apertura del gatekeeper) a livello di XII toracico - I vertebre lombari. Ci sono 4 parti nello stomaco (Fig. 1): cardiaca (cardia) adiacente all'apertura cardiaca; seguendolo - la parte inferiore (arco) sotto forma di una cupola rivolta verso l'alto, situata sopra la linea orizzontale che passa attraverso l'apertura cardiaca; corpo - la parte più grande del corpo, racchiusa tra la parte inferiore e la parte pilorica (pilorica); quest'ultimo include la grotta del gatekeeper (chiamato l'antro nella clinica) e il canale del gatekeeper, che ha uno sfintere e passa direttamente nel duodeno.

La parete anteriore dello stomaco nell'area del cardiaco, del fondo e del corpo è adiacente al diaframma, nell'area della curvatura minore - al lobo sinistro del fegato. La parete posteriore è in contatto con l'aorta addominale, il pancreas, la milza, il rene sinistro e la ghiandola surrenale, il diaframma e il colon trasverso. Dietro J. c'è una borsa omentale. Nel processo di digestione, il ferro cambia forma e dimensione, a seguito della quale il suo volume in un adulto varia da 1 1 /2 fino a 4 litri. La superficie interna dello stomaco forma pieghe ramificate, posizionate longitudinalmente, che scompaiono quando l'organo viene allungato.

L'afflusso di sangue alla minore curvatura dello stomaco viene effettuato dai rami del tronco celiaco (arteria gastrica sinistra) e dall'arteria epatica comune (arteria gastrica destra). La maggiore curvatura della ghiandola viene alimentata con sangue dai rami dell'arteria gastroduodenale (arteria gastroepiploica destra) e dell'arteria splenica (arteria gastroepiploica sinistra), il fondo sono brevi arterie gastriche che emanano dall'arteria splenica. Queste arterie si anastomizzano l'una con l'altra, formando un anello arterioso. Il sangue venoso scorre nelle vene con lo stesso nome, che scorre nella vena porta. Il deflusso della linfa si verifica nei linfonodi gastrici, gastroepiploici e pilorici. L'innervazione dello stomaco viene effettuata dal plesso celiaco (innervazione simpatica) e dai rami dei nervi vago (innervazione parasimpatica).

La parete dello stomaco, così come l'intero tratto digestivo, è composta da 4 strati: la mucosa, la sottomucosa, le membrane muscolari e sierose. La membrana mucosa della ghiandola ha la struttura più complessa: utilizzando un microscopio a scansione, è possibile trovare un numero significativo di fori (fosse gastriche) al suo interno, in cui si aprono i dotti delle ghiandole gastriche situati nello strato adeguato della membrana mucosa. Le fossette sono coperte da uno strato di epitelio colonnare che secerne il muco. Avvolgendo la superficie interna dello stomaco, il muco lo protegge dall'effetto dannoso di vari fattori, principalmente il succo gastrico. L'epitelio tegumentario dello stomaco viene rapidamente ripristinato a causa della migrazione di giovani cellule dall'istmo delle ghiandole gastriche. Distingue tra ghiandole cardiache, gastriche (proprie) e piloriche. Le ghiandole cardiache sono costituite da piccole cellule mucose con bassa attività secretoria, nonché singole cellule parietali (parietali). Le ghiandole gastriche, situate nel corpo, nella parte inferiore e nella grotta del piloro, hanno una parte principale (corpo e parte inferiore), un collo e un istmo che si aprono direttamente nella fossa gastrica. Nella parte principale, sono localizzate principalmente le principali cellule (zimogeniche), che producono enzimi di succo gastrico. Tra loro, le cellule parietali che sintetizzano l'acido cloridrico e il fattore intrinseco antianemico di Castle sono determinate in numero minore. Il collo della ghiandola gastrica contiene mucose delle cellule cervicali e parietali, l'istmo - tegumentario e parietale. Le ghiandole piloriche contengono cellule che secernono pepsinogeno e muco, simili a quelle delle ghiandole gastriche. Inoltre, le ghiandole gastriche e piloriche contengono cellule endocrine (vedi sistema Apud). Questi includono le cellule EC enterochromaffin, le cellule L L simili a enterochromaffin, le cellule A-like, D-, D, -, G-, S-, P che producono ormoni gastrointestinali (serotonina, istamina, glucagone, somatostatina, vasoattivo intestinale polipeptide - VIP, gastrina, secretina e bombesina).

La sottomucosa, situata tra le mucose e le membrane muscolari, è rappresentata da tessuto connettivo fibroso sciolto con un gran numero di fibre elastiche, in cui si trovano i plessi vascolari e sottomucosi nervoso (Meissner).

La membrana muscolare dello stomaco è composta da 3 strati di muscoli lisci (non striati) (esterno - longitudinale, medio - circolare e interno - obliquo), la cui contrazione tonica garantisce la conservazione della forma e delle dimensioni dello stomaco. I muscoli situati circolarmente nella zona del canale del piloro si addensano e formano una polpa potente - sfintere pilorico. Tra gli strati esterno e medio si trova il plesso nervoso intermuscolare (Auerbach).

La membrana esterna sierosa, rappresentata da tessuto connettivo fibroso allentato rivestito con uno strato di cellule mesoteliali, svolge una funzione di supporto, fissando l'organo in una certa posizione. I vasi sanguigni e linfatici, così come i nervi, attraversano il suo spessore.

La funzione principale dello stomaco è l'elaborazione meccanica e chimica del cibo proveniente dalla cavità orale, la formazione di chimi e la sua evacuazione nel duodeno. Le proteine ​​vengono digerite principalmente nello stomaco. La digestione inizia con gli strati superficiali del bolo alimentare, che si spostano gradualmente a causa delle contrazioni peristaltiche dello stomaco; i carboidrati e i grassi vengono scomposti nello stomaco in misura minore, il primo dall'azione dell'amilasi salivare, il secondo dalla lipasi gastrica.

La condizione più importante per la digestione (digestione) nello stomaco è la secrezione di succo gastrico, i cui componenti principali sono l'acido cloridrico, il muco e gli enzimi. Il volume del succo gastrico dipende dal numero di cellule ghiandolari funzionanti e dalle loro condizioni, nonché dalla natura dello stimolo. In media, una persona con una dieta normale produce circa 2 litri di succo gastrico al giorno. A stomaco vuoto, il pH del contenuto dello stomaco è 6,0. Sullo sfondo della stimolazione della secrezione gastrica, il pH scende a 1,0-1,5, principalmente a causa della secrezione di acido cloridrico e, in misura minore, di altri acidi (carbonici, lattici, butirrici) presenti nel succo gastrico. L'acido cloridrico distrugge i componenti fibrosi del cibo, promuove la massima attività delle peptidasi gastriche e fornisce la proprietà battericida del succo gastrico. La quantità di acido cloridrico libero a stomaco vuoto normalmente non supera le 20 unità di titolazione, stimolate dall'istamina - 60-85 unità di titolazione. L'acidità basale totale è di 40 unità di titolazione, stimolata - 80-100 unità di titolazione.

Il muco gastrico (mucina) è costituito da 2 frazioni - insolubili (visibili), inclusi polisaccaridi, glicoproteine, proteoglicani, proteine, enzimi adsorbiti e solubili, contenenti i prodotti della degradazione enzimatica di muco insolubile, mucoproteine, mucopolisaccaridi acidi. dall'auto-digestione, formando una membrana colloidale sulla sua superficie (barriera mucosa di Hollender). I componenti della frazione solubile hanno attività biologica, e in particolare l'effetto lipotropico, contengono fattore di crescita e fattore intrinseco di Castle.

I principali enzimi proteolitici del succo gastrico comprendono la pepsina, la gastrixina, la pepsina B e il rennino. La pepsina è un rappresentante delle endopeptidasi; si forma nelle principali cellule della mucosa dello stomaco dal proepima pepsinogeno e ha le proprietà di molti enzimi (proteasi, peptidasi, transpeptidasi ed esterasi). La Gastrixin ha proprietà simili alla pepsina. Insieme, entrambi gli enzimi forniscono circa il 95% dell'attività proteolitica del succo gastrico. La pepsina B (parapepsi) possiede proprietà della transpeptidasi e della gelatinasi, gadrolizza il substrato di emoglobina. Il caglio (caglio, chimosina) nella sua specificità di substrato è vicino alla pepsina, ma ha anche attività della chimasi.

Gli enzimi non proteolitici del succo gastrico includono: lisozima, prodotto dalle cellule dell'epitelio superficiale e che fornisce le proprietà battericide del succo gastrico; mucolysin, che idrolizza il muco gastrico; Anidrasi carbonica, apparentemente partecipa alla sintesi di acido cloridrico; amilasi (amilasi); lipasi, ecc..

La regolazione della funzione secretoria dello stomaco consiste in influenze sia eccitatorie che inibitorie. Il più potente effetto stimolante si trova nel cibo. La secrezione digestiva è convenzionalmente suddivisa in 3 fasi: cerebrale, gastrica e intestinale. La fase cerebrale (riflesso complesso, o cosiddetta mentale) inizia dal momento di irritazione dei recettori olfattivi, visivi e di altro tipo alla vista del cibo o al suo ingresso nella cavità orale. La fase gastrica (umorale) si verifica a seguito del contatto alimentare direttamente con la parete dello stomaco. I più potenti stimolanti della secrezione naturale includono estratti di carne, aminoacidi e alcoli. La fase intestinale, che si verifica 1-3 ore dopo un pasto a causa dell'irritazione della chemio, dell'osmo e dei meccanorecettori intestinali, è caratterizzata da un volume insignificante di secrezione gastrica, ma questa fase è importante per il coordinamento della funzione dello stomaco, del pancreas e del fegato. Direttamente il meccanismo di eccitazione della secrezione gastrica può essere associato all'irritazione di 3 campi recettori secreti nello stomaco: acetilcolina, gastrina e istamina.

I meccanismi inibitori fisiologici includono il cosiddetto effetto di acidificazione dell'antro (una diminuzione del pH nella regione dell'antro a 1,0-1,5 provoca la cessazione della secrezione di acido cloridrico). I gastroni inibiscono anche la secrezione gastrica (bulbogastron, secretina, colecistochinina, glucagone), agendo come inibitori della gastrina.

In caso di disturbi funzionali o organici, il contenuto di acido cloridrico nel succo gastrico può aumentare (ipercloridria) o diminuire (ipocloridria) fino alla sua completa assenza (acloridria).

La regolazione della produzione di muco ed enzimi è simile. I fattori eccitatori sono il cibo, l'acetilcolina, la gastrina e, in misura minore, l'istamina. La serotonina è considerata uno stimolante selettivo della produzione di muco nel ferro. L'inibizione della funzione delle cellule principali è stata osservata nell'insufficienza ipofisaria e surrenalica e nell'ischemia gastrica. Con disturbi funzionali caratterizzati dalla soppressione dell'attività secretoria dello stomaco e non accompagnati da cambiamenti visibili nella sua mucosa (ad esempio, con trauma mentale), nonché con cambiamenti nella natura organica (atrofia della mucosa nella gastrite, tumori dello stomaco, ecc.) Nel succo gastrico c'è una mancanza di acido cloridrico ed enzimi (acilia gastrica).

La funzione secretoria è strettamente correlata all'attività motoria dello stomaco, che comprende le funzioni di accumulo (funzione del serbatoio), miscelazione e macinazione (funzione motoria corretta) e movimento del cibo nel duodeno (funzione di evacuazione). Le contrazioni della membrana muscolare dello stomaco sono divise in peristaltico, sistolico (nella parte pilorica) e tonico. Sono regolati da miogeni (un cambiamento spontaneo nel potenziale transmembranico del miocita), nervosi (il ramo Latargé del nervo vago migliora la motilità gastrica, inibisce il nervo celiaco simpatico) e umorali (gastrina stimola la motilità gastrica, inibisce i meccanismi pancreosimin-colecistochinina). Inoltre, la regolazione dell'attività motoria dello stomaco viene effettuata per via riflessa (motore fundoantrale, antrofundale e riflessi inibitori enterogastrici). Anche l'irritazione locale dello stomaco è importante: aumento dell'attività motoria e della peristalsi nella zona di irritazione, nonché nella regione distale e reazione opposta nelle regioni prossimali. Lo sfintere pilorico, il cui ruolo nell'evacuazione dei contenuti non è completamente chiaro, partecipa alla creazione di un gradiente di pressione dallo stomaco al duodeno, nonché alla prevenzione del reflusso duodenogastrico (vedi Reflux, in gastroenterologia).

A causa della funzione endocrina, gli ormoni gastrointestinali, il fattore interno di Castle e altre sostanze biologicamente attive entrano nel sangue dalla mucosa dello stomaco. La funzione escretoria della ghiandola è di minore importanza. A causa della funzione escretoria, sostanze (urea, salicilati, congorot, ecc.) Possono, ad esempio, essere rilasciate dal sangue nel lume della ghiandola, il cui eccesso influisce negativamente sulla vita del corpo.

L'assunzione di anamnesi è di grande importanza nella diagnosi delle malattie dello stomaco. Scopri la localizzazione, la natura e l'irradiazione del dolore, la loro relazione con l'assunzione di cibo e la sua composizione, con l'attività fisica, nonché la presenza di nausea, vomito, bruciore di stomaco e altri disturbi. Le lamentele del paziente sono raggruppate nelle principali sindromi cliniche, evidenziando quella principale - dolorosa o dispeptica. È necessario soffermarsi sulle condizioni e la natura della dieta del paziente, le cattive abitudini (consumo di alcol, fumo), la dinamica del peso corporeo, la regolarità e la natura delle feci, l'assunzione prolungata di farmaci che irritano la mucosa di J..

Quando si esamina il paziente in posizione supina e si trova nella regione epigastrica, si possono trovare i contorni del cibo traboccante (con pilorospasmo) o dello stomaco a gas o dei suoi dipartimenti, aumento patologico della peristalsi, antiperistalsi.

La palpazione approssimativa superficiale consente di rivelare dolore locale, tensione dei muscoli della parete addominale, nonché un tumore di grandi dimensioni. Con il metodo della palpazione a scorrimento profondo secondo Obraztsov - Strazhesko - Vasilenko, è possibile esaminare entrambe le curvature dello stomaco e il guardiano (localizzazione, consistenza, mobilità, dolore), determinare il tumore o l'infiltrato in questa area.

Per valutare la funzione secretoria di J. applicare il sondaggio frazionario (vedi. Sondaggio dello stomaco). L'acidità del succo gastrico è anche determinata usando il metodo probeless - acidotest (gastrotest), pH-metry, radiotelemetry. Il acidotest si basa sull'escrezione di un colorante nelle urine durante l'assunzione di pillole contenenti 2,4-diammino-4-etossiazo-benzene (controindicato in caso di insufficienza epatica e renale, resezione gastrica). L'intensità del colore dipende dalla quantità di acido cloridrico libero nel succo gastrico. Dopo il primo svuotamento della vescica, il paziente prende 1-2 compresse di caffeina dopo 1 ora, svuota di nuovo completamente la vescica (controllo delle urine), quindi, insieme a una piccola quantità di acqua, deglutisce 3 compresse senza masticare, quindi dopo 1 1 /2 h svuota di nuovo la vescica (un'ora e mezza di urina), 5 ml di questa urina vengono miscelati con una pari quantità di acido cloridrico al 25%. La determinazione dell'acidità del succo gastrico viene effettuata confrontando l'intensità della colorazione di un'ora e mezza di urina in rosso con una scala di colori speciale. In termini di contenuto informativo, acidotest è inferiore al sondaggio frazionario e pertanto è considerato indicativo.

La misurazione del pH intragastrica viene eseguita utilizzando una sonda a due canali. Un sensore di pH viene solitamente posizionato nel corpo dello stomaco, l'altro nell'antro. Un sensore situato nel corpo dello stomaco registra l'intensità della secrezione acida da parte delle ghiandole gastriche, il secondo riflette la secrezione acida totale e la capacità alcalinizzante della parte pilorica. Viene determinata l'acidità basale e l'acidità dopo l'introduzione di stimolanti. Viene utilizzato anche un numero maggiore di sensori, che consente di stabilire l'acidità in varie parti dello stomaco.

Il metodo radiotelemetrico consente di studiare, insieme all'acidità e alla motilità dello stomaco. I segnali provenienti da una capsula radio in miniatura inserita nello stomaco vengono trasmessi a un dispositivo speciale e un nastro di registrazione.

Dai metodi strumentali, il ruolo principale appartiene alla gastroscopia (gastroscopia) e all'esame a raggi X..

L'esame a raggi X di Zh. Viene effettuato con sospetto di malattia allo stomaco, nonché con osservazione dispensaria dei pazienti. Non ci sono controindicazioni assolute allo studio. All'esame a raggi X del ferro, viene contrastato artificialmente con una sospensione acquosa di solfato di bario. Lo studio viene eseguito, di regola, al mattino a stomaco vuoto; di solito senza formazione speciale. Dopo un'indagine fluoroscopica della cavità addominale, viene principalmente esaminato il rilievo della mucosa (Fig. 2, 3) con un basso riempimento dello stomaco (il paziente beve 1 sorso della massa radiopaca). Il secondo stadio è lo studio di J. con un riempimento ampio (stretto) (il paziente beve 200-400 ml di una massa radiopaca). Viene eseguita una transilluminazione multiasse del paziente, in cui vengono esaminati i contorni di tutte le parti dell'organo. Nel processo di transilluminazione, vengono eseguite radiografie panoramiche e di avvistamento, schiacciando la parete addominale con il tubo dell'apparato radiografico. Per poter esaminare tutte le sezioni dello stomaco, lo studio viene condotto sia in posizione verticale che orizzontale del paziente. Dopo lo studio di J., il duodeno viene esaminato senza fallo.

Ottenere un'immagine dettagliata della mucosa si ottiene utilizzando il metodo del doppio contrasto, in cui il liquido viene ulteriormente gonfiato con gas, che viene introdotto attraverso una sonda o ricevendo una miscela generatrice di gas (effervescente). In alcuni casi (per modificare il tono e la motilità dello stomaco), ai pazienti vengono somministrati agenti farmacologici. Aeron, proserina sono usati per migliorare il tono e la peristalsi; atropina, metacina sono usati per ridurre l'attività peristaltica e alleviare lo spasmo del piloro..

Metodi speciali di esame radiografico, usati per indicazioni speciali, comprendono la parietografia e il contrasto dei vasi dello stomaco. (Vedi Angiografia).

Per studiare la funzione motoria dello stomaco, in numerosi casi viene utilizzata l'elettrogastrografia, un metodo basato sulla registrazione dei suoi potenziali elettrici. Quando si studiano le funzioni di evacuazione, secretoria ed escretoria dello stomaco, vengono utilizzati anche i metodi radioisotopici (vedere Diagnostica dei radionuclidi).

Le manifestazioni di varie malattie dello stomaco si inseriscono in due principali sindromi cliniche: dispeptico e dolore. Con una sindrome dispeptica, ci sono disturbi di appetito, perversione del gusto, eruttazione, bruciore di stomaco, nausea, vomito. Le feci di un paziente con sindrome di dispepsia gastrica hanno un odore putrido e una reazione alcalina, contengono fibre muscolari non digerite e scarsamente digerite (creatorrea), fibre digeribili.

Il dolore causato da malattie dello stomaco è localizzato nella regione epigastrica. Per origine, sono spastici (ad esempio, con lo spasmo del guardiano) e distorsione (allungamento eccessivo dell'organo per il suo contenuto). Dolori crampi dovuti all'aumentata secrezione gastrica; sono intensi, parossistici, di solito associati all'assunzione di cibo, in particolare cibi piccanti. Il dolore può verificarsi 30-40 minuti dopo aver mangiato (dolore precoce) o dopo 1 1 /2—2 h (dolore tardivo). Diminuiscono dopo vomito, antiacidi (antiacidi) e antispasmodici (antispasmodici). I dolori distressivi non sono così intensi (opachi, doloranti) e scompaiono dopo il vomito. Con la perigastrite e le aderenze tra lo stomaco e gli organi vicini, possono verificarsi i cosiddetti dolori peritoneali, che si intensificano a causa dello sforzo fisico e di un cambiamento nella posizione del corpo del paziente.

Un segno di una lesione organica dello stomaco è il sanguinamento gastrico (vedi sanguinamento gastrointestinale), che può essere causato da difetti della mucosa (erosione e ulcere di varia origine, tra cui tubercoli, sifilitici), neoplasie disintegranti (cancro, polipo strangolato sulla gamba ), arresto dei vasi sanguigni (ad esempio con malattia di Randu-Osler). Il sanguinamento gastrico può essere massiccio e nascosto, il primo si manifesta con vomito di sangue scarlatto o con i cosiddetti fondi di caffè, feci liquide catramose (gesso). Il colore scuro del vomito e delle feci è dato dall'ematina di acido cloridrico, che si forma a seguito della reazione chimica dell'emoglobina nel sangue con acido cloridrico. Il sanguinamento gastrico latente può manifestarsi solo con anemia sideropenica ed è confermato da una reazione positiva delle feci al sangue occulto (campioni di benzidina e gomma di guaiaco). Spesso, con malattie di G. Si verificano in12- e anemie da carenza di folati a causa della mancanza del fattore intrinseco di Castle.

Le malformazioni dello stomaco sono relativamente rare. Questi includono malformazioni della parete dello stomaco, stenosi pilorica congenita, atresia della sezione pilorica, raddoppio degli organi. Con malformazioni della parete dello stomaco, c'è un'assenza in una certa area, più spesso nell'area del fondo dello stomaco, dello strato muscolare. Il difetto si manifesta poco dopo la nascita con sanguinamento gastrico massiccio, una caratteristica distintiva della quale è l'inefficacia delle misure conservative. La diagnosi è difficile Trattamento chirurgico - resezione della sezione interessata G. La prognosi con intervento tempestivo è favorevole.

L'atresia della regione pilorica è caratterizzata da sintomi di ostruzione: dopo le prime due o tre poppate, appare il vomito, il volume del vomito supera la quantità di cibo assunto durante una poppata. Lo sgabello è scarso, le feci sono colorate con la bile. L'esame radiografico determina un livello elevato di liquido corrispondente a una cistifellea allungata, il duodeno e il tratto intestinale sottostante non contengono gas. L'esame endoscopico rivela una sezione dell'antro alla fine cieca dello stomaco, pieghe allungate di una mucosa assottigliata. Il trattamento è rapido. La previsione è favorevole.

Quando il liquido viene raddoppiato, le cavità aggiuntive possono avere una forma sferica o allungata. Il quadro clinico dipende in gran parte dal fatto che sia segnalata la cavità accessoria con il lume del tratto digestivo. Le cavità accessorie isolate possono causare la compressione del tratto gastrointestinale adiacente e mostrare segni di ostruzione parziale o completa (rigurgito, vomito ripetuto da una fontana, ecc.). Le cavità accessorie che comunicano con lo stomaco o l'intestino possono essere asintomatiche a lungo o manifestarsi come sanguinamento gastrointestinale acuto o cronico (vomito sanguinante, feci catramose, anemia; con sanguinamento massiccio, può svilupparsi shock emorragico). Una delle complicanze più gravi di Zh. Il raddoppio è la perforazione della parete della cavità accessoria con lo sviluppo della peritonite. La perforazione nel lume dello stomaco, la penetrazione nel pancreas e il colon trasverso sono osservati raramente. A volte una cavità accessoria isolata può essere rilevata alla palpazione sotto forma di una formazione mobile, simile a un tumore, generalmente indolore nell'addome superiore, con una superficie liscia e confini chiari. L'esame radiografico è il metodo principale per diagnosticare il raddoppio del ferro. Sulle radiografie di rilievo, la cavità che comunica con lo stomaco si trova vicino allo stomaco o dietro di esso, ha un livello liquido orizzontale; quando la posizione del paziente cambia, una massa radiopaca può penetrare nella cavità accessoria. Una cavità isolata viene rivelata radiograficamente solo quando è grande; sembra un oscuramento uniforme e omogeneo, restringendo il lume dello stomaco. In alcuni casi, c'è uno spostamento degli organi adiacenti, in particolare i cappi del colon piccolo e trasversale. La diagnosi differenziale viene eseguita con tumori dello stomaco, spazio retroperitoneale, reni, con idronefrosi e anche con cisti pancreatiche. Spesso la diagnosi finale viene fatta solo durante l'intervento chirurgico. Trattamento chirurgico: rimozione radicale dell'istruzione aggiuntiva o imposizione di un'ampia anastomosi tra esso e lo stomaco. In un certo numero di casi, ricorrono alla resezione della colecisti. A lungo termine dopo l'operazione, è possibile la disfunzione della ghiandola, l'ulcerazione della mucosa nell'area del raddoppio, la formazione di diverticoli.

Le lesioni allo stomaco sono aperte e chiuse; comprendono anche ustioni e corpi estranei. Le lesioni chiuse (più spesso rotture) sono generalmente associate a trauma contusivo (un colpo all'addome con un oggetto pesante, contusioni durante una caduta, compressione dello stomaco durante i collassi, sotto l'azione di un'onda di scoppio, ecc.) E, di regola, sono accompagnate da danni ad altri organi. Di solito si verificano quando è troppo pieno di masse di cibo e aria. La più tipica è una rottura trasversale della parete anteriore dell'organo. Il dolore acuto appare nell'addome superiore, c'è un calo del polso e della pressione sanguigna (quadro clinico dello shock), una forte tensione nei muscoli della parete addominale anteriore, sintomi positivi di irritazione peritoneale, una diminuzione o assenza di ottusità epatica, opacità del suono delle percussioni nei punti inclinati dell'addome. I raggi X nella cavità addominale sono determinati dal gas libero. In uno studio con una sostanza contratta, si osserva che scorre nello stomaco o nel duodeno. Nel sangue, puoi trovare un'alta leucocitosi, uno spostamento significativo della formula dei leucociti verso sinistra. Trattamento chirurgico: in caso di emergenza J. viene suturato, igienizzato e drenato della cavità addominale.

Le lesioni aperte al corpo derivano da lesioni, più spesso di una ferita da arma da fuoco. Il quadro clinico dipende dalla natura della lesione e dallo stato dell'organo. Caratterizzato dall'esordio precoce dei sintomi di peritonite, shock. La ferita serve come indicazione per laparotomia urgente, durante la quale viene stabilita l'esatta localizzazione, la natura del danno e, a seconda del grado di danno, sutura o resezione della ghiandola.La prognosi per le lesioni della ghiandola dipende dalla tempestività dell'intervento chirurgico.

Le ustioni si verificano quando i prodotti chimici entrano nel liquido. La gastrite acuta corrosiva si sviluppa con necrosi della mucosa gastrica con coagulazione (se esposto ad acidi concentrati) o colliquazione (se esposto ad alcali caustici). Le lesioni locali sono associate a intossicazione dovuta all'assorbimento della sostanza chimica ingerita. L'ustione può essere accompagnata da shock, a volte asfissia dovuta a edema laringeo. Nei casi più gravi, con la rapida diffusione della necrosi su tutta la parete dell'organo, un quadro clinico di un addome acuto (addome acuto) può svilupparsi a causa di perforazione gastrica e peritonite (vedere Gastrite, Ustioni).

Nella maggior parte dei casi, corpi estranei entrano nello stomaco attraverso la bocca, meno spesso (ad esempio calcoli biliari) attraverso la sua parete se danneggiati. I corpi estranei di solito ingeriti escono naturalmente (nei pazienti con disturbi mentali con ingestione sistematica, possono accumularsi nello stomaco). Se un oggetto grande o affilato entra nel corpo, può verificarsi un processo infiammatorio nella parete dell'organo, fino alla necrosi con possibile perforazione e sviluppo di peritonite. Ci sono corpi estranei che si formano nello stesso stomaco - bezoari. Sono spesso costituiti da fibre vegetali, semi di frutta, lana, capelli, meno spesso - di coaguli di sangue, grassi, sostanze resinose. Sintomi clinici con Zh. Bezoars possono essere assenti o possono esserci sensazioni di tracimazione e pesantezza nella regione epigastrica, vomito, eruttazione marcia, alitosi. Il processo può essere complicato dallo sviluppo di gastrite, piaghe da decubito o perforazione della parete dello stomaco, anemia. I dati sull'anamnesi possono aiutare nella diagnosi di un corpo estraneo (per i bezoari, ad esempio, c'è un'indicazione della cattiva abitudine di deglutire i capelli). Alla palpazione, è possibile rilevare formazioni indolori simili a tumori nella regione epigastrica. Il più grande valore diagnostico è l'esame a raggi X, che consente di rilevare difetti nel riempimento dello stomaco, che non sono associati alla sua parete, così come la gastroscopia. I corpi estranei vengono rimossi mediante un gastroscopio (i bezoari vengono rimossi dopo la loro frammentazione preliminare); in casi difficili, è indicata la gastrotomia. Vedi anche corpi estranei, tratto gastrointestinale e cavità addominale.

Malattie. La discinesia ipermotoria dello stomaco è il risultato di riflessi patologici nelle ulcere gastroduodenali, nella colelitiasi, osservate in pazienti con nevrosi, con stress neuropsichiatrico, oltre a tetano, ipoparatiroidismo, avvelenamento con sali di metalli pesanti. Le principali lamentele sono i dolori crampi nella regione epigastrica senza una chiara connessione con l'assunzione di cibo, nausea, vomito, causati dallo spasmo del guardiano. Nella regione ombelicale, un piloro spasmodico viene spesso palpato sotto forma di un denso cavo doloroso localizzato in posizione orizzontale. L'esame a raggi X rivela segni di disturbi nella peristalsi dello stomaco (ritardo prolungato nella sospensione del solfato di bario, contrazioni spastiche, deformazione dello stomaco sotto forma di corno). Uno dei test utilizzati nella diagnosi differenziale di pilorospasmo e stenosi pilorica è l'effetto positivo dei farmaci anticolinergici. Se viene rilevata discinesia ipermotoria, è necessario un esame approfondito del paziente al fine di chiarire la causa ed escludere la natura organica dei disturbi rivelati. Il trattamento comprende la dieta n. 1 (vedi Nutrizione terapeutica), sedativi, anticolinergici (vedi farmaci anticolinergici) e antispasmodici, nitrati a lunga durata d'azione.

L'acilia gastrica funzionale (soppressione temporanea della secrezione gastrica) è osservata in condizioni depressive, sovraccarico neuropsichico e fisico, grave intossicazione, ipovitaminosi, ecc. La malattia è generalmente asintomatica. In alcuni casi, si verifica la sindrome dispeptica. Il principale metodo diagnostico è uno studio frazionario della secrezione ghiandolare, che rivela ipo e acloridria. La stimolazione con dosi submassimali di istamina o pentagastrina elimina l'effetto di fattori inibitori sulle cellule parietali; la misurazione del pH intragastrica non è meno informativa. La diagnosi differenziale deve essere effettuata con acloridria e achilia reali (resistenti all'istamina), segni frequenti di tumore maligno dello stomaco, che richiede gastroscopia. Il trattamento è principalmente finalizzato all'eliminazione dei fattori che causano l'inibizione della secrezione di ferro. Terapia rafforzante generale, osservanza del regime di lavoro e di riposo, cibo con effetto sokogonny (preparazioni di carne e verdure, preparazioni magre, pesce fritto, aringhe, caviale nero, erbe, verdure, frutta, uova, kefir, panna, ricotta, cereali, marmellata, ecc.). L'amarezza contribuisce anche ad aumentare la secrezione.

L'ipersecrezione funzionale dello stomaco ("stomaco irritato", ipercloridria funzionale) è osservata con sforzi eccessivi neuropsichici, consumo di prodotti sokogonny (estratti, spezie, alcool, ecc.), Aumento dei livelli ematici di ormoni steroidei e ormoni tiroidei. Di regola, è asintomatico. In alcuni casi, ci sono lamentele di bruciore di stomaco, eruttazione acida, costipazione, dolore nella regione epigastrica. La diagnosi viene fatta sulla base dei risultati del sondaggio frazionario di Zh. Con stimolazione con istamina o pentagastrina. La diagnosi differenziale viene effettuata con ulcera peptica e sindrome di Zollinger-Ellison (vedere Ulcere sintomatiche). Il trattamento dell'ipersecrezione gastrica funzionale include l'aderenza al lavoro e al riposo, prendendo antiacidi e sedativi.

I disturbi funzionali comprendono anche l'aerofagia (aerofagia) (pneumatosi dello stomaco).

Le malattie infiammatorie dello stomaco possono essere aspecifiche (vedi gastrite) e specifiche. Zh. La tubercolosi è estremamente rara e di solito è combinata con un processo tubercolare nei polmoni, nella laringe, nell'esofago e nell'intestino. Può verificarsi in forme ulcerative, ipertrofiche, nonché sotto forma di affetto tubercolare primario. I sintomi principali sono dolore sordo, dolente, meno spesso simile all'ulcera nella zona dello stomaco, disturbi dispeptici. La diagnosi è facilitata da lesioni tubercolari di altri organi, in particolare i polmoni. La reazione di Mantoux è nettamente positiva. Mycobacterium tuberculosis può essere trovato nelle acque di lavaggio di Zh., Tuttavia, si dovrebbe tenere presente che possono arrivarci ingoiando l'espettorato. Con i raggi X e gli studi endoscopici, è possibile rilevare difetti ulcerativi specifici e deformità cicatriziale dell'organo. La funzione secretoria di Zh. È depressa fino all'Achilia. La diagnosi è confermata dai risultati della biopsia mirata (biopsia) dell'area interessata (ad esempio i bordi di un'ulcera) e dal successivo esame morfologico del materiale ottenuto. La diagnosi differenziale viene effettuata con ulcera peptica, cancro, lesione sifilitica di G. Il trattamento è specifico (vedere Tubercolosi (Tubercolosi)). Inoltre, viene prescritta la dieta numero 1, farmaci antispasmodici e anticolinergici. Le ulcere tubercolari complicate con l'inefficacia del trattamento conservativo, nonché le deformità cicatriziali del piloro, sono un'indicazione per la resezione gastrica.

La sifilide G., di regola, è osservata nei periodi secondari e terziari della malattia e rappresenta lo 0,5-0,8% di tutti i casi di sifilide. È più comune negli uomini che nelle donne. Il quadro morfologico è determinato dal periodo della malattia. Il periodo secondario è caratterizzato da eruzioni roseolo-papulari sulla mucosa, ulcere sifilitiche e infiltrazioni della parete dell'organo; per le gengive terziarie sifilitiche o granulomatosi diffusa con conseguente restringimento di G. I sintomi della malattia non sono specifici. Può procedere sotto forma di gastrite sifilitica (vedi. Gastrite); a volte il quadro clinico ricorda un'ulcera peptica o un tumore di J. La diagnosi viene fatta sulla base di anamnesi, esame a raggi X di J., gastroscopia con biopsia mirata, risultati positivi di reazioni sierologiche. Trattamento specifico (vedi. Sifilide). Complicazioni come la stenosi pilorica sifilitica, sanguinamento gastrico sono indicazioni per un intervento chirurgico..

Le lesioni fungine di J. sono estremamente rare, la candidosi di J. è di solito una manifestazione di candidosi sepsi, può verificarsi quando la cavità orale è interessata (vedere Candidamicosi). L'actinomicosi G. si sviluppa sullo sfondo di una forte soppressione dell'immunità. L'inizio della malattia è facilitato da un'ulcera allo stomaco, una stenosi pilorica. Le lesioni fungine dello stomaco di solito procedono in base al tipo di gastrite catarrale o erosiva-ulcerosa. Il quadro clinico è dominato dalla sindrome dispeptica. La diagnosi viene stabilita sulla base della gastroscopia e vengono prescritti dati bioptici mirati, reazioni sierologiche con un vaccino specifico e un antigene polisaccaridico, rilevazione di drusen e micelio fungino nel succo gastrico, Il trattamento viene effettuato con agenti antifungini (agenti antifungini) (nistatina, levorina, ecc.), Vengono prescritti immunostimolanti specifici (actinolysate), siero polivalente actinomicete).

I diverticoli (congeniti e acquisiti) rappresentano lo 0,01-0,05% di tutte le malattie femminili; sono ugualmente comuni negli uomini e nelle donne: nella maggior parte dei casi si trovano nella parte cardiaca dello stomaco, meno spesso nell'antro lungo la maggiore curvatura e nel terzo inferiore del corpo dello stomaco. La parete dei piccoli diverticoli è composta da quattro strati. I diverticoli di grandi dimensioni sono privi di membrana muscolare o contengono solo singole cellule muscolari lisce. I diverticoli congeniti della ghiandola sono di solito combinati con diverticoli di un'altra localizzazione, si osservano quelli acquisiti, ad esempio nelle discinesie ipermotorie, pilorospasmo, vomito persistente durante la fusione della ghiandola con gli organi vicini. La stragrande maggioranza dei diverticoli semplici di Zh. È asintomatica. Lo sviluppo della diverticolite è indicato dalla comparsa di nausea, eruttazione, aerofagia, disfagia, disagio e dolori sordi nella regione epigastrica. Con l'ulcerazione del fondo del diverticolo, il dolore diventa di natura ulcerosa. La torsione delle gambe del diverticolo e la sua perforazione causano l'immagine di un addome acuto. Il sanguinamento dal diverticolo di solito non è massiccio, ma spesso porta allo sviluppo di anemia da carenza di ferro. Sono stati descritti casi di malignità. In diagnostica, il ruolo principale appartiene ai risultati dell'esame a raggi X. In questo caso, i piccoli diverticoli devono essere differenziati da una nicchia ulcerosa e molto grandi - con un raddoppio congenito di J. Gastroscopy dà un'idea dello stato della mucosa del sacco diverticolare. Non è necessario il trattamento per diverticoli semplici. In caso di complicanze, è indicata l'escissione del diverticolo. I pazienti con diverticoli di J. hanno bisogno di un'osservazione da dispensario. Vedi anche Diverticolosi (diverticolosi).

La gastroptosi (svuotamento gastrico) è congenita e acquisita. La gastroptosi congenita è associata all'allungamento del mesentere del colon. La gastroptosi acquisita è causata dallo stiramento dell'apparato legamentoso gastrico sullo sfondo dell'ipotonia dei muscoli della parete addominale anteriore (ad esempio, con improvvisa perdita di peso, parto, evacuazione del liquido ascitico, rimozione di grandi cisti e tumori della cavità addominale). Distinguere tra parziale (antropiloroptosi) e gastroptosi totale. Spesso la gastroptosi si combina con il prolasso di altri organi (fegato, colon trasverso, reni). In base alla gravità del processo, si distingue la gastroptosi di grado I, in cui la curvatura minore si trova 2-3 cm sopra la linea biiliaca (la linea che passa tra le spine superiori anteriori delle ossa iliache, separando il mesogastrio dall'epigastrio), gastroptosi di grado II (minore curvatura a livello della linea menzionata) e gastroptosi di grado III (minore curvatura al di sotto di questa linea). La gastroptosi di I e II grado è asintomatica. La gastroptosi di III grado è accompagnata da una sensazione di disagio, pesantezza, dolori doloranti opachi nella regione epigastrica dopo aver mangiato con irradiazione nella parte bassa della schiena, che è causata da uno stiramento dell'apparato legamentoso dello stomaco. All'esame, viene spesso notato un addome cadente, meno spesso vengono determinati i contorni di tutto lo stomaco o delle sue parti. Lo spostamento degli organi può anche essere stabilito usando la palpazione a scorrimento profondo. I raggi X rivelano un aumento delle dimensioni longitudinali dello stomaco, la convergenza della sua grande e piccola curvatura, un rallentamento della peristalsi e l'evacuazione della massa di contrasto e spesso la posizione del polo inferiore dell'organo nella cavità pelvica. In uno studio frazionario della secrezione gastrica mediante un metodo a sonda con stimolazione dell'istamina, si nota spesso l'acloridria. Il posto principale nel trattamento conservativo della gastroptosi è occupato da esercizi di fisioterapia, massaggio addominale, balneoterapia. Pasti frequenti e frazionari raccomandati, dieta n. 5, con gastroptosi III grado - indossando una benda speciale.

L'espansione acuta dello stomaco (paresi G. o atonia) è rara. La causa più comune di patologia è la chirurgia sugli organi addominali, la cavità. L'allargamento acuto dello stomaco può verificarsi con infarto del miocardio, stenosi del guardiano, lesioni dello stomaco e gravi malattie infettive. La patologia si basa sulla paralisi dell'apparato muscolare del corpo; accompagnata da atonia e grave malassorbimento con preservata funzione secretoria dell'organo. I pazienti lamentano dolore acuto nell'addome, nausea, vomito indomito, sete. Si notano pelle secca, letargia, letargia, i fenomeni di disidratazione sono in rapido aumento, le disfunzioni del sistema cardiovascolare si uniscono. L'addome è gonfio, notevolmente ingrandito, viene determinato un rumore di schizzi alla palpazione. La tensione dei muscoli addominali e altri sintomi di irritazione peritoneale sono assenti. Il principale metodo diagnostico è l'esame a raggi X, che rivela una posizione elevata del diaframma; Zh. Nettamente gonfio, di dimensioni enormi (può occupare quasi l'intera cavità addominale), contiene una grande quantità di liquido. Il trattamento è conservativo: J. viene costantemente drenato attraverso un tubo sottile, vengono iniettati liquido parenterale, elettroliti, soluzioni nutritive, viene eseguita la terapia sintomatica. L'assunzione di cibo, la somministrazione di farmaci antispasmodici, anticolinergici, l'uso di analgesici narcotici sono controindicati.

Il volvolo gastrico è raro. Nell'infanzia (specialmente nei bambini dei primi mesi di vita), si verifica più spesso di quanto venga diagnosticato. La malattia è associata a una fissazione compromessa della ghiandola e l'ernia diaframmatica può essere la causa del volvolo. Il momento predisponente è considerato prolasso e significativa espansione dello stomaco e pronunciata antiperistalsi, a causa di una violazione dell'evacuazione dei contenuti gastrici. L'inversione dell'intera femmina raramente supera i 180 °. Il volvolo delle sue parti (piloro, cardiaco) può verificarsi a 360 °. Il volvolo acuto Zh. Si manifesta con un forte dolore nella regione epigastrica, che si irradia alla schiena. Il dolore è inizialmente accompagnato da vomito, quindi da impulsi inefficaci. Il vomito, di regola, non contiene una miscela di bile. I tentativi di inserire una sonda nel liquido non hanno esito positivo. All'esame, c'è gonfiore nella regione epigastrica e retrazione di altre parti dell'addome; nelle prime ore dopo il volvolo - aumento della peristalsi. Forse un decorso cronico ricorrente del processo, che ricorda clinicamente la gastrite o la malattia dell'ulcera peptica. La diagnosi preoperatoria del volvolo è estremamente rara. L'esame radiografico con volvolo completo non riesce a causa dell'incapacità di iniettare un mezzo di contrasto nello stomaco. In caso di volvolo incompleto, è possibile rilevare una deformazione dello stomaco e un ritardo nell'evacuazione dell'agente di contrasto. Trattamento chirurgico: dispiegamento dello stomaco nella direzione opposta a quella in cui è stato eseguito il volvolo. Nel periodo postoperatorio, viene eseguita l'aspirazione continua dei contenuti gastrici. La prognosi con intervento tempestivo è favorevole.

Altre malattie dello stomaco. Tra le malattie dello stomaco sono spesso erosione dello stomaco (erosione dello stomaco), ulcera peptica, ulcere sintomatiche (vedi Ulcere sintomatiche).

I tumori sono divisi in epiteliali e non epiteliali, tra i quali, a loro volta, si distinguono benigni e maligni. I tumori epiteliali benigni comprendono gli adenomi (polipi), che rappresentano fino al 10% di tutti i tumori dello stomaco e, esternamente, assomigliano a escrescenze simili a funghi, che a volte ulcerano. Tumori non epiteliali benigni (leiomiomi, fibromi, emangiomi, tumori glomici, neuromi, ecc.) Si trovano nella sottomucosa o nella membrana muscolare, rappresentando fino al 3% di tutti i tumori della ghiandola. Di solito hanno una superficie liscia, forma sferica e possono raggiungere grandi dimensioni.

I tumori benigni sono spesso asintomatici e vengono rilevati solo durante gli esami preventivi. I reclami dei pazienti per nausea, eruttazione, perversione del gusto, dolore sono generalmente causati da malattie di fondo, come la gastrite. Quando il tumore è localizzato nelle parti cardiache o piloriche dello stomaco, si possono osservare dolori crampi nell'addome superiore, vomitare dopo un pasto. L'ulcerazione sul tumore porta a sanguinamento latente o massiccio, allo sviluppo di anemia ipocromica. La malignità del tumore è possibile. I raggi X e gli esami endoscopici sono di primaria importanza nella diagnosi di tumori benigni. L'esame a raggi X sullo sfondo di una mucosa invariata rivela difetti di riempimento, a volte con segni di ulcerazione, rimane la peristalsi. Con la crescita esogastrica, i tumori non epiteliali si trovano fuori dalle pareti dello stomaco, ma hanno una connessione con esso. La gastroscopia rivela la prevalenza del processo tumorale, nonché i segni di malignità (presenza di infiltrazione alla base, mobilità limitata, sanguinamento quando viene toccato dal gastroscopio); la biopsia consente di chiarire la natura morfologica del tumore. Trattamento operativo di tumori benigni. Polipi fino a 2 cm di diametro con una base stretta, incl. multiplo, rimosso attraverso un gastroscopio per elettrocoagulazione o usando un laser. Con polipi di dimensioni maggiori su una base ampia, in particolare quelli situati nel corpo e nella parte prossimale dell'organo, con tumori non epiteliali, è indicata la resezione a forma di cuneo o tipica della ghiandola. La prognosi è favorevole.

Tra i tumori epiteliali maligni, il tumore gastrico è il più comune e il sarcoma è tra i tumori non epiteliali. L'incidenza del cancro in diversi paesi è apparentemente associata alle abitudini alimentari e alla vita di tutti i giorni (natura e metodo di cottura, fumo, consumo di alcolici), rischi professionali (lavoro in un'industria chimica), predisposizione ereditaria, ecc. In URSS, il cancro allo stomaco è al primo posto tra tumori maligni. Allo stesso tempo, la più alta incidenza si osserva nelle repubbliche baltiche, la più bassa in Asia centrale e nel Caucaso. La crescita maligna è spesso preceduta da cambiamenti nella mucosa dello stomaco, chiamati precancerosi o, su suggerimento dell'OMS, displasia, che si verifica sullo sfondo di gastrite cronica, poliposi, ulcere allo stomaco, ecc..

Il tumore può essere localizzato nella parte prossimale o distale; nel corpo dello stomaco si osserva anche un danno d'organo totale. Le forme macroscopiche, esofitiche, infiltrative e miste sono isolate. La forma esofitica, a sua volta, include la placca, il polipoide e il piattino; infiltrativo - ulcerativo-infiltrativo, sottomarino e appiattimento; misto - cancro da un polipo e cancro da un'ulcera. Per struttura microscopica, tutte le forme di cancro possono essere suddivise in adenocarcinoma (papillare, tubulare e mucoso) e carcinoma a cellule ad anello con sigillo; distinguere anche i tipi intestinali e diffusi.

Nel decorso clinico del cancro di Zh., Secondo la classificazione approvata dal Ministero della Salute dell'URSS nel 1956, ci sono 4 fasi: stadio I - il tumore è limitato alla mucosa e alla sottomucosa; Stadio II - il tumore invade lo strato muscolare, ci possono essere singole metastasi ai linfonodi regionali; Stadio III: il tumore invade l'intera parete dello stomaco, può oltrepassarlo e infiltrarsi negli organi vicini, sono possibili più metastasi ai linfonodi regionali; Stadio IV - ci sono metastasi a distanza. Negli istituti oncologici, inoltre, viene utilizzata la classificazione TNM (vedi tumori), in base alla quale vengono prese in considerazione anche le dimensioni e la diffusione del tumore primario, il danno ai linfonodi regionali e la presenza di metastasi a distanza..

Il quadro clinico del carcinoma gastrico è molto vario, a causa della frequente insorgenza della malattia sullo sfondo di gastrite, polipi e ulcera peptica. Nelle prime fasi del processo, il cancro gastrico non ha segni specifici e quindi si distingue un peculiare complesso di sintomi (la cosiddetta sindrome dei piccoli segni), caratterizzato da una diminuzione della capacità lavorativa, rapida affaticamento, debolezza irragionevole, diminuzione dell'appetito e sviluppo di fastidio gastrico (sensazione di pesantezza e pienezza dello stomaco, nausea), irragionevole perdita di peso progressiva, anemia.

I sintomi del carcinoma gastrico nel mezzo della malattia sono più pronunciati e determinati dalle caratteristiche del tumore: la forma di crescita, dimensioni, localizzazione, prevalenza del processo tumorale e presenza di metastasi, complicanze (infezione e disintegrazione del tumore, ostruzione della pervietà, perigastrite, ecc.), Nonché reattività dell'organismo. Tutti i sintomi possono essere suddivisi approssimativamente in diversi gruppi: sintomi generali causati da intossicazione (diminuzione dell'appetito, comparsa di debolezza generale non motivata, malessere, perdita di peso, ecc.), Sintomi associati a danni allo stomaco stesso (dolore, sensazione di pesantezza, eruttazione, ecc.). ), sintomi causati da complicanze (disfagia, vomito, sanguinamento, ecc.). A seconda della localizzazione del tumore, possono prevalere determinati sintomi. Quindi, con la sconfitta della parte prossimale dello stomaco, si sviluppa una disfagia prima parziale, quindi completa. I pazienti hanno rigurgito, singhiozzo, perdita di peso, dolori al petto. Con il cancro del corpo G. i sintomi locali sono meno pronunciati. La malattia è caratterizzata principalmente da sintomi generali: diminuzione dell'appetito, debolezza generale, perdita di peso, anemia. Con il cancro della regione distale, accompagnato da stenosi del piloro, in connessione con una violazione della pervietà, compaiono una sensazione di pesantezza e distensione nella zona di Zh., Eruttazione, vomito ripetuto e perdita di peso. La diffusione del tumore al pancreas provoca gravi dolori alla schiena. L'infiltrazione o la metastasi nella testa del pancreas o nella porta del fegato sono accompagnate da ittero di origine meccanica, l'invasione del colon trasverso porta allo sviluppo di ostruzione intestinale.

Le metastasi nel carcinoma gastrico sono osservate molto spesso, incl. oltre il 50% dei pazienti operati. Il processo si diffonde attraverso 4 principali collettori linfatici (nel bacino retropilorico, verso la porta del fegato, nell'omento minore e lungo il maggiore omento fino alla porta della milza), ciascuno dei quali, a sua volta, è diviso in 4 fasi in base alla profondità dei linfonodi (diffusione le metastasi oltre le prime due fasi rendono l'operazione senza speranza). Le metastasi a distanza nel carcinoma gastrico si presentano sia per via linfatica (attraverso il flusso linfatico o nella direzione retrograda) sia per via ematogena. In uno stadio avanzato della malattia, si possono trovare metastasi nei linfonodi ascellari, inguinali e altri distanti. Tipico per il cancro ai calcoli biliari è la sconfitta dei linfonodi nella regione sopraclaveare sinistra (metastasi di Virchow), nel tessuto pelvico (metastasi di Schnitzler), nonché metastasi alle ovaie (metastasi di Krukenberg). Le metastasi possono anche essere osservate nell'ombelico, nel fegato, nel pancreas, nei polmoni, nelle ossa, nella pelle, nel tessuto sottocutaneo.

La diagnosi nelle fasi avanzate della malattia non presenta particolari difficoltà. Insieme alle lamentele, viene attirata l'attenzione sul forte esaurimento del paziente, sulla carnagione giallastra, sugli occhi spenti, sulla secchezza e sulla riduzione del turgore cutaneo. La palpazione nella regione epigastrica può essere determinata dalla formazione di tumori. Con stenosi pilorica, si osservano distensione addominale e peristalsi visibile, con ascite, un forte aumento dell'addome. Al fine di identificare metastasi a distanza quando si esamina un paziente, è necessario prestare particolare attenzione al fegato, all'ombelico e alla fossa sopraclaveare sinistra, è necessario condurre uno studio per retto e per vaginam.

Il risultato dipende fortemente dalla diagnosi precoce della malattia. Pertanto, è importante prestare particolare attenzione ai pazienti appartenenti a gruppi a rischio (persone con una storia di gastrite acilica, ulcera gastrica, poliposi), nonché identificare i primi sintomi della malattia (ad esempio "piccoli segni"). La rilevazione tempestiva dei cambiamenti nella natura del dolore e dei nuovi sintomi nelle persone con patologia del tratto gastrointestinale è di grande importanza. Un certo ruolo nella diagnosi del carcinoma gastrico è giocato dai risultati delle ricerche di laboratorio: leucocitosi moderata con neutrofilia e spostamento della formula dei leucociti a sinistra, aumento dell'ESR, acloridria, reazione ematica occulta fecale positiva e dati provenienti da metodi immunologici che utilizzano marcatori tumorali specifici (vedere Tumori). Luogo principale incl. Gli studi radiografici e l'endoscopia occupano la diagnosi precoce del cancro gastrico. I principali segni radiologici di cancro della ghiandola sono il riempimento di difetti, la deformazione e il restringimento del lume dell'organo, la rigidità della parete e l'assenza di peristalsi nell'area interessata, i cambiamenti nella struttura del rilievo della mucosa, la pervietà alterata (Fig. 4, 5). In questo caso, la predominanza dell'uno o dell'altro sintomo a raggi X dipende dalle caratteristiche morfologiche, dalla localizzazione, dalla forma, dalle dimensioni, dalla natura della crescita e dallo stadio di sviluppo del tumore, dal grado di disfunzione della ghiandola.Ad esempio, vengono determinati la crescita endofitica, la deformazione e il restringimento del lume della sezione dell'organo interessato, a causa dell'infiltrazione della sua parete, con crescita esofitica, il principale sintomo dei raggi X è un difetto di riempimento di una forma arrotondata con contorni irregolari, con forme miste, si nota una combinazione di segni di raggi X. La diagnostica a raggi X dei tumori cancerosi situati nella sottomucosa e con ulcerazione della mucosa, così come il cancro piatto strisciante, è difficile; un'attenta analisi delle radiografie consente in questi casi di identificare un'eminenza di funghi o un'ulcera piatta o un'erosione sul rilievo della mucosa.

La gastroscopia consente di determinare visivamente la localizzazione, la forma di crescita e la natura del tumore (vedi Fig. All'arte. Gastroscopia), la prevalenza del processo, nonché di ottenere stampe dalla superficie del tumore per l'esame citologico. Per studiare la struttura del tumore, vengono eseguite una gastrobiopsia mirata e un esame istologico della mucosa che circonda il focus patologico.

La presenza di metastasi nei linfonodi e nel fegato retroperitoneali viene determinata mediante ultrasuoni e tomografia computerizzata. La laparoscopia consente di identificare o escludere danni agli organi addominali e il passaggio del processo agli organi vicini, metastasi epatiche, diffusione del peritoneo. In casi dubbi, è indicata la laparotomia diagnostica con biopsia.

L'unico metodo radicale di trattamento del cancro del calcoli biliari è un intervento chirurgico tempestivo. In caso di carcinoma esofitico localizzato nelle parti distale o prossimale dello stomaco, senza transizione verso il suo corpo, viene utilizzata la resezione subtotale (distale o prossimale). Con danni al corpo di J., così come con tumori infiltrativi di qualsiasi localizzazione, è indicata la gastrectomia. Quando il tumore cresce in organi vicini (colon trasverso, pancreas, fegato, milza), è possibile eseguire operazioni combinate.

In presenza di controindicazioni alla chirurgia radicale, sono indicati interventi palliativi (per disfagia causata da un tumore della sezione prossimale dello stomaco, - gastrostomia, con carcinoma stenoso della sezione di uscita dello stomaco - gastroenteroanastomosi, con germinazione o metastasi del cancro dello stomaco nell'intestino crasso o piccolo con sviluppo di ostruzione - imposizione bypassare le anastomosi interintestinali).

La chemioterapia viene anche utilizzata solo a scopo palliativo. Degli agenti chemioterapici, i più diffusi sono gli antimetaboliti fluorurati (5-fluorouracile e flutorafur), che sono prescritti da soli o in combinazione con altri farmaci (ad esempio, vincristina, adriamicina). L'uso di vari regimi chemioterapici consente una regressione parziale del processo nel 30-40% dei pazienti. Viene anche utilizzata la radioterapia, le cui possibilità, tuttavia, sono limitate in caso di cancro gastrico. Di solito è prescritto prima dell'intervento o in combinazione con la chemioterapia..

La prognosi per il cancro gastrico dipende dalla forma di crescita del tumore, dalla struttura istologica. fase del processo e altri fattori. Con una forma esofitica di un tumore nella fase I-II del processo, la prognosi è abbastanza favorevole; con una forma infiltrativa, specialmente nella fase III-IV del processo tumorale, è sfavorevole. In generale, dopo un intervento radicale, il 20-30% dei pazienti operati sopravvive fino a 5 anni. È necessaria una diagnosi precoce della malattia. Ciò può essere ottenuto con l'osservazione dinamica e l'esame regolare dei pazienti, in particolare dei gruppi a rischio..

I sarcomi gastrici, che costituiscono il 3-5% di tutti i tumori maligni dello stomaco, sono più comuni nei giovani. A seconda dell'istogenesi, sono suddivisi in linfosarcomi, reticolosarcomi, sarcomi mesenchimali e neuroectodermici. Una caratteristica di questo tipo di tumore, in contrasto con il cancro allo stomaco, è il fatto che, anche quando raggiungono grandi dimensioni, rimangono un processo locale per lungo tempo e metastatizzano molto meno frequentemente. Allo stesso tempo, viene spesso osservata una posizione esogastrica del tumore, quando la parte principale del tumore è fuori dallo stomaco e il tumore cresce negli organi vicini. La crescita del sarcoma può essere esofitica e infiltrativa..

Clinicamente, la malattia si manifesta con disturbi dispeptici, febbre e sanguinamento gastrico spesso (con disintegrazione del tumore). Il metodo principale nella diagnosi dei sarcomi è la radiografia. Con una forma infiltrante di crescita di sarcomi, si possono notare infiltrazioni superficiali, ispessimento locale delle pieghe della mucosa o cambiamenti nei loro contorni. Un sintomo caratteristico delle forme esofitiche di crescita dei sarcomi di J. è un difetto di riempimento, che varia in dimensioni da 1 a 10 cm o più con contorni indistinti e irregolari. La peristalsi nell'area della localizzazione del tumore è assente indipendentemente dalla forma della sua crescita. La gastroscopia con biopsia è meno importante in caso di sarcomi della ghiandola, che in alcuni casi è dovuta all'assenza di lesioni della mucosa. La laparoscopia con biopsia ha un certo valore diagnostico, specialmente quando il tumore si trova sulla parete anteriore dello stomaco e quando il processo viene diffuso..

Il principale metodo di trattamento è la gastrectomia subtotale e la gastrectomia. Per alcuni tipi di sarcomi, la chemioterapia è efficace. I più comunemente usati sono ciclofosfamide, metotrexato, vincristina, adriamicina. Per la linfa localizzata e i reticolosarcomi in casi inoperabili, viene prescritta la radioterapia. La prognosi è generalmente scarsa.

L'approccio allo stomaco viene spesso eseguito attraverso le incisioni mediane, paramediche, transrettali e oblique. Le operazioni vengono eseguite in anestesia generale. Il tipo di intervento chirurgico sullo stomaco è determinato dallo scopo dell'intervento (terapeutico, diagnostico), dalla natura della malattia e dalla presenza di complicanze, il paziente.

Gastrotomia - dissezione della parete dell'organo, viene utilizzata più spesso a scopi diagnostici, meno spesso a scopi terapeutici, ad esempio per estrarre corpi estranei. Zh. Viene tagliato di solito nella direzione del suo asse longitudinale al bordo del terzo medio e distale della parete anteriore. I bordi della ferita sono separati con ganci. Al completamento dell'esame della mucosa di J., la ferita viene suturata con una sutura di catgut continua, dopo di che viene applicata una seconda fila di suture.

La gastrostomia (creazione di una fistola esterna) viene eseguita per fornire nutrimento al paziente, ad esempio, con ostruzione dell'esofago o apertura cardiaca. La gastrostomia più spesso usata secondo Witzel, in cui un tubo gastrostomico viene posato sulla parete anteriore dello stomaco in qualche modo obliquamente. Intorno al tubo, si forma un canale sieroso-muscolare con suture separate, la sua estremità distale è immersa nello stomaco e l'altra estremità viene portata alla parete addominale anteriore, di regola, nella regione dell'ipocondrio sinistro.

La gastroenterostomia (l'imposizione di un'anastomosi tra lo stomaco e l'intestino tenue) viene eseguita come un'operazione di drenaggio per ostruzione nella metà inferiore dello stomaco, nel piloro o nel duodeno. Dei vari metodi di gastroenterostomia, il metodo più comune di Bellefleur è l'imposizione di una gastroenteroanastomosi della colica anteriore anteriore su un ciclo lungo con anastomosi interintestinale (Fig. 6, a), che fornisce la pervietà più prolungata dell'anastomosi da un tumore, una gastroenterost secondo Gakkerenter e una gastroenterostomia secondo Gakkerker Gomekerk usato per stenosi cicatriziale di eziologia ulcerosa (Fig. 6.b).

La piloroplastica viene eseguita (in combinazione con varie varianti di vagotomia) per complicanze dell'ulcera duodenale, nonché quando lo stomaco si sposta nella cavità toracica per tumori del terzo inferiore dell'esofago. I metodi più comunemente usati sono la piloroplastica secondo Heinecke - Mikulich e Finney (Fig. 7).

La resezione gastrica, che occupa un posto importante tra le operazioni su questo organo, è divisa in distale e prossimale. La gastrectomia distale viene eseguita per ulcera gastrica, tumori maligni benigni ed esofitici dell'antro. L'operazione consiste in tre fasi principali: mobilizzazione della parte dell'organo da rimuovere, l'effettiva resezione della parte prevista dello stomaco con preparazione del moncone duodenale per la fase successiva dell'operazione e ripristino della continuità del tratto digestivo. Esistono due tipi principali di tali operazioni (Fig. 8): il primo tipo - resezione dello stomaco con ripristino del passaggio del cibo attraverso il duodeno (metodo Billroth-I): il secondo tipo - resezione dello stomaco e la creazione di un'anastomosi tra il moncone dello stomaco e il digiuno ( Metodo Billroth-II) in varie modifiche (secondo Hofmeister - Finsterer, Balfour, ecc.).

La resezione prossimale viene eseguita per il cancro della sezione prossimale dello stomaco in assenza di metastasi nei linfonodi del legamento gastro-colonico lungo la maggiore curvatura. L'operazione prevede la rimozione della parte prossimale, nonché del corpo della donna nella curvatura minore. Successivamente, un tubo viene formato dalle restanti sezioni della ghiandola, che viene quindi collegato all'esofago (Fig. 9).

La gastrectomia (rimozione completa della ghiandola) comprende gli stessi stadi di base della resezione della ghiandola.La continuità dell'apparato digerente viene ripristinata mediante esofagogojunostomia con enteroenteroanastomosi (Fig. 10).

Vengono utilizzati anche altri tipi di interventi chirurgici. Quindi, con un'ulcera sanguinante di J., viene eseguita una gastrotomia longitudinale e dopo l'identificazione della fonte di sanguinamento, il difetto viene suturato. Quando l'ulcera è perforata, il foro perforato viene suturato con una sutura a doppia fila o secondo il metodo Oppel-Polikarpov (introduzione di una parte dell'omento maggiore sulla gamba di alimentazione nel foro perforato, seguita dalla sua fissazione lungo la circonferenza del difetto alla parete di J.).

Con un'ulcera peptica, viene eseguita una vagotomia. I più diffusi sono il gambo bilaterale, la vagotomia prossimale selettiva gastrica e selettiva. La vagotomia dello stelo (Fig. 11, a) consiste nell'intersezione dei tronchi del nervo vago immediatamente sotto il diaframma, al di sopra della separazione dei rami celiaci e epatici da essi. La vagotomia gastrica selettiva (Fig. 11, b) consiste nell'intersezione di tutti i rami gastrici del tronco anteriore e posteriore del nervo vago, con conseguente denervazione dell'intero organo, mantenendo i rami diretti al plesso celiaco e al fegato. L'obiettivo della vagotomia prossimale selettiva (Fig. 11.c) è la denervazione parziale della zona di produzione di acido dello stomaco (corpo e fondo) preservando il ramo del nervo vago, che fornisce la funzione motoria dell'antro del G. Le prime due operazioni sono solitamente combinate con la piloroplastica, quest'ultima può essere eseguita in modo isolato.

Bibliografia: Human Anatomy, ed. SIG. Sapin, vol.2, p. 33, M., 1986; Antonovich V.B. Diagnostica a raggi X delle malattie dell'esofago, dello stomaco, dell'intestino, M., 1987, bibliogr.; Vasilenko V.Kh. e Grebenev A. L. Malattie dello stomaco e del duodeno, M., 1981, bibliogr.; Isakov Yu.F., Stepanov E.A. e Krasovskaya T.V. Chirurgia addominale nei bambini, p. 84, M., 1988; A.A. Klimentov, Yu.I. Patyutko e Gubina G.I. Tumori dello stomaco, M., 1988; Chirurgia clinica, ed. Yu.M. Pantsyreva, s. 209. M., 1988; Linee guida per la chirurgia addominale di emergenza, ed. V.S. Savelyeva, s. 275, M., 1986; Sigal M.Z. e Akhmetzyanov F.Sh. Gastrectomia e resezione gastrica per cancro, Kazan, 1987, bibliogr.; Slinchak S.M. Cancro allo stomaco, Kiev, 1985, bibliogr.; Uspensky V.M. Morfologia funzionale della mucosa gastrica, L., 1986, bibliogr.; Fisiologia della digestione, ed. A.V. Solovyov, ecc., L., 1974; Malattie chirurgiche, ed. MI. Kuzina, s. 369, M., 1986; Ham A. e Cormac D. Histology, trans. dall'inglese, vol.4, p. 126, M., 1983.

Figura. 5a). Radiografia dello stomaco con forma endofitica di crescita del cancro con lesione totale: la deformazione e il restringimento dello stomaco sono espressi in tutto.

Figura. 5 B). Radiografia dello stomaco con forma endofitica di crescita del cancro con lesione limitata: restringimento e irregolarità dei contorni del piloro (indicato dalla freccia).

Figura. 10. Rappresentazione schematica di esofagogojunostomia con enteroenteroanastomosi dopo gastrectomia (la freccia indica il moncone suturato del duodeno).

Figura. 2. La radiografia dello stomaco è normale con il suo solito riempimento con una sostanza radiopaca.

Figura. 9. Rappresentazione schematica della resezione gastrica prossimale.

Figura. 11. Rappresentazione schematica della vagotomia: a - stelo; b - gastrico selettivo; c - prossimale selettivo.

Figura. 8. Rappresentazione schematica della resezione gastrica distale: a - Metodo di Billroth-I; b - Metodo Billroth-II modificato da Hofmeister - Finsterer; c - Metodo Billroth-II modificato da Balfour.

Figura. 7. Rappresentazione schematica della piloroplastica (le linee di taglio sono indicate dalla linea tratteggiata): a - secondo Heineck - Mikulich (la parte pilorica dello stomaco e del duodeno sono sezionate lungo, il foro risultante viene suturato nella direzione trasversale); b - secondo Finney (anastomosi tra l'antro dello stomaco e il duodeno).

Figura. 6. Rappresentazione schematica della gastroenterostomia: a - secondo Welfler; b - secondo Gacker.

Figura. 1. Rappresentazione schematica dello stomaco (parti dello stomaco sono denominate come di consueto in anatomia): 1 - parte cardiaca; 2 - il fondo dello stomaco; 3 - il corpo dello stomaco; 4 - grotta del gatekeeper; 5 - canale gatekeeper.

Figura. 4. RX di avvistamento dello stomaco (con compressione) per la crescita esofitica del cancro dell'antro: le pieghe della mucosa sono ispessite, si rompono (1); vengono determinati più difetti di riempimento irregolari (2).

Figura. 3. La radiografia dello stomaco è normale quando è strettamente riempita con una sostanza radiopaca.

II

Zhelabacino (ventricolo, gaster, PNA, BNA, JNA)

un organo cavo del tratto digestivo, situato tra l'esofago e il duodeno, che fornisce l'accumulo di cibo, la sua parziale digestione e assorbimento.

Articoli Su Epatite